HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 
 

POESIE DI BALDO BRUNO
tradotte con programmi automatici


AMMORE 

Ch’ ammor ca' sei, 
 tuocco ‘o core mio
cò surrìse toje  e' primmavera; 
nun aje bisògne manco ‘e parlà, 
ògne tuoje bacio, ognì tuoje abbraccio 
me parle ‘e te; sfiore ‘a boccà 
toja e saje ra’ ammore 
sènza nulla in cambio 
ed io voglie a te, 
te ca' me raje brìvide ‘e fragola, 
sòl te, sempe, cu a' anema toja nuda, 
’e juorno comme doje farfalle 
che vivono ppe amarsì 
insieme e' notte cumme grilli 
ca càntano ‘e stelle.

 18-10-2015
INGRANDISCI LA POESIA



Vasame chesta sera ncopp'o' mare 

Vasame chesta sera ncopp'o' mare 
rìmme ca' ‘a lunà ardènt è tutta ppe nuje, 
pure e' stellè fannò a gara 
pe nun mancà o’ ncroce re'  bocche nuoste
prònte a s’unì ppe na' notta dinto ‘o paraviso; 
i’ desidère ‘e me perde  into ‘o cavero 
ro’  respire tuoje
dinto ‘a nu' mielè ca' sape ra' intimità toje, 
sì  amo ‘e te vasà e assaggià 
chillo’ cavero cocktaìl ‘e fuoco 
ncoppa ‘a candìde pelle toje. 
Vasame chesta sera ncopp'o' mare, 
ògne toje vase sarrà prorompente 
chìù ro' fragòre re' onde, 
vivìme cu’ assaje ardore
sòtto ‘o tuoccò re' mane meje
dinta na' sete ‘e me…



BACIAMI STASERA SUL MARE

Baciami stasera sul mare
dimmi che la luna ardente è tutta per noi,
anche le stelle fanno a gara
per non perdere l’incontro delle nostre bocche
pronte ad unirsi per una notte in paradiso;
io desidero perdermi nel caldo tuo respiro
in un miele che sa della tua intimità,
sì amo baciarti e assaggiare
quel caldo cocktail di fuoco
lungo la candida tua pelle.
Baciami stasera sul mare,
ogni tuo bacio sarà prorompente
più del fragore delle onde,
vivimi ardendo
sotto il tocco delle mie mani
in una sete di me…




NU'  MUMENTE D’AMMORE 

Io aggie baciàte ‘e recchiè  toje
m’ haje sussurràte parole afrodisiache, 
caldè, ‘a vocca toja era nu' fuocò ‘o calàr do' sole, 
nu’ russ tramònte  ‘nfiammate, ardente, 
èra l’immènse ca' si cogliè dint’ a n'attimo, 
‘o corpe tuoje me svelàva tuttì ‘e tuoje segrete… 
t’aggie strètte a me ca dulcezze 
pè coglie ognì toje riflèsse ‘e rose, 
t ‘aggie suntute overamente mia.

Baldo Bruno 1-12-2014
INGRANDISCI LA POESIA

UN MOMENTO D'AMORE

Ho baciato le tue orecchie
e mi hai sussurrato parole afrodisiache,
calde, la tua bocca era un fuoco al calar del sole,
un rosso tramonto infiammato, ardente,
eri l’immenso che si coglie in un attimo,
il tuo corpo mi svelava tutti i tuoi segreti…
ti ho stretta a me con dolcezza
per cogliere ogni tuo riflesso di rosa,
ti ho sentita veramente mia.




TU STAJE DO’ CORE MIO
 
L’ammore toje scènne dint’’o core mio
comme na farfàlle ca' àgite o' sango mio cu ‘e ali, 
ògne carèzze toja straripà me fa 
còmme dinto a  na' pioggia d’ammòre. 
Tu mia reggine ra' vita, 
faje sbuccià  ‘e  sciur toje dint' ‘e mane meje, 
pe  putè odorà ‘e te 
pe sempe aropp' ogne  iuòco intime 
durmì coppe ‘o  piette toje
perdenneme dinto ‘o profònde ciele toje! 
Sì tu staje into  core mio
accarezzànneme che gocce ‘e fragule a' panna 
galoppànne ncoppa a' follìe ro' tiempe 
cu l’urle mio d’ammòre colme e stracòlme ‘e te.
INGRANDISCI LA POESIA



TU SEI NEL MIO CUORE
YOU ARE IN MY HEART

Il tuo amore scende nel mio cuore
come farfalla che agita il mio sangue con le ali,
ogni tua carezza straripar mi fa
come in una pioggia d’amore.
Tu mia regina della vita,
fai sbocciare i tuoi fiori nelle mie mani,
chè io possa odorar di te
per sempre dopo ogni intimo gioco
e dormire sui tuoi seni
perdendomi nel tuo profondo cielo!
Sì tu sei nel mio cuore
ad accarezzarmi con gocce di fragola alla panna
galoppando oltre la follia del tempo
col mio urlo d’amore colmo e stracolmo di te.


***

NA’ ROSA PE  TE

Na rosa rossa, cugliut’ ‘e primme matine, 
dint’ ‘e  mmane toje, aje arrussito 
ranneme a' sperànze e' potert’ 
amà dint’ o’ cielò cchiu' sereno; 
‘na calda emoziòne ha fatto palpità
‘o  core mio co’ tiemp fèrmo 
dint’ e' chieghè da' giòia. 
Te  tengo strètte, fòrte, 
ma ‘o  vase mio  copp’e  labbra toje
è delicàte commea ròsa, 
me ricive “sì…accussì, vasami accussì”, 
mmece te tengo strètte nata vota ‘e chiù 
cu nu vase suffucànte, fòrte, 
ra luà o' respìr . 
Còm’è inebriànt unì a’ dolcèzz 
e’ nu sciure a' bràme da' passione 
sìn’  alluccà o' mio ammore rinto all’anema!
INGRANDISCI LA POESIA


TI HO REGALATO UNA ROSA
I HAVE GIVEN YOU A ROSE

Una rosa rossa, colta all’alba,
nelle tue mani, hai arrossito
donandomi la speranza di poterti 
amare nel cielo più sereno;
una calda emozione palpitare ha fatto 
il mio cuore col tempo fermo
tra le pieghe della gioia.
Ti ho stretta, forte,
ma il mio bacio sulle tue labbra
era delicato come la rosa,
mi dicevi “sì…così, baciami così”,
invece ti ho stretta ancora di più
con un bacio soffocante, intenso,
da togliere il respiro .
Com’è inebriante unire la dolcezza 
d’un fiore alla brama della passione
sino a  gridarti il mio amore nell’anima!

***


QUANNE AMMORE ME RICE ‘E SI’  

Appèna nasce dinto ‘o firmamento, 
bianca stella da ‘a sera, 
vuolge a me o' sguàrde toje  rilucente 
pecché nun riesco a cunquistà l’amata mia! 
Mànde nu' po’ ‘e lùce dint'e'  l’uocchie mieje 
pe fa capì ca' song nammurate, 
ògne mia paròla d’ammòre ppe essa
farrà splenne ancòre  e cchiu' ‘a notte, 
sule accussì o' sole sarrà surpreso 
e, distratte, accumpagnà nun pòtrà l’Aurore
fìne a quanne essa starrà strètte a me dint'e' braccia meje! 
Mia stella, me lasce immèrge rint'a' fulgida luce toja, 
aggio bisògne ca' Amòre divàmpasse comme fiamme accèsa, 
‘a notte sarrà lònga si l’amàta me dìrrà ‘e sì, 
tùtt’ ‘o mio essere avarrà nu' unicò penzière 
d’ammòre radiòse ca' purtarrà sciure all’Anema mia!


QUANDO AMOR  MI DIRA’ DI SI’

Appena nasci nel firmamento,
o bianca stella della sera,
guardami  col  tuo sguardo rilucente
perché non posso  conquistare la mia amata!
Manda un po’ di luce nei miei occhi
affinché lei capisca  che sono innamorato,
ogni mia parola d’amor  per lei
 farà risplendere ancor di più la notte,
solo così il Sole sarà sorpreso
e, distratto, accompagnar non potrà  l’Aurora
finchè lei starà stretta a me nelle mie braccia!
Mia stella, mi lascio immergere nella fulgida tua  luce,
ho bisogno che Amor divampi come fiamma accesa,
la notte sarà lunga se l’amata mi dirà di sì,
tutto il mio essere avrà un unico pensier 
d’amor radioso che porterà fiori all’Anima mia!



***

Voglia e’ te spoglià

Tengo  na’ voglia 'e te spoglià 
nu’ sulamente cu l’uocchìe, 
'e mane mie vonne campà do’ gràppele  toje  'e sole; 
te vonne luà ògne vestite 
pe abbraccià comme nu' fiùme 'a pelle, 
te vonne abbraccià e  te vonne  vive, 
respirà 'e toje membre belle, 
te muzzucà coppe a coppe pe ce perde int'e' sense 
sìn o’ sfulgurie de’ nuoste appagàte gemite; 
m’ aropp' guardèrò pure dinto 'e te 
ed 'o  viento mio 'e mare truvarrà 'o spirite  toje.
Sì, voglie spoglià 'o core toje 
vestì 'e me ll' anima toje
suffiànne  'o mio ammore int'e' labirinte suoje ; 
quèlle ca’ voglie 'a te è sentimiento profonde 
pe contagià pure u’ cuorpe mio
ed inebriàrle cu pùre gòcce 'e pètale 'e ròse.


SPOGLIARTI

Voglio spogliarti
non soltanto con gli occhi,
le mie mani vogliono vivere nel tuo grappolo di sole;
voglio toglierti ogni vestito
per abbracciare come un fiume la tua pelle,
abbracciarti e viverti,
respirare le tue membra adorabili,
morderti delicatamente per perderci nei sensi
sino allo sfolgorio dei nostri appagati gemiti;
ma dopo guarderò anche dentro di te
ed il mio vento di mare troverà il tuo spirito.
Sì, voglio spogliare il tuo cuore
e vestire di me la tua anima
soffiando il mio amore nei suoi labirinti;
quello ch’io voglio da te è sentimento profondo
per contagiare anche il mio corpo
ed inebriarlo con pure gocce di petali di rosa.


***

L’AMMORE AVEVA ‘O SGUARDE TOJE

Ero là ncopp’e scàle ra' chiesa 
cu l'ansia doce do' suone re' campàne, 
‘a porte s’ araprette co’ vole re’ culombe 
a se posà 
silenziuse ncopp’’e piette de’ puortece. 
L’ammòr scennette co’ sguàrde azzurre toje , 
‘o ffuòco dint ‘o core mio, divampaje
ampressa appena sentette  ‘e passe doce
 nanze o' spigòle e’ na’ gronde; 
t’abbaciaje e l’anema dint’e me ‘e gemme 
metteva sfamàte ra' gioia
ca tene sule chi t’ama 
che vase azzeccate ca' accarezzàno ‘o core.
INGRANDISCI LA POESIA


L’AMOR AVEVA IL TUO SGUARDO

Ero là sulle scale della chiesa
con l'ansia dolce del suono delle campane,
la porta si aprì col volo dei colombi
a posarsi
silenziosi sui petti dei portici.
L’amor discese col tuo sguardo azzurro,
fuoco nel mio cuore, rosseggiò
ai dolci passi verso lo spigolo d’una gronda;
ti baciai e l’anima in me le gemme
metteva sfamate dalla gioia
che ha sol chi t’ama
coi baci profondi che accarezzano il cuore.




***

ME PIACI COMME  SI’

E’ seducènte o'  viso toje, 
nu neo ncopp'o' làbbro superiòre rènde 
’a figure toja ancòra cchiu' sensuàle, 
è 'nu spècchio e' lune ardente 
int' e'  graziè toje comm''a 'nu invite 
ca illumina 'e  sènse mieje.


MI PIACI COME SEI

E’ seducente il tuo viso,
un neo sul labbro superiore rende 
la tua figura ancor più sensuale,
è uno specchio di luna ardente
tra le tue grazie come un invito
che illumina i miei sensi.

***


‘A  PORTA  R’ AMMORE

Tu si ‘a porta r’ammore 
che m’apre e’ bellezze d’ ‘o creato,
amandoti chist’uocchie vedonò a’ vita,
vivò into profum dei sciur  aro’ e paure
sfuman in nu’ ciardin incantàt.


LA PORTA DELL’AMORE

Vedo in te la porta d’amore 
che mi apre alle bellezze del creato,
amandoti apprezzo la vita, vivo
nel profumo dei fiori ove le paure
sfumano in giardino incantato.

***


Dì’ a' lunà ca' venesse

Dì’ a' luna ca' venesse… 
venesse a verè cu e' suoje uocchie spalancate 
quànne te rico “ti amò”, 
ca’ sia testimòne d’ammòre  d’ogne vòce mia
de’ toje compiacènt uocchi e cortesi! 
Pùr e' notta a' tèrra si sveglie 
sòtto 'e tremànt fiùmi e' desideri 
addò ca l’òmbre do' abbràccio nuosto
restarrà 'e cuntinuo comme brezza 
addormentàte dint 'e ràmi.


Dì’ alla luna che venga…
venga  a veder con i suoi occhi  spalancati
quando ti dirò “ti amo”,
che d’amor sia testimone d’ogni mia voce
e dei tuoi compiacenti occhi e cortesi!
Pur di notte  la terra si sveglierà
sotto i tremanti fiumi di desideri
mentre l’ombra del nostro abbraccio
resterà a lungo come brezza
addormentata tra i rami.


***

AMMIRE E' UOCCHIE TOJE

Ammìre e' uocchie toje
lì portèrò cu me a culurà 
tùtte chelle ch’è àride dinto 'e mè, 
spruzzà o' toje doce ‘ncantesimo 
ncopp'a anema mia ca' inìzia a sorseggià 
evasiòne sìno ad abbraccià 
'o sguàrde  toje  r’ammore 
dinto nu' sussùrre 'e viento profumàte 
ntrà acrobaziè do' piacère.


AMMIRO I TUOI OCCHI

Ammiro i tuoi occhi
e li porterò con me a colorare
tutto ciò ch’è arido dentro di me,
a spruzzare il tuo dolce incantesimo
sulla mia anima che  inizia a sorseggiare
evasioni sino ad abbracciare
il tuo sguardo d’amore
in un sussurro di vento profumato
tra acrobazie del piacere.


***

SFIORAME

Pigliame  stu cuorpe mio cu e'  mane toje
raccuoglie  e' sospìr mieje  portànnele 'ncoppa  pelle toya, 
rapìsce  e' bacì  mieje e vestèt e' desideri 
i' me poggio dint 'e seni toje
sìn a rabbrividì 'ncoppa bocca toja; 
pure e'  parole meje arrivarrànno o'  core toje
co’ calore tremànte ro'  cuorpe  mio, 
sfiorame 
pure cu e' l'uocchie a' derive su 'e me 
co’ surrìse cavero e ll’albe 
pe’ dipingère o'  piacere mio, 
saziamme 
desideranneme comme na’ dea nammurate 
ca’ me fa trasi' int'e' velì ra'  passione soje.




SFIORAMI

Rapisci il mio corpo con le tue mani
e raccogli i miei sospiri portandoli sulla tua pelle,
rapisci i miei baci e vestiti di desideri
io mi perderò tra i tuoi seni
sino a  rabbrividire sulla tua bocca;
anche le mie parole arriveranno al tuo cuore
col calore tremante del mio corpo,
sfiorami
anche con gli occhi alla deriva su di me
col sorriso caldo dell’alba
a dipingere il mio piacere,
saziami
desiderandomi come dea innamorata
che mi fa entrare nei veli della sua passione.