PROVERBI ITALIANI 14 calabresi

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

RICERCA NEL SITO

PROVERBI ITALIANI 14

PROVERBI CALABRESI


A cuccagna vene da campagna.
traduzione: La cuccagna viene dalla campagna 
(che è fonte di ricchezza).

A jennaru puta paru, ma 'u veru putàzzu è llu
 mise e marzu.
traduzione: A gennaio pota in modo massiccio,
 ma la vera potatura deve avvenire nel mese di marzo.

A neglia vascia 'u malu tiampu lassa.
traduzione: La nebbia bassa lascia il cattivo tempo.

A piacura ppe' ricchizza, 'a vacca ppe' randizza.
traduzione: La pecora per ricchezza,
 la vacca per grandezza.
 (Il possesso della pecora dà ricchezza, 
quello della vacca autorità)

A Santu Benedittu `u primu fischìettu.
traduzione: A San Benedetto (si fa) 
il primo fischietto (zufolo).

A vigna è na tigna.
traduzione: La vigna è una tigna 
(perché richiede culture difficili).

A vigna vo'gente e sordi.
traduzione: La vigna vuole gente e soldi.
 (La vigna ha bisogno di molti operai e di
 molte spese).
 
Se voi l’amicizia u si mmanteni, 
nu panareju vai e unu veni.
- Se vuoi che l’amicizia si mantenga, 
che un piccolo cesto vada ed uno venga.

Non è veru amicu cu pigghja e non duna.
-Non è vero amico chi prende e non dà.

L’omu gelusu mori cornutu.
- L’uomo geloso muore cornuto.

A lingua non avi ossa ma rruppi l’ossa.
- La lingua non ha ossa ma rompe le ossa.

‘Nta casa du galantomu, prima
 a fimmana e poi l’omu.
- Nella casa del galantuomo, 
prima la donna poi l’uomo.



VAI AVANTI TORNA INDIETRO