RICERCA NEL SITO

PROVERBI :

SICILIANI

PUGLIESI

LOMBARDI

TOSCANI

LIGURI

PIEMONTESI

ROMAGNOLI

VENETI

UMBRI

MARCHIGIANI

LATINI

SARDI

CALABRESI

ROMANI

TRENTINI

MOLISANI

VALDOSTANI

FRIULANI

PROVERBI AFRICANI  PAG.1 -2 -3

PROVERBI ITALIANI


PROVERBI NAPOLETANI HOME   PAG. 2    pag.3    pag.4    pag.6


PROVERBI NAPOLETANI 5


Ognuno è ricco 'a casa soja
Ognuno è re nella propria casa.


Ma che tengo 'o prevete a casa?
Ma pensi veramente che io stia bene a soldi?


"Fattella cu chi è meglio 'e te 'e fanci 'e spese."
(Frequenta persone migliori di te 
e sii generoso con loro)


Tutt' 'o lassato è perduto
(Tutto ciò che è lasciato è perso)


-Avimmo magnato, avimmo vippeto e ‘nc’è 
trasuto ‘o riesto.
Abbiamo mangiato e bevuto e ci è avanzato 
il resto. 


A' 'a primma 'ntratùra (oppure: trasetùra) 
guardàteve 'e ssacche.
Sii molto attento e' guardati dalle persone che non
 conosci ancora bene o che appartengono ad un 
ambiente per te nuovo.



Abbesogna fa 'o pireto pe' quanto
 è gruosso'o culo.
Non bisogna mai fare il passo più lungo della.
gamba; occorre cioè misurare bene le proprie
capacità prima di intraprendere
 una qualsiasi iniziativa.


Abbòffete, dicette 'o puorco, ca 'o pantano è chino!
Con la lena, l'assiduità e l'intelligenza bisogna
saper emergere e distinguersi nel proprio ambiente 
di lavoro. Può anche significare che, nei momenti 
di caos odi disordine, ciascuno deve approfittare 
al massimo per fare i propri interessi.


Abbrìle, còrcate prièsto(o: ambrèssa)
e sùsete matino.
Specie in aprile sarebbe quanto mai opportuno
alzarsi presto per godere appieno dei colori 
e dei profumi primaverili, particolarmente 
accentuati nelle prime ore del mattino.


Chi bella vo’ pare’, pene e gguaje hadda pate’
Chi vuole apparire bella, 
deve sopportare pene e guai


Chi non ha altro, va a letto con la moglie


A pavà e a murí, quanno cchiú tarde se po’.
(A pagare ed a morire, quando piú 
tardi sia possibile... Id est: È buona norma il 
tentare di rimandare sine die due cose 
ugualmente nocive: il pagare ed il decedere.) 



Ricette o pappic vicin a noce, "ramm o
tiemp ca ta spertos!"
Disse il tarlo alla noce "dammi il tempo
che ti foro".