HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

POESIE IN NAPOLETANO DI B.BRUNO

FILASTROCCHE NAPOLETANE

GRAMMATICA NAPOLETANA

LA SMORFIA NAPOLETANA

 

POESIE IN VERNACOLO


 

DIALETTO  NAPOLETANO


PAGINA  2 - 3 - 4


LUCIANO SOMMA

A PINO

5 ‘e Gennaio che gelo attuorno
Ma certamente nun è p’’o friddo
Pe’ dint’’e core che bruttu juorno
Pino Daniele nun ce sta cchiù
‘Mpruvvisamente na botta a ‘o core
Mo t’ha purtato pe’ sempe ‘ncielo
He dato e avuto sultanto ammore
Pe’ tutt’’o munno e pe’ sta città.
Ma restarranno pe’ nuje ‘e ccanzone
E chella voce ca ce ‘ncantava
E na chitarra chiena ‘e passione
Che bella musica ca sunava.
Si stato gruosso, si, grande assaje,
figlio ‘e sta Napule ch’è mamma a tte
‘nzieme a Troise mo ncielo staje
Cantanno ancora: NAPULE E’!
LUCIANO SOMMA




'O PRIMMO 'E SETTEMBRE

LL'urdemo suonno d'Austo
se sceta c''o primmo 'e Settembre,
stasera è n'incanto!
'O cielo è amaranto, na refola 'e viento
doce comme 'a carezza 'e nu bbene
amara comme 'o ffele d''o chianto
me porta
na chiorma 'e penziere
ch'affollano 'a mente
e metteno 'ncroce 'stu core.
Vurria ca chiuvesse e nun chiove...
vurria tanta nuvole attuorno
ma 'a luna è d'argiento...
Vurria ca nu suonno turnasse
ma 'o suonno nun torna.
'Stu suonno è partuto
'ncopp''a ll'onne
'e ll'urdema sera d'Austo
lassonnome
nu grappolo 'e stelle
miez''a nu cielo amaranto
'int''a 'sta sera 'ncantata
d''o primmo 'e Settembre.
 


TRADUZIONE DELL’AUTORE

IL PRIMO SETTEMBRE

L’ultimo sogno di Agosto
Si sveglia col primo settembre,
stasera è un incanto!
Il cielo è amaranto, un pezzetto di vento
Dolce come la carezza d’un bene
Amara come il fiele del pianto
Mi porta 
Una ciurma di pensieri
Che affollano la mente
E mettono in croce il cuore.
Vorrei che piovesse e non piove
Vorrei tante nuvole intorno
Ma la luna è d’argento…
Vorrei che il sogno ritornasse
Ma il sogno non torna.
Questo sogno è partito
Sopra le onde
Dell’ultima sera d’Agosto
Lasciandomi
Un grappolo di stelle
In mezzo ad un cielo amaranto
In questa sera incantata
Del primo Settembre.
LUCIANO SOMMA




N'ATU DIMANE 
 
Tu staje durmenno 'a troppo tiempo ormaje
'mbracci''e canzone, 'o sole, 'a luna, 'o mare,
mentre tenimmo na muntagna 'e guaje
assapuranno 'e lacreme cchiù amare.
 
No, nun se pò campà na sceneggiata
c''o popolo ca è sempe 'o primmo attore
cu' na ferita antica maje sanata
e tante e quante spine dint''o core.
 
Giesù Cristo nascette 'ncopp''a terra
fui mise 'ncroce ma resuscitaie
ma 'sta città sta sempe miez''a guerra
senza truvà nu poco 'e pace, maie.
 
'Ncopp''e disgrazie stanno speculanno
arricamanno ciente e cchiù buscie
stammo dint''a 'mmunnezza ma nun sanno
'o sudore che scorre miez''a via.
 
'O sanghe ca se jette pe' dà 'o ppane
a tanta vocche a stommaco vacante
campanno cu''a speranza 'e nu "Dimane..."
suffrenno 'int''o silenzio comm''e Sante.
 
Basta però chisto è mumento, è ll'ora
tu stai durmenno 'a troppo tiempo e 'o ssaje
è overo ca vulisse durmì ancora
ma è fore tiempo 'o suonno ca te faje.
 
Chitarre, manduline, serenate
so' sulamente na scenografia
sulo ricorde 'e juorne già passate,
Napule, nun se campa 'e fantasia.
 
Levate 'a cuollo 'e panne d''a riggina
e miettete cu''a capa e c''o penziero
a straccià tutte quante 'e ccartuline
ca nun so' cchiù 'o ritratto tuio sincero.
 
E arapele chist'uocchie finalmente
facimmele sta zitto chistu munno
e faticammo dignitosamente
pecchè è fernuta l'epoca d''e suonne.
LUCIANO SOMMA





SPERANZA E' NATALE
 
'O mmale 'e nu munno 'mpazzuto
me trase 'int''o core stasera
nu core ca cerca n'aiuto
l'aiuto 'e na mano sincera.
Pe' ll'aria nu suono 'e zampogna
me porta 'a nuvena ch'è doce
ma è spina ca 'mpietto me pogna
sentenno pesante sta Croce.
Sole 'e Natale puortece
'o pizzo 'a rrisa 'e Ddio
c''o verde d''a speranza
pace e serenità.
Dacce dint'a sti juorne
carezze d'alba, e' cielo,
scacciala 'a nuje pe' sempe
tutta sta 'nfamità.
 

 SPERANZA DI NATALE 
 TRADUZIONE
Il male d'un mondo impazzito
mi entra nel cuore stasera
un cuore che cerca un aiuto
l'aiuto di mano sincera.
Per l'aria un suono di zampogna
mi porta una dolce novena
ma è spina che in petto mi punge
sentendo una Croce pesante.
Sole di Natale portaci
il sorriso di Dio
col verde della speranza
pace e serenità.
Dacci in questi giorni
carezze d'alba, di cielo,
scaccia da noi per sempre
tutta quest'infamità.
LUCIANO SOMMA




Mancava nu mese a Natale

 Mancava nu mese a Natale
Filuccio sunnava 'o presebbio 
Assunta penzava 'a befana
Nannina filava e cantava
attuorno che cujeta ce steve
pareva 'e sentì già 'a nuvena...
Sta ggente mo è sola nu cunto
suspesa tra 'o cielo e na terra
ch'ha avuto cchiù lutte 'e na guerra
rusarie 'e ferite arapute
na scossa l'è stata fatale
mancava unu mese a Natale...
LUCIANO SOMMA




N’ORA D’AMMORE

Cu’’e schiocche ‘e russo ‘nfaccia na 
M’ha tuzzuliato ‘a porta stammatina
‘int’’o panaro: ove e pulle paisane
E ncuollo nu prufumo ‘e Giesummine.

Teneva ‘o pietto gruosso ‘e na nutriccia,
tunno, aggraziato, genuino e bello,
m’ha dato ‘o riesto (io nun tenevo spiccio)
piglianno ‘e sorde ‘a sotto a na mammella.

Comm’era fresca, tosta e assaie carnale
Cu’’o pietto miez’’a dinto e miez’’a fore
“Gnornò”, m’ha ditto, me facite male…
Che vaje dicenno core ‘e chistu core!

Femmene ‘e classe, tutte ‘ntulettate
Cu’’a faccia mascherata ‘e fetenzie
Cu creme, ciprie e sempe assaje ‘nzevate
Che so? Vedendo a tte pacchiana mia.

E simme state ‘nzieme quase n’ora,
muglierema era scesa pe’ fa ‘a spesa,
e che priezza è stato a fa l’ammore…
po’ s’è vestita pe’ turnà ‘o paese.

Ce simmo salutate e pe tramente
Essa scenneva ‘e scale ha avuto ‘e faccia
Muglierema che s’’a teneva mente
Mentre saglieva cu’’a criatura ‘mbraccia.

Che d’è ha ditto, trasenno dint’’a casa,
smiccianno ll’ove e ‘o pullo ‘int’’a cucina,
‘sta puzza ca me trase dint’’o naso?
Nun ha sentuto ‘addore ‘e Giesummine…

LUCIANO SOMMA






GELO

Nu ggelo
me trase 'int''e ccarne
passanno p''e vvie
addò so' nnato
addò ogne sfraveca 'e mure
arape 'a ferita
d''o tiempo passato.
Addò steve 'o puosto e zi' 'Ntuono
ce sta n'automobbile 'e lusso
e nun ce stà cchiù a funtanella
vicino 'a carretta d''o .
Me pareno nove sti strade
e pure 'o palazzo, 'o purtone,
me pare 'e vedè nu guaglione
cu''a faccia 'e nu viecchio, signata...
Me fisso guardanno 'o puntone
penzanno a nu suonno luntano
sperduto 'int'a notte d''o tiempo
spezzato tra iere e dimane...
Me sento sciogliere 'o ggelo
vedenno a n'amico scurdato
n'abbraccio,  po' n'ato, po' n'ato,
che dice? Che fai? Addò si' stato?
Me pare 'e turnà comme aiere
trasenno 'int''o vascio lustrato
'a tazza 'e cafè dint''e mmane
me giro e m'avoto stunato.
Parlammo d''e ccose 'e ogne juorno
d''a ggente ch'è viva o ch'è morta
d''e figlie, 'a mugliera, d''e frate,
d''o tiempo che passa, d''a sciorta...
'O ggelo me trase 'int''e ccarne
vedenno 'int''a n'angulo 'e muro
na vecchia assettata che tremma
cu' ll'uocchie affunnate 'int''o scuro...
Comm'erano belle na vota
quann'io m''e ssunnavo guaglione
sperano chisà mai che cosa...
che scherze che fà l'illusione...
N'abbraccio, nu breve saluto,
nun lasso sultanto nu vico,
nun lasso nu surzo 'e passato
ma tutto nu munno, già antico...
LUCIANO SOMMA
 


PAURA

  Nu lampo
  'int''o cielo sereno
  po' n'ato e po' n'ato
  nu tuono
  na nuvola scura
  e po' acqua a zeffunno,
  paura!
  Paura d''a ggente,
  paura d''a folla ,
  paura 'e n'amico,
  paura 'e ll'ammore,
  paura p''e figlie,
  paura d''a vita,
  paura d''a morte,
  paura!
  L'affanno
  me guasta 'o respiro,
  nemico stu munno
  me rieste tu sola,
  cunforto 'e sta penna,
  bellezza 'e stu core,
  'ncantesimo 'e st'uocchie,
  tu, Napule.
  E invece?
  Tu pure,
  tu pure me 'nganne,
  e strascine sti juorne
  senz'ombra 'e speranza
  c''o sciato d''a morte
  a ogn'angulo 'e via.
  E i' tremmo 'e paura...
  Paura d''o sanghe,
  paura d''o ffuoco,
  paura d''o mmale,
  paura d''a vita,
  paura d''a morte,
  paura 'e sta morza d'acciaro c'astregne...
  Paura...paura...paura...
LUCIANO SOMMA





MUSICA NOVA

Na fronna verde,
cchiù vverde d''o vverde,
p''o sciuscio 'e nu viento maligno
sta cadenno
spezzata
po' n'ata
e n'ata ancora,
e nisciuno ca dice a stu viento:
mo fèrmate, basta!
Ogni juorno che passa
è cchiù viecchio, cchiù stanco;
tene 'a voce abbrucata e 'o lamiento
è cchiù lento
ogni passo è pesante
pe' tramente 'int'a ll'aria
'o suspiro è turmiento.
Chistu tiempo ch'è amico e nemico
cammina p''o munno
cu rilorgie 'mpazzute
lancette cagnate...
Ma pe' vvie 'e ll'Universo se sente
na musica nova che Dio
sta sunanno pe' l'ommo 'e dimane
ca nun è certamente Gesù...
 
   LUCIANO SOMMA
                                             



‘O PRIMMO ‘E LL’ANNO

Stu juorno nuovo
Ca ce sceta
Tene ‘o sorriso ‘e gioia
Che da’ speranza
Pe’ ll’aria tutt’attuorno
Nu prufumo d’alleria
‘o canto ‘e nu canario
ca vola verso ‘o cielo .
Napule mamma overa
E no matrigna
Dà latte a chistu figlio
Appena nato
‘o cunnulèa
s’’o vase e l’accarezza
po’ guarda l’orizzonte
e ‘ncopp’’o mare
finalmente
vede nu raggio ‘e sole
preputente .
LUCIANO SOMMA





L''URDEMO 'E LL'ANNO
 
Migliare 'e botte 'ntronano p''e viche,
sciumm''e spumante corrono p''e ccase,
E' mezannotte, e l'anno ch'è fernuto
c''o cchiù bello surriso ce saluta.
 
Chioveno da' 'e balcune e da' 'e ffeneste
butteglie, fiasche, 'nzalatiere rotte,
piatte sengate e vase 'e terracotta
fanno 'nzerrà d''e vasce tutt''e pporte!
 
Chi se scagna n'abbraccio e chi nu vaso
tutte felice, viecchie e guagliuncielle,
tutte so' ricche, pur''e puverielle
'o munno, pe' n'istante, s'è cagnato.
 
Ma comm''a nu cardillo senza voce,
dint''a chist'angulillo senza luce,
ce stà nu core ca nun trova pace
'nzerrato 'mpietto, stracquo 'e tutt''e ccose.
 
Comm'a nu cane senza cchiù padrone
comm'a n'albero senza cchiù na fronna
io stongo sulo, mentre se struje, lenta,
'a fiamma 'e na cannela c'allummaje.
Cu' nu bicchiere 'mmano, ch'è vacante,
voglio fa quacche brinneso sultanto:
 
Nu brinneso a chi tutto s'ha pigliato
e niente ha dato
nu brinneso 'a salute e chi ha lassato
'o core mio pe' n'ato!
 LUCIANO SOMMA

 



TRISTEZZA
 
E'autunno!
Mmiez''o nniro-fummo 'e ll'aria
p''e vvie 'e sta città
senza cchiù verde
veco n'albero annuro
e attuorno a 'e rame sicche,
scheletrite,
na chiorma d'aucelluzze appaurate...
E' nu lamiento 'o suono, è nu rummore,
comme 'mpazzute voleno
pe' nu suspiro: ussiggeno...
N'accanimento inutile!
...e a uno a uno cadeno
'ncopp'alsfalto traditore e ummedo
d''o marciappiede sulitario e traggico.
Vedennele accussì
sponta na lacrema
'e na tristezza
ca nun se pò credere.
LUCIANO SOMMA




Traduzione
 
E' autunno!
Tra il nero-fumo dell'aria
per le vie di questa città
senza più verde
vedo un albero nudo
e intorno a i rami secchi,
scheletriti,
una ciurma di uccellini impauriti.
Il suono è un lamento, un rumore,
come impazziti volano
per un sospiro: ossigeno
accanimento inutile!
E ad uno ad uno cadono
sull'asfalto traditore ed umido
del marciapiedi solitario e tragico.
Vedendolo così
spunta una lacrima
d'una tristezza
che non si può credere.
 LUCIANO SOMMA

 
 



A TOTO'
(Dedicata a TOTO' per il quarantesimo
 anniversario della sua morte) 

Tu 'ncopp''o palcoscenico
Si' stato n'attrazione ,
'o rre d''o munno comico
pe' tre generazione .
Verace figlio 'e NAPULE
N'he dato buonumore ,
sapive fa miracule
cu' l'arte toja d'attore .
Madò che Ddio 'e cervella
Tenive comme autore
Pe' scrivere 'A LIVELLA
e 'O FINE DICITORE .
Pe' fà na MALAFEMMENA
Ch'è nu capolavoro ,
canzona chiena 'e sèmmena
ch'ogge se canta ancora .
A sta città che campa
'a sempe 'int''o turmiento
tu c'he lassata 'a lampa ,
nu sciummo 'e sentimento .
N'eredità 'e sorriso
Nu testamento 'e core
Na luce 'e pizzo a rrisa
L'oro 'e nu 'nduratore .
E pe' ringraziamento
T'avimmo dedicato
TOTO' , nu monumento 
Tutto pe' tte , allustrato !
NAPULE è na famiglia
Aunita 'int''o calore
E tu ca lle si' figlio
Nun può murì , nun muore !
LUCIANO SOMMA




FRIDDO

'O friddo, stu friddo,
che sento 'int''e vvene
che gela sti ccarne
che tremma 'int''o core
me porta l'affanno
d''o mmale d''o munno
cchiù funno d''o funno
cchiù amaro d''o chianto.
Nu poco 'e calore
purtarria 'o sereno
na smania d'ammore
ca invece nun vene
...e 'o friddo me pogna
cchiù acuto 'e na freva
stu ghiaccio è tagliente
che trase e cammina.
'O sanghe malato,
'o ppane stentato,
na mano ch'accide,
na voce 'e dannate.
Stu friddo è pussente,
me pare n'inferno
sta vita ca è niente,
però nun è vierno!
 LUCIANO SOMMA






DIMANE

Nu cielo chiaro,
comme a nu specchio,
lucente , brillante !
Nu sole cucente
‘nfoca
tutt’’e ccose attuorno .
Ma chiove…si, chiove
Dint’’e core d’’a ggente
Che CHIAGNE.
So’ ciente , millanne
Che CHIAGNE
E nisciuno ,si , proprio nisicuno
Fa niente pe’ niente…
Eppure sta NAPULE
Ha dato a stu munno
Nun solo canzone
Ma tutta na storia
Ch’’a lettere ‘e fuoco
Stà scritta
‘int’’o libbro d’’a vita .
‘O cielo è sereno,
‘o sole è n’incanto
ma chiove…si,chiove
‘int’’e core d’’a ggente
che campa dicenno
‘a millanne : Dimane…
Ma quanno s’addorme
Nun sonna
E quanno se sceta ‘a matina
Nun trova
Ca ‘o stesso Dimane d’ajere .
Eppure dimane
Sarrà comm’a sempe :
Nu cielo sereno ,
nu sole cucente
ma chiove…si,chiove
‘int’’e core d’’a ggente !
LUCIANO SOMMA




E' NATALE

'O palpito 'e mille campane
che sonano p''a mezanotte
'a gioia che da' st'ammuina
anticipa nu quarantotto.

Aunite,c''o sciato 'e ll'affetto,
ce sta' tutta quanta 'a famiglia
e' doce a campa' stu mumento
ch'astregna sti core,atturciglia.

Miraculo 'e n'attimo 'e pace
na sosta pe' l'anzia 'e l'affanno
pe' nuje,ca pasture 'e presebbio,
avimmo campato nat'anno.

Vurria ca stu tiempo nemico
putesse ferma' sti minute,
sti ffacce,sti vvocche,sti mmane.
Na voce ch'allucca:Salute!

Chist'uocchie che guardano 'a cimma
'e n'albero addo' l'abbundanza
sta dint''e ggranate d''e lluce
ch'appicciano 'o ffuoco 'e st'ausanza.

Chist'uocchie ca cercano 'o bbene
tra mille culure 'e biancale
stunate e 'mbriacate p''o vino
mo so' lampe 'e vita,e' Natale!
LUCIANO SOMMA






ARIA E’ MARE

Se so’ stutate ‘e lluce ‘int’’a nuttata
Povere ‘e luna ‘ncopp’a sta città
‘o viento nun asciutta sti paure
E l’aria ‘e mare trase ‘int’’e pulmune
Zitte, stanno durmenno sti criature.
Chest’aria e’ mare
Ma comme sape ‘e chianto st’aria ’e mare
Na vranca e’ fronne gialle ‘int’’e penziere
Cu na speranza appesa a na scugliera.
P’’e viche cchiù nun sonano ‘e chitarre
Se so’ addurmute ‘e ddete ‘ncop’’e corde
So’ nuvole luntane sti ricorde
So’ ragge ‘e luna stise ‘nterra ‘a rena.
Chest’aria ‘e mare
Profuma ‘e suonno antico st’aria ‘e mare
Fantasma arruzzunuto dint’’a varca
Ca chianu chiano se ne va luntana
Lenta scumpare macchia all’orizzonte
E resta ‘o mare…sulamente ‘o mare…
LUCIANO SOMMA



ARIA DI MARE(traduzione)

Si sono spente le luci nella notte
Polvere di luna sulla città
Il vento non asciuga le paure
E l’aria di mare entra nei polmoni
Zitti, stanno dormendo i bambini.
Quest’aria di mare
Ma come sa di pianto quest’aria di mare
Un pugno di foglie gialle nei pensieri
Con una speranza sospesa su una scogliera.
Per i vicoli non suonano le chitarre
Si sono addormentate le dita sulle corde
Sono nuvole lontane questi ricordi
Sono raggi di luna stesi sulla sabbia
Quest’aria di mare
Profuma di sogno antico quest’aria di mare
Fantasma arrugginito in un barca
Che piano piano se ne va lontana
Scompare lenta ed è una macchia all’orizzonte
E resta il mare…solamente il mare…
LUCIANO SOMMA





E' GIA' SERA

'Int''o mare d''o munno ferito
quanta stelle cadute,
e ll'onne 'mpazzute
se portano a rriva
l'arraggia d''o viento,
pe' copp''a scugliera
se cerca na luce
ca desse nu filo 'e speranza
ma s'è fatto tarde, è già sera...
E' sera pe ll'aria, malata,
addò pure ' respiro
s'ammesca cu''e nnote amare
'e na musica antica
che porta 'o mutivo viulento
d''a sete 'e putere.
Nu scunciglio 'e gabbiano
attuorno
turtura na povera vela
ca tremma e se perde
cadenno pe' copp''a scugliera,
nisciuno cchiù 'a salva
pecch'è troppo tarde, è già sera...
E' sera pe' chi va truvanno
mi pizzo stramano
supplicanno na vita serena
ma cchiù nun trova na mano...
E' sera pe' chi 'e ll'onestà
ha purtato 'a bannera
frasturnato a stu globbo ca gira
'o cuntrario d'aiere,
e more n'altare 'e speranza
mentre n'organo sona
'o trionfo d''o mmale,
cchiù forte, ogne ghiuorno, cchiù forte,
marturianno 'a tastiera.
'Int''o mare d''o munno ferito
s'è fatto tarde, è già sera...


Traduzione

Nel mare del mondo ferito
quante stelle cadute,
e le onde impazzite
si portano a riva
la rabbia del vento
sulla scogliera
si cerca una luce
che potesse dare un filo di speranza
ma si è fatto tardi, è già sera.
E' sera per l'aria, malata, 
dove pure il respiro
si mischia con le note più amare
d'una musica antica
che porta il motivo violento
della sete di potere.
Un volo disordinato di gabbiani
intorno
tortura una povera vela
che trema e si perde
cadendo sopra una scogliera
nessuno la salva
perchè è troppo tardi, è già sera...
E sera per chi va trovando
un posto fuori mano
supplicando una vita serena
ma più non trova una mano...
E' sera per chi dell'onesta
ha portato la bandiera
frastornato da questo globo che gira
al contraro di ieri,
e muore un altare di speranza
mentre un organo suona
il trionfo del male
più forte, ogni giorno più forte
martoriando la tastiera.
Nel mare del mondo ferito
si è fatto tardi, è già sera...
LUCIANO SOMMA




CHE RESTA?
 
Sulo nu sguardo friddo, indifferente,
dato  p''o da', accussì, p'educazione,
airere èvemo tutto, ogge cchiù niente:
comme è busciarda, 'e vvote, na passione.
 
Che lamiento picciuso è stu rusario
senz'albe nove, che malincunia,
na scena muta e pò cala 'o sipario
cummiglianno finanche 'a nustalgia.
 
Addio carezze 'e bbene avvellutato
chiene 'e speranze che devano aiuto!
'O tiempo a tutt''e dduje ci'ha trasfurmato:
che resta 'e chill'ammore? Nu saluto...
 LUCIANO SOMMA

 

 
TRADUZIONE
 
CHE RESTA?
 
Solo uno sguardo, freddo, indifferente,
dato per darlo, così, per educazione,
ieri eravamo tutto oggi più niente:
come è bugiarda, alle volte, una passione.
 
Che lamento piagnucoloso è questo rosario
senza albe nuove, che malinconia,
una scena muta e poi cala il sipario
coprendo finanche la nostalgia.
 
Addio carezze di bene vellutate
piene di speranze che davano aiuto
il tempo a tutti e due ci ha trasformato
che resta di quell'amore? Un saluto...
 LUCIANO SOMMA

 


 CORE 'E NU FIGLIO
 
Mammà quanno ' o signore ca ogni tanto
vene a truvarce e porta 'e ccaramelle
le daje nu vaso, si' cuntenta e cante
e te 'ntuliette pe' parè cchiù bella...
 
Vicino 'o lietto, 'ncopp''a culunnetta
'e papà mio nun ce stà cchiù 'o ritratto
ce tenive appicciato nu lumino
mo l'he stutato ma pecchè l'he fatto?
 
T'apparte dint''a stanza cu' chist'ommo
e me manne a pazzià dint''o curtile
me prumiette nu sacco 'e cose belle
e ogni vota me daje mille lire...
 
Perdoname, mammà, ma 'e ccaramelle
ca me porta chill'ommo l'aggio jettate,
perdoname si tutt''e ccose bbelle
ca m'he prumise l'aggio rifiutate.
 
Perdoname si tutt''e mille lire
ca ogni vota, e so' tante, tu m'he date,
nun l'aggio spise ma l'aggi ostracciate
e 'int''o curtile nun pazzèo ma chiagno!

LUCIANO SOMMA




 ‘O BBENE ‘E NU CANE

E’ ‘o meglio amico,’o meglio cunfidente,
me sape fa’ na bbona cumpagnia;
quanno le parlo isso me tene mente
appizza ‘e rrecchie e guarda ‘a faccia mia.

‘Stanotte, all’intrasatto,m’ha parlato,
napulitano cchiu’ ‘e nu vasciajuolo,
e i’ so’ rimasto tanto ‘mpressiunato
che d’’a paura sto’ tremmanno ancora.

M’ha ditto:Neh,padro’,quanto si fesso
a nun capi’ ca ‘o munno e’ malamente,
te lusinghe ‘e sta’ ‘nzieme ‘a ggente onesta
e’ invece songhe ‘a scumma d’’e fetiente.

Ormaje ha perzo ‘e lumme d’’a raggione
e va facenno sulo scemita’;
addo’ sta’ cchiu’ nu pizzeco ‘e passione
nu surzo ‘e sentimento,’e carita’?

Io so’ nu cane ‘e razza!Cane ‘e caccia!
Ma nun levo ‘o saluto a nu bastardo
‘o dongo l’osse meie e nun ‘o scaccio
me putarria magna’ mentr’isso guarda?

‘E vvote tu me vatte e io te perdono
dimme,che ce vulesse a muzzeca’?
Vuje uommene ‘o tenite chistu dono?
V’’a putite scurda’ na ‘nfamita’?

Vall’a truva’ ‘ncopp’a sta terra n’ommo
ca se facesse accidere pe’ nato;
invece io te pruteggo pure ‘o suonno
e zompo ‘ncuollo a chi cu tte’ ha sgarrato.

Padro’,pircio’ perdoname si ‘e vvote
io faccio cose che n’avessa fa’
ma si pure me lazzarie ‘e mazzate,
io acalo ‘a capa e resto sempe cca’.

Ricuordate:Tu staje dint’a stu core,
nu core ca nun sape maje ‘nganna’,
e si m’astrigne io ‘nfaccia a tte assaporo,
cu’ n’alleccata,ogni felicita’.
LUCIANO SOMMA




BENE D'UN CANE

E' il migliore amico,il miglior confidente,
mi sa fare una buona compagnia
quando gli parlo lui mi scruta
raddirizza le orecchie e guarda la mia faccia.

Questa notte improvvisamente mi ha parlato
napoletano piu' d'un popolano
e io sono rimasto tanto impressionato
che dalla paura sto tremando ancora...

Mi ha detto:Padrone ,quanto sei fesso
a non capire che il mondo e' cattivo
ti lusinghi di stare in mezzo a gente onesta
e' invece e' solo la schiuma dei fetenti.

Ormai ha perso il lume della ragione
e va facendo solo scemita'
dove sta piu' un pizzico di passione
un sorso di sentimento,di carita'.

Io sono un cane di razza,cane da caccia!
Ma non levo il saluto ad un bastardo
gli do' le mie ossa e non lo scaccio
potrei mai mangiare senza dargli nulla?

Alle volte tu mi picchi ed io ti perdono
dimmi che ci vorrebbe a morsicarti
voi uomini ce l'avete questo dono?
la potete dimenticare una infamita'?

Vallo a trovare su questa terra un uomo
che si farebbe uccidere per un altro
invece io ti proteggo pure il sonno
e salto addosso a chi con te ha sgarrato.

Padrone percio' perdonami se alle volte
io faccio cose che non dovrei fare
anche se tu mi ripempi di botte
io abbasso la testa e resto sempre qua.

Ricordati tu stai dentro a questo cuore
un cuore che non sa mai ingannare
e se mi stringi io sulla tua faccia sento il sapore
con una leccata ogni felicita'.
LUCIANO SOMMA






VICO NAPULITANO
                         
E' sarracena sta strada 'nfosa;
'na fila 'e vascie , nu vico chiuso ,
so' goccie 'e chianto sti panne spase ,
na stanza pare ca è nu pertuso .


Fenesta vascia , cu' na Maria ,
ca me faceva sunnà l'ammore ,
t'hanno 'nzerrata cu' na buscia
d''o terremoto  ch'è senza core .

Chesta canzone , canzone amara ,
porta 'int''e nnote cchiù 'e nu dolore
quanno se perde na cosa cara
se po' ascì pazzo , ce stà chi more !

Na mano sfila 'int''a sacca onesta
Na vocca strilla 'nfaccia 'e prumesse
È sulo 'arraggia chello ca resta
Quanno nu popolo è cuppo 'allesse .

Aiere 'o vico nun era 
Si l'attuccava te deve 'a mano
Ce steve 'a risa , ce steve 'o chianto ,
era nu vico Napulitano .
LUCIANO SOMMA





E' NATALE

'O palpito 'e mille campane
che sonano p''a mezanotte
'a gioia che da' st'ammuina
anticipa nu quarantotto.

Aunite,c''o sciato 'e ll'affetto,
ce sta' tutta quanta 'a famiglia
e' doce a campa' stu mumento
ch'astregna sti core,atturciglia.

Miraculo 'e n'attimo 'e pace
na sosta pe' l'anzia 'e l'affanno
pe' nuje,ca pasture 'e presebbio,
avimmo campato nat'anno.

Vurria ca stu tiempo nemico
putesse ferma' sti minute,
sti ffacce,sti vvocche,sti mmane.
Na voce ch'allucca:Salute!

Chist'uocchie che guardano 'a cimma
'e n'albero addo' l'abbundanza
sta dint''e ggranate d''e lluce
ch'appicciano 'o ffuoco 'e st'ausanza.

Chist'uocchie ca cercano 'o bbene
tra mille culure 'e biancale
stunate e 'mbriacate p''o vino
mo so' lampe 'e vita,e' Natale!
LUCIANO SOMMA