Cynegi Network

lusomma@alice.it


PER VISITATORI E POETI

INSERISCI POESIA (solo per l'autore)

VOTAMI

CANZONI

CANZONE : AQUILE
(SOMMA-SACCO)

GESU' NASCETTE A NAPULE(Luciano Somma- Peter Ciani)

 

 

POESIE DI LUCIANO SOMMA

DAMMI UN COMMENTO
    


VORREI CHE FOSSE IL MARE

Vorrei che fosse il mare
A ripropormi
Intrecciando tra onde di silenzi
Le pieghe del tuo corpo
Sulla vergine spiaggia
Dei vent’anni
E fosse il vento
A riportarmi
Il mormorio d’abeti
Nella foresta dei miei desideri
Il cinguettìo dei passeri sui rami
Uno scacquìo di rane nello stagno
E non questi pensieri
Che fermo sulla carta
A ricordarmi
L’essenza di quei magici momenti
E la fragranza d’aria
quel profumo
Che ancora oggi
Non mi so spiegare
Vorrei che fosse il vento
Vorrei che fosse il mare.




MEMORIE D’ALBA

IL mio ricordo
Gioca a rinverdire
Un ieri irripetibile
Col desiderio assurdo
Di tornare
Sulle betulle
Della prima infanzia
Anche se allora
Tuonavano cannoni
Ed i cipressi
accoglievano morti
Ma è solo un attimo
Di volontà d’immenso
Poi nel voltare pagina
Trovo nuovi motivi
Di altre riflessioni
Ora che non ho più
Memorie d’alba.




A PINO

5 ‘e Gennaio che gelo attuorno
Ma certamente nun è p’’o friddo
Pe’ dint’’e core che bruttu juorno
Pino Daniele nun ce sta cchiù
‘Mpruvvisamente na botta a ‘o core
Mo t’ha purtato pe’ sempe ‘ncielo
He dato e avuto sultanto ammore
Pe’ tutt’’o munno e pe’ sta città.
Ma restarranno pe’ nuje ‘e ccanzone
E chella voce ca ce ‘ncantava
E na chitarra chiena ‘e passione
Che bella musica ca sunava.
Si stato gruosso, si, grande assaje,
figlio ‘e sta Napule ch’è mamma a tte
‘nzieme a Troise mo ncielo staje
Cantanno ancora: NAPULE E’!



21 SETTEMBRE

Nell’aria un profumo di pioggia l’autunno è già qui
Sei soltanto un ricordo d’esta
te bruciato in un lampo
Rimpiango le notti di luna trascorse con te
Con l’unico amico: il silenzio ch’è dentro di me.
…E vedo il tuo viso riflesso nell’acqua di mare
la spiaggia ormai fredda 
è un deserto c’è il grigio nel cielo
mi tornano in mente le tante parole d’amore
che tu mi dicevi tremando e mi chiedo perché…
Ho aspettato inutilmente in questi giorni
Una tua telefonata, invece niente!
Anni luce sei lontana dal mio tempo
Nello specchio nei miei occhi c’è sgomento!
E’ il 21 di Settembre
Forse un giorno come tanti per la gente
Che cammina per la strada indifferente
Ma una folla di pensieri mi ritornano alla mente
E improvviso, in un istante
Io rivedo ancora te.
E’ il 21 di Settembre
Con la rabbia in corpo canto
Dio in un attimo è già Autunno
Dove sei? Ti sto aspettando…
E’ il 21 di Settembre
Forse un giorno come tanti
E’ il 21 di Settembre
Per la gente…Non per me! 




‘ A LAVAGNA D’’A SCOLA

‘Ncopp’’o banco : l’inchiostro, ‘o pennino,
nu quaderno a quadrette, ‘a cartella,
na guagliona bellella vicino,
piccerella e accussì graziusella.
‘Nfaccia a nuie truneggiava ‘a lavagna
Addo’ spisse screvevemo ‘e nomme
Cu’ duje core e na freccia sulagna
Ca ‘e ‘nfezzava astrignelle, e comme!
Ma na mano cchiù grossa veneva
A levà chelli scritte d’ammore
Che silenzio antrasatta scenneva
Miez’’a nuie, dint’a chilli duie core!
E’ ricordo? No, è storia d’aiere
Ca po’ essere pure ‘e dimane
Fino a quanno ce stà ‘int’’e penziere
‘o calore e ‘a carezza d’’e mmane.
‘A nennella bellella ogge è nonna
E pur’io ma cu’ n’ata cumpagna
Quanta vote però ‘o core sonna
Chillu banco, ‘o quaderno, ‘a lavagna.




TI PIANGERO’

Amico a quattro zampe
Nei tuoi occhi
Vedo lampi di gioia spesso alternati
A qualche ombra di malinconia
Nel tuo abbaiare
Cerco di capire
Ciò che vorresti dire
E ti comprendo quasi sempre, sai,
Come tu mi capisci e mi vuoi bene.  
Se Dio però ti ha tolto la parola
Ti ha dato per compenso il grande dono
L’unico e immenso della fedeltà.
Troppo brevi i tuoi anni
Rispetto ai miei, ma li viviamo intensi
con l’amore di chi sa di trovare
nello sguardo dell’altro comprensione
quella che forse può chiamarsi amore.
Se tu dovessi andartene
In quel cammino ignoto 
Forse sospeso tra la terra e il cielo
Molto prima di me
Sappi che io
Anche se metterò su questo viso
La maschera di chi vuol fare il duro
Per nascondere agli altri il mio dolore
Ti piangerò puoi esserne sicuro.




PASQUA

Ogn’anno
nasci e muori
poi risorgi
Cristo
Dio padre e figlio
mio fratello
sei qui tra noi
presenza di speranza
in mezzo a quest’incendio
d’odio infame
di guerre fatte
e irrimediabilmente perse.
ma come un fiore
che rinasce sempre
anche là tra le croci
in mezzo ai sassi
tra i rovi d’una vita
esasperata
sento il nuovo profumo
d’un amore
e sul cammino
verso un’altra meta
sembra più tollerabile
il calvario. 



 TRA CARTE E LIBRI

Finita la stagione delle fragole
oggi il mio orto cupo e malinconico
sembra il ritratto della solitudine
sotto il cielo vestito da più nuvole
recluso in questa stanza nel disordine
tra le pareti screpolate e pallide
vorrei un abracadabra per risorgere
da questa mia clausura forse inutile.
Lei se n'è andata via come una rondine
portandosi il suo pessimo carattere
lasciandomi un ricordo incancellabile
che nell'ozio mi rode e graffia l'anima.
La mia condanna è questo mio riflettere
tra carte  e libri invasi dalla polvere
davanti a questa macchina da scrivere
confondo nuove idee con le mie lacrime.




UN NATALE DA FAVOLA

…e poi venne il mattino
(dopo una notte insonne
la memoria stordita
ancora ferma all’ora del tramonto)
nel risveglio col sole
i sensi stanchi
e tu compagna dal russare lieve
la bocca semiaperta
tra le lenzuola umide d’amore
a ricordarmi
la tua pazienza
da raffrontare
ai primi infami segni
dell’età .
Il cardellino
Sul davanzale
Beccava una mezzo chicco di caffè
Risvegliando la voglia
E il desiderio
D’un Natale da favola
Per noi .



'O PRIMMO 'E SETTEMBRE

LL'urdemo suonno d'Austo
se sceta c''o primmo 'e Settembre,
stasera è n'incanto!
'O cielo è amaranto, na refola 'e viento
doce comme 'a carezza 'e nu bbene
amara comme 'o ffele d''o chianto
me porta
na chiorma 'e penziere
ch'affollano 'a mente
e metteno 'ncroce 'stu core.
Vurria ca chiuvesse e nun chiove...
vurria tanta nuvole attuorno
ma 'a luna è d'argiento...
Vurria ca nu suonno turnasse
ma 'o suonno nun torna.
'Stu suonno è partuto
'ncopp''a ll'onne
'e ll'urdema sera d'Austo
lassonnome
nu grappolo 'e stelle
miez''a nu cielo amaranto
'int''a 'sta sera 'ncantata
d''o primmo 'e Settembre.
 


TRADUZIONE DELL’AUTORE

IL PRIMO SETTEMBRE

L’ultimo sogno di Agosto
Si sveglia col primo settembre,
stasera è un incanto!
Il cielo è amaranto, un pezzetto di vento
Dolce come la carezza d’un bene
Amara come il fiele del pianto
Mi porta 
Una ciurma di pensieri
Che affollano la mente
E mettono in croce il cuore.
Vorrei che piovesse e non piove
Vorrei tante nuvole intorno
Ma la luna è d’argento…
Vorrei che il sogno ritornasse
Ma il sogno non torna.
Questo sogno è partito
Sopra le onde
Dell’ultima sera d’Agosto
Lasciandomi
Un grappolo di stelle
In mezzo ad un cielo amaranto
In questa sera incantata
Del primo Settembre.




DEDICATA A MASSIMO TROISI

CI MANCHERANNO

Ci mancheranno , Massimo ,
in questo a volte strano divenire
la tua parlata , il tuo gesticolare ,
le battute istintive
la tua gran voglia di comunicare .
Ci mancheranno , Massimo ,
le tue mimiche uniche
ad effetto sicuro
inconfondibili
la tua maschera comica
che celava il segreto del tuo cuore
che ti tradì quel giorno all'improvviso
l'eco del tuo " Postino " di Neruda
è come un urlo , massimo ,
è dolore !
1994




PRIMO GENNAIO

Ancora stordita
Da tanto frastuono
la notte sbadiglia
perché è già domani.
Avrà il volto nuovo  
Quest’alba che spunta
Neonata speranza
Di un anno sereno?
Laggiù all’orizzonte
Io vedo una luce
Più intensa e più chiara
Sarà forse inganno?
Soltanto chimera?
Oppure aria pura
È questo l’augurio
Per tutti quaggiù
Vogliamoci bene
La vita è una sola
Teniamola cara
Vivendo in amore
Con tutte le razze
Da veri fratelli
Sarà un’utopia?
Può darsi, chissà!

 


Speranza

Quest’anno non voglio regali
Rinuncio stavolta agli auguri
I troppi episodi mortali 
Mi rendono i giorni insicuri .

Qui l’aria è infuocata dal male
È mina che esplode la terra
Dove anche il respiro è fatale
Si vive ogni giorno una guerra .

Non voglio più un mare di sangue
Né rabbia del cielo in tempesta
La gente che trema e che langue
Ma un senso di vita più onesta .

Dov’è che sei Cristo mio Dio
Nessuna ferita è guarita
È tutto soltanto un oblio

Dov’è quella fede infinita ,
Che nasce guardando il tramonto
Galoppa l’immenso universo
Portando al Natale ch’è pronto
Un nuovo domani diverso .

                  


N'ATU DIMANE 
 
Tu staje durmenno 'a troppo tiempo ormaje
'mbracci''e canzone, 'o sole, 'a luna, 'o mare,
mentre tenimmo na muntagna 'e guaje
assapuranno 'e lacreme cchiù amare.
 
No, nun se pò campà na sceneggiata
c''o popolo ca è sempe 'o primmo attore
cu' na ferita antica maje sanata
e tante e quante spine dint''o core.
 
Giesù Cristo nascette 'ncopp''a terra
fui mise 'ncroce ma resuscitaie
ma 'sta città sta sempe miez''a guerra
senza truvà nu poco 'e pace, maie.
 
'Ncopp''e disgrazie stanno speculanno
arricamanno ciente e cchiù buscie
stammo dint''a 'mmunnezza ma nun sanno
'o sudore che scorre miez''a via.
 
'O sanghe ca se jette pe' dà 'o ppane
a tanta vocche a stommaco vacante
campanno cu''a speranza 'e nu "Dimane..."
suffrenno 'int''o silenzio comm''e Sante.
 
Basta però chisto è mumento, è ll'ora
tu stai durmenno 'a troppo tiempo e 'o ssaje
è overo ca vulisse durmì ancora
ma è fore tiempo 'o suonno ca te faje.
 
Chitarre, manduline, serenate
so' sulamente na scenografia
sulo ricorde 'e juorne già passate,
Napule, nun se campa 'e fantasia.
 
Levate 'a cuollo 'e panne d''a riggina
e miettete cu''a capa e c''o penziero
a straccià tutte quante 'e ccartuline
ca nun so' cchiù 'o ritratto tuio sincero.
 
E arapele chist'uocchie finalmente
facimmele sta zitto chistu munno
e faticammo dignitosamente
pecchè è fernuta l'epoca d''e suonne.




SPERANZA E' NATALE
 
'O mmale 'e nu munno 'mpazzuto
me trase 'int''o core stasera
nu core ca cerca n'aiuto
l'aiuto 'e na mano sincera.
Pe' ll'aria nu suono 'e zampogna
me porta 'a nuvena ch'è doce
ma è spina ca 'mpietto me pogna
sentenno pesante sta Croce.
Sole 'e Natale puortece
'o pizzo 'a rrisa 'e Ddio
c''o verde d''a speranza
pace e serenità.
Dacce dint'a sti juorne
carezze d'alba, e' cielo,
scacciala 'a nuje pe' sempe
tutta sta 'nfamità.
 

SPERANZA DI NATALE 
 
Il male d'un mondo impazzito
mi entra nel cuore stasera
un cuore che cerca un aiuto
l'aiuto di mano sincera.
Per l'aria un suono di zampogna
mi porta una dolce novena
ma è spina che in petto mi punge
sentendo una Croce pesante.
Sole di Natale portaci
il sorriso di Dio
col verde della speranza
pace e serenità.
Dacci in questi giorni
carezze d'alba, di cielo,
scaccia da noi per sempre
tutta quest'infamità.
 





Mancava nu mese a Natale

 Mancava nu mese a Natale
Filuccio sunnava 'o presebbio 
Assunta penzava 'a befana
Nannina filava e cantava
attuorno che cujeta ce steve
pareva 'e sentì già 'a nuvena...
Sta ggente mo è sola nu cunto
suspesa tra 'o cielo e na terra
ch'ha avuto cchiù lutte 'e na guerra
rusarie 'e ferite arapute
na scossa l'è stata fatale
mancava unu mese a Natale...



SU BIANCA E’ CADUTA LA NEVE

Bianca sa che il padrone non torna
Ma lo aspetta ugualmente
L’ospedale è a due passi da lei
Come il cibo
Che non vuol mangiare
Perchè la memoria sua è ferma
Alla mano callosa ma buona
Che le carezzava la testa
Ed ora che resta?
A che serve il Natale
(perchè sa, lo ha capito
guardando
un albero pieno di luci
ch’è festa)
se il suo amico più caro non c’è
eppure lo cerca caparbia
nel viso di ogni passante
ma l’odore di chi amava tanto
è ormai troppo lontano
l’aria attorno si è fatta di gelo
le si appannano gli occhi
su Bianca è caduta la neve.




 N’ORA D’AMMORE

Cu’’e schiocche ‘e russo ‘nfaccia na 
M’ha tuzzuliato ‘a porta stammatina
‘int’’o panaro: ove e pulle paisane
E ncuollo nu prufumo ‘e Giesummine.

Teneva ‘o pietto gruosso ‘e na nutriccia,
tunno, aggraziato, genuino e bello,
m’ha dato ‘o riesto (io nun tenevo spiccio)
piglianno ‘e sorde ‘a sotto a na mammella.

Comm’era fresca, tosta e assaie carnale
Cu’’o pietto miez’’a dinto e miez’’a fore
“Gnornò”, m’ha ditto, me facite male…
Che vaje dicenno core ‘e chistu core!

Femmene ‘e classe, tutte ‘ntulettate
Cu’’a faccia mascherata ‘e fetenzie
Cu creme, ciprie e sempe assaje ‘nzevate
Che so? Vedendo a tte pacchiana mia.

E simme state ‘nzieme quase n’ora,
muglierema era scesa pe’ fa ‘a spesa,
e che priezza è stato a fa l’ammore…
po’ s’è vestita pe’ turnà ‘o paese.

Ce simmo salutate e pe tramente
Essa scenneva ‘e scale ha avuto ‘e faccia
Muglierema che s’’a teneva mente
Mentre saglieva cu’’a criatura ‘mbraccia.

Che d’è ha ditto, trasenno dint’’a casa,
smiccianno ll’ove e ‘o pullo ‘int’’a cucina,
‘sta puzza ca me trase dint’’o naso?
Nun ha sentuto ‘addore ‘e Giesummine…

 


MANCAVA NU MESE A NATALE...
 
Mancava nu mese a Natale...
Filuccio sunnava 'o Presebbio,
Assunta penzava a' befana,
Nannina filava e cantava,
attuorno che cuieta ce steva,
pareva 'e sentì già 'a nuvena...
 
'Sta ggente mò è sulo nu cunto
suspesa tra 'o cileo e na terra
c'ha avuto cchiù lutte 'e na guerra,
rusarie 'e ferite arapute,
na scossa l'è stata fatale,
mancava unu mese a Natale...




GELO

Nu ggelo
me trase 'int''e ccarne
passanno p''e vvie
addò so' nnato
addò ogne sfraveca 'e mure
arape 'a ferita
d''o tiempo passato.
Addò steve 'o puosto e zi' 'Ntuono
ce sta n'automobbile 'e lusso
e nun ce stà cchiù a funtanella
vicino 'a carretta d''o .
Me pareno nove sti strade
e pure 'o palazzo, 'o purtone,
me pare 'e vedè nu guaglione
cu''a faccia 'e nu viecchio, signata...
Me fisso guardanno 'o puntone
penzanno a nu suonno luntano
sperduto 'int'a notte d''o tiempo
spezzato tra iere e dimane...
Me sento sciogliere 'o ggelo
vedenno a n'amico scurdato
n'abbraccio,  po' n'ato, po' n'ato,
che dice? Che fai? Addò si' stato?
Me pare 'e turnà comme aiere
trasenno 'int''o vascio lustrato
'a tazza 'e cafè dint''e mmane
me giro e m'avoto stunato.
Parlammo d''e ccose 'e ogne juorno
d''a ggente ch'è viva o ch'è morta
d''e figlie, 'a mugliera, d''e frate,
d''o tiempo che passa, d''a sciorta...
'O ggelo me trase 'int''e ccarne
vedenno 'int''a n'angulo 'e muro
na vecchia assettata che tremma
cu' ll'uocchie affunnate 'int''o scuro...
Comm'erano belle na vota
quann'io m''e ssunnavo guaglione
sperano chisà mai che cosa...
che scherze che fà l'illusione...
N'abbraccio, nu breve saluto,
nun lasso sultanto nu vico,
nun lasso nu surzo 'e passato
ma tutto nu munno, già antico...
 

 

PAURA

  Nu lampo
  'int''o cielo sereno
  po' n'ato e po' n'ato
  nu tuono
  na nuvola scura
  e po' acqua a zeffunno,
  paura!
  Paura d''a ggente,
  paura d''a folla ,
  paura 'e n'amico,
  paura 'e ll'ammore,
  paura p''e figlie,
  paura d''a vita,
  paura d''a morte,
  paura!
  L'affanno
  me guasta 'o respiro,
  nemico stu munno
  me rieste tu sola,
  cunforto 'e sta penna,
  bellezza 'e stu core,
  'ncantesimo 'e st'uocchie,
  tu, Napule.
  E invece?
  Tu pure,
  tu pure me 'nganne,
  e strascine sti juorne
  senz'ombra 'e speranza
  c''o sciato d''a morte
  a ogn'angulo 'e via.
  E i' tremmo 'e paura...
  Paura d''o sanghe,
  paura d''o ffuoco,
  paura d''o mmale,
  paura d''a vita,
  paura d''a morte,
  paura 'e sta morza d'acciaro c'astregne...
  Paura...paura...paura...



SENTIRE AMORE

Quando ti sfugge un pensiero
a ti aggrappi all'idea
    di voler catturare
    qualcosa che va
    e non trovi la chiave
    per aprire una porta
    e non trovi più il cielo
    per volare lassù
    è il momento di dire
    che rimani fottuto
    sempre in cerca d'aiuto
    che nessuno darà
    e allora ti senti
    urlare d'amore
    per le strade del mondo
    e vuoi cercare l'amore
    negli abissi profondi
    con la lenza dei desideri
    e l'amo dei sogni
    peschi un'immagine
    per aspettare
    nell'aria vergine
    fragranza di bene
    un respiro di vita.




MUSICA NOVA

Na fronna verde,
cchiù vverde d''o vverde,
p''o sciuscio 'e nu viento maligno
sta cadenno
spezzata
po' n'ata
e n'ata ancora,
e nisciuno ca dice a stu viento:
mo fèrmate, basta!
Ogni juorno che passa
è cchiù viecchio, cchiù stanco;
tene 'a voce abbrucata e 'o lamiento
è cchiù lento
ogni passo è pesante
pe' tramente 'int'a ll'aria
'o suspiro è turmiento.
Chistu tiempo ch'è amico e nemico
cammina p''o munno
cu rilorgie 'mpazzute
lancette cagnate...
Ma pe' vvie 'e ll'Universo se sente
na musica nova che Dio
sta sunanno pe' l'ommo 'e dimane
ca nun è certamente Gesù...
 
                                                 


PERDONATECI

Perdonateci
questa dannata voglia
di vivere in un mondo
a forma di colomba
e non tra fiori finti
perdonateci
se rifiutiamo limiti e frontiere
e trasformiamo
fili spinati in palpiti d'amore
non ci è concesso forse d'impazzire?
Che razza strana
siamo noi  poeti
specie che spesso va
controccorente
volando verso cieli tersi
liberi
perdonateci
per questo nostro osare.




PRIMO GENNAIO

Ancora stordita
da tanto frastuono
la notte sbadiglia
perchè è già domani.
Avrà il volto nuovo
quest'alba che spunta
neonata speranza
d'un anno sereno?
Laggiù all'orizzonte
io vedo una luce
più intensa e più chiara
sarà forse inganno?
Soltanto chimera?
Oppure aria pura
è questo l'augurio
per tutti quaggiù.
Vogliamoci bene
la vita è una sola
teniamola cara
vivendo in amore.
Con tutte le razze
da veri fratelli
sarà un'utopia?
Può darsi, chissà...
 



DOVE TI ERI CACCIATO

Ti cercammo 
Il mare furioso 
Aggrediva 
Con l'alta marea 
Un po' tutto al passaggio 
Un'onda maligna 
Rubava alla spiaggia 
Non solo l'infanzia 
Ma anche i trastulli dei bimbi 
Sotto un apatico cielo 
Anche l'aria si fece di gelo 
Ti cercammo 
Ma dove diavolo ti eri cacciato 
Mio Dio? 




SAN VALENTINO
 
Tuffati nei miei sogni
Là dove
Vi è fragranza del pane
Ancora caldo
Il profumo del latte
Appena munto
Un cielo terso
Un volo d’aquiloni
Una mare calmo
Tra giochi di lampare
Tuffati nei miei sogni
Nelle onde d’un bene
Appena nato
Che lievita ogni istante
Carezze d’alba
In notti senza memoria
Di passeri impazziti
Tuffati nel mio calice d’immenso
Troverai un’ostia vergine
Sull’altare del mio amore
Sarà la nostra comunione 
Vivere.




‘O PRIMMO ‘E LL’ANNO

Stu juorno nuovo
Ca ce sceta
Tene ‘o sorriso ‘e gioia
Che da’ speranza
Pe’ ll’aria tutt’attuorno
Nu prufumo d’alleria
‘o canto ‘e nu canario
ca vola verso ‘o cielo .
Napule mamma overa
E no matrigna
Dà latte a chistu figlio
Appena nato
‘o cunnulèa
s’’o vase e l’accarezza
po’ guarda l’orizzonte
e ‘ncopp’’o mare
finalmente
vede nu raggio ‘e sole
preputente .




L''URDEMO 'E LL'ANNO
 
Migliare 'e botte 'ntronano p''e viche,
sciumm''e spumante corrono p''e ccase,
E' mezannotte, e l'anno ch'è fernuto
c''o cchiù bello surriso ce saluta.
 
Chioveno da' 'e balcune e da' 'e ffeneste
butteglie, fiasche, 'nzalatiere rotte,
piatte sengate e vase 'e terracotta
fanno 'nzerrà d''e vasce tutt''e pporte!
 
Chi se scagna n'abbraccio e chi nu vaso
tutte felice, viecchie e guagliuncielle,
tutte so' ricche, pur''e puverielle
'o munno, pe' n'istante, s'è cagnato.
 
Ma comm''a nu cardillo senza voce,
dint''a chist'angulillo senza luce,
ce stà nu core ca nun trova pace
'nzerrato 'mpietto, stracquo 'e tutt''e ccose.
 
Comm'a nu cane senza cchiù padrone
comm'a n'albero senza cchiù na fronna
io stongo sulo, mentre se struje, lenta,
'a fiamma 'e na cannela c'allummaje.
Cu' nu bicchiere 'mmano, ch'è vacante,
voglio fa quacche brinneso sultanto:
 
Nu brinneso a chi tutto s'ha pigliato
e niente ha dato
nu brinneso 'a salute e chi ha lassato
'o core mio pe' n'ato!
 
 


TRISTEZZA
 
E'autunno!
Mmiez''o nniro-fummo 'e ll'aria
p''e vvie 'e sta città
senza cchiù verde
veco n'albero annuro
e attuorno a 'e rame sicche,
scheletrite,
na chiorma d'aucelluzze appaurate...
E' nu lamiento 'o suono, è nu rummore,
comme 'mpazzute voleno
pe' nu suspiro: ussiggeno...
N'accanimento inutile!
...e a uno a uno cadeno
'ncopp'alsfalto traditore e ummedo
d''o marciappiede sulitario e traggico.
Vedennele accussì
sponta na lacrema
'e na tristezza
ca nun se pò credere.


Traduzione
 
E' autunno!
Tra il nero-fumo dell'aria
per le vie di questa città
senza più verde
vedo un albero nudo
e intorno a i rami secchi,
scheletriti,
una ciurma di uccellini impauriti.
Il suono è un lamento, un rumore,
come impazziti volano
per un sospiro: ossigeno
accanimento inutile!
E ad uno ad uno cadono
sull'asfalto traditore ed umido
del marciapiedi solitario e tragico.
Vedendolo così
spunta una lacrima
d'una tristezza
che non si può credere.
 
 
 

A TOTO'
(Dedicata a TOTO' per il quarantesimo
 anniversario della sua morte) 

Tu 'ncopp''o palcoscenico
Si' stato n'attrazione ,
'o rre d''o munno comico
pe' tre generazione .
Verace figlio 'e NAPULE
N'he dato buonumore ,
sapive fa miracule
cu' l'arte toja d'attore .
Madò che Ddio 'e cervella
Tenive comme autore
Pe' scrivere 'A LIVELLA
e 'O FINE DICITORE .
Pe' fà na MALAFEMMENA
Ch'è nu capolavoro ,
canzona chiena 'e sèmmena
ch'ogge se canta ancora .
A sta città che campa
'a sempe 'int''o turmiento
tu c'he lassata 'a lampa ,
nu sciummo 'e sentimento .
N'eredità 'e sorriso
Nu testamento 'e core
Na luce 'e pizzo a rrisa
L'oro 'e nu 'nduratore .
E pe' ringraziamento
T'avimmo dedicato
TOTO' , nu monumento 
Tutto pe' tte , allustrato !
NAPULE è na famiglia
Aunita 'int''o calore
E tu ca lle si' figlio
Nun può murì , nun muore !




FRIDDO

'O friddo, stu friddo,
che sento 'int''e vvene
che gela sti ccarne
che tremma 'int''o core
me porta l'affanno
d''o mmale d''o munno
cchiù funno d''o funno
cchiù amaro d''o chianto.
Nu poco 'e calore
purtarria 'o sereno
na smania d'ammore
ca invece nun vene
...e 'o friddo me pogna
cchiù acuto 'e na freva
stu ghiaccio è tagliente
che trase e cammina.
'O sanghe malato,
'o ppane stentato,
na mano ch'accide,
na voce 'e dannate.
Stu friddo è pussente,
me pare n'inferno
sta vita ca è niente,
però nun è vierno!
 



DIMANE

Nu cielo chiaro,
comme a nu specchio,
lucente , brillante !
Nu sole cucente
‘nfoca
tutt’’e ccose attuorno .
Ma chiove…si, chiove
Dint’’e core d’’a ggente
Che CHIAGNE.
So’ ciente , millanne
Che CHIAGNE
E nisciuno ,si , proprio nisicuno
Fa niente pe’ niente…
Eppure sta NAPULE
Ha dato a stu munno
Nun solo canzone
Ma tutta na storia
Ch’’a lettere ‘e fuoco
Stà scritta
‘int’’o libbro d’’a vita .
‘O cielo è sereno,
‘o sole è n’incanto
ma chiove…si,chiove
‘int’’e core d’’a ggente
che campa dicenno
‘a millanne : Dimane…
Ma quanno s’addorme
Nun sonna
E quanno se sceta ‘a matina
Nun trova
Ca ‘o stesso Dimane d’ajere .
Eppure dimane
Sarrà comm’a sempe :
Nu cielo sereno ,
nu sole cucente
ma chiove…si,chiove
‘int’’e core d’’a ggente !



E' NATALE

'O palpito 'e mille campane
che sonano p''a mezanotte
'a gioia che da' st'ammuina
anticipa nu quarantotto.

Aunite,c''o sciato 'e ll'affetto,
ce sta' tutta quanta 'a famiglia
e' doce a campa' stu mumento
ch'astregna sti core,atturciglia.

Miraculo 'e n'attimo 'e pace
na sosta pe' l'anzia 'e l'affanno
pe' nuje,ca pasture 'e presebbio,
avimmo campato nat'anno.

Vurria ca stu tiempo nemico
putesse ferma' sti minute,
sti ffacce,sti vvocche,sti mmane.
Na voce ch'allucca:Salute!

Chist'uocchie che guardano 'a cimma
'e n'albero addo' l'abbundanza
sta dint''e ggranate d''e lluce
ch'appicciano 'o ffuoco 'e st'ausanza.

Chist'uocchie ca cercano 'o bbene
tra mille culure 'e biancale
stunate e 'mbriacate p''o vino
mo so' lampe 'e vita,e' Natale!





ARIA E’ MARE

Se so’ stutate ‘e lluce ‘int’’a nuttata
Povere ‘e luna ‘ncopp’a sta città
‘o viento nun asciutta sti paure
E l’aria ‘e mare trase ‘int’’e pulmune
Zitte, stanno durmenno sti criature.
Chest’aria e’ mare
Ma comme sape ‘e chianto st’aria ’e mare
Na vranca e’ fronne gialle ‘int’’e penziere
Cu na speranza appesa a na scugliera.
P’’e viche cchiù nun sonano ‘e chitarre
Se so’ addurmute ‘e ddete ‘ncop’’e corde
So’ nuvole luntane sti ricorde
So’ ragge ‘e luna stise ‘nterra ‘a rena.
Chest’aria ‘e mare
Profuma ‘e suonno antico st’aria ‘e mare
Fantasma arruzzunuto dint’’a varca
Ca chianu chiano se ne va luntana
Lenta scumpare macchia all’orizzonte
E resta ‘o mare…sulamente ‘o mare…


ARIA DI MARE(traduzione)

Si sono spente le luci nella notte
Polvere di luna sulla città
Il vento non asciuga le paure
E l’aria di mare entra nei polmoni
Zitti, stanno dormendo i bambini.
Quest’aria di mare
Ma come sa di pianto quest’aria di mare
Un pugno di foglie gialle nei pensieri
Con una speranza sospesa su una scogliera.
Per i vicoli non suonano le chitarre
Si sono addormentate le dita sulle corde
Sono nuvole lontane questi ricordi
Sono raggi di luna stesi sulla sabbia
Quest’aria di mare
Profuma di sogno antico quest’aria di mare
Fantasma arrugginito in un barca
Che piano piano se ne va lontana
Scompare lenta ed è una macchia all’orizzonte
E resta il mare…solamente il mare… 




ISCHIA

Regina d'un trono stupendo
fiabesco, incantato,
che regni nel verde più verde
che affaccia sul mare
sognante e monella tu vegli
e vegliando fai luce
al palpito d'onde che bacia la spiaggia
con labbra d'amanti,
sapore d'immenso
sei forse universo?
Conosco il tuo mondo ch'è tanto diverso
da quello vissuto lontano
nei giorni d'affanno
però tutti sanno
sei storia, cultura, bellezza, natura,
sei cielo, sei mare, sei vento, sei vanto,
tu isola eterna
tu faro che accendi le splendide perle
nel ventre flessuoso dei ricchi fondali.
Non sei solo un nome
sei limpida pace, sei bella e procace,
sei madre, sei fata,
energica e dolce
vestita di luna
certezza, fortuna,
sei unica: Ischia!
 


E' GIA' SERA

'Int''o mare d''o munno ferito
quanta stelle cadute,
e ll'onne 'mpazzute
se portano a rriva
l'arraggia d''o viento,
pe' copp''a scugliera
se cerca na luce
ca desse nu filo 'e speranza
ma s'è fatto tarde, è già sera...
E' sera pe ll'aria, malata,
addò pure ' respiro
s'ammesca cu''e nnote amare
'e na musica antica
che porta 'o mutivo viulento
d''a sete 'e putere.
Nu scunciglio 'e gabbiano
attuorno
turtura na povera vela
ca tremma e se perde
cadenno pe' copp''a scugliera,
nisciuno cchiù 'a salva
pecch'è troppo tarde, è già sera...
E' sera pe' chi va truvanno
mi pizzo stramano
supplicanno na vita serena
ma cchiù nun trova na mano...
E' sera pe' chi 'e ll'onestà
ha purtato 'a bannera
frasturnato a stu globbo ca gira
'o cuntrario d'aiere,
e more n'altare 'e speranza
mentre n'organo sona
'o trionfo d''o mmale,
cchiù forte, ogne ghiuorno, cchiù forte,
marturianno 'a tastiera.
'Int''o mare d''o munno ferito
s'è fatto tarde, è già sera...


Traduzione

Nel mare del mondo ferito
quante stelle cadute,
e le onde impazzite
si portano a riva
la rabbia del vento
sulla scogliera
si cerca una luce
che potesse dare un filo di speranza
ma si è fatto tardi, è già sera.
E' sera per l'aria, malata, 
dove pure il respiro
si mischia con le note più amare
d'una musica antica
che porta il motivo violento
della sete di potere.
Un volo disordinato di gabbiani
intorno
tortura una povera vela
che trema e si perde
cadendo sopra una scogliera
nessuno la salva
perchè è troppo tardi, è già sera...
E sera per chi va trovando
un posto fuori mano
supplicando una vita serena
ma più non trova una mano...
E' sera per chi dell'onesta
ha portato la bandiera
frastornato da questo globo che gira
al contraro di ieri,
e muore un altare di speranza
mentre un organo suona
il trionfo del male
più forte, ogni giorno più forte
martoriando la tastiera.
Nel mare del mondo ferito
si è fatto tardi, è già sera...
 

 

La canzone di sottofondo è
PER NON PERDERMI(L.Somma- P.Gilioli)
Ed.Musicali AGOS di Vignola(Modena) Canta FEDERICA RAIMO