Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

RICERCA NEL SITO

PROVERBI ITALIANI 6

PROVERBI PUGLIESI


Mat'a cchèdda tèrre ca non vède u patrùne
Male a quella terra che viene trascurata dal padrone


Quànne vène u chezzàle de fore, dange 
a manggià ca tanne more
Quando il contadino torna a casa, dagli 
da mangiare tanto da farlo scoppiare


Fa come o cane, sckame da lendàne
Fa come il cane, abbaia da lontano



O mègghie amìche la mègghia petràte 
Al miglior amico la migliore sassata


Ce u russe fosse fedèle pure u diàuue fosse senggère 
Se il rosso di capelli fosse fedele anche 
il diavolo sarebbe sincero


Ci tène la fàccia toste se marìte e la
 fèmmena onèste arremàne zìte 
Chi è sfrontata si marita e la donna 
onesta rimane zitella


Na fèmmene, na pàbbere e nu puèrche
 fàscene reveldà nu paìse 
Una donna, una papera e un porco 
mettono in subbuglio un paese


La fèmmene cattìve chiànge u muèrte 
e ppènze o vive 
La vedova piange il morto e pensa al vivo


Ci tène terrìse sèmbe conde ci tène 
megghièra bbone sèmbe cande 
Chi ha denaro sempre conta, chi ha
 moglie bella sempre canta


Ci che la dote la bbrutte se pìgghie, va pe mmète
 grane eppàgghie pìgghie 
Chi per la dote sposa una donna brutta, 
invece di grano miete paglia


Le ciùcce s'arràghene e le varrìle se sfàsscene 
Gli asini litigano e i barili si sfasciano


Quànne u vove non vole arà, tutte
 le sscìue nge pàrne stèrte 
Quando il bue non vuole arare, tutti 
i giochi gli sembrano scomodi


Ci se mange la polpe, s'ava spezzuà u uèsse 
Chi si mangia la polpa, deve rosicchiarsi l'osso


U mèste d'àssce fasce crusce 
e ammène abbàssce 
Il falegname manda giù i segni 
di croce che si fa (e niente pane)


Ci va n-gase de varviire non àcchie
 lusce, né cannelìire 
In casa di barbieri non ci sono
 luci né candelieri


U scarpàre ticche e tticche sèmbe
 fatìche e mmà iè rricche 
Il cazolaio "ticche e tticche" sempre
 lavora e mai è ricco



Ce ricche te uè fà va n-gambbàgne e mmìttete ad arà
Se ricco ti vuoi fare, và in campagna e mettiti ad arare 


Oggne e bbène da la tèrre vène
Ogni bene dalla terra viene 


Nesciune nasce ambaràte
Nessuno nasce istruito 

Da u mbriaèche puète avàjè nu bbecchiere de mierre,
da u cana rèute nam buete avaie nu mùez zeche.
Dall’ubriaco potrai ricevere un bicchiere di vino,
ma dal goloso nemmeno una briciola di pane.


Ci manci sulu te nfuchi - Se mangi solo ti strozzi.


Lu poi ede parente de lu mai.
Il poi è parente del mai.


Meggh'j no dè a lanter'n 'men 'o c'chet.
Meglio non dare la lanterna in mano al guercio


Sott'a nu bùne maestre èsce nu bùne discèpule.
Sotto a un buon maestro esce un buon discepolo.


VA AVANTI TORNA INDIETRO