HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

POESIE IN NAPOLETANO di B.BRUNO

 

FILASTROCCHE NAPOLETANE

 

POESIE IN VERNACOLO


 

DIALETTO  NAPOLETANO 2


PAGINA  1


di SALVI SABINO


Aggio scritto 'na canzone
comma a tantu tiempe fa
ce sta ammore e a passione
ma o chiù mmeglio chi t'o dda?
Sai che manca?
O sentimento!!! E pe forze, rimme tu.




CORE 'E STU CORE

Core 'e stu core
e guardame
dimme ca 'e pazziate
'o vvì, me scappa a chiagnere
nu 'ncarro cchiù  a parlà.
Core 'e stu core
overo aggio campato r'ammore
'a quanno me diciste 'o primme sì.




NUN PARLA'

Nun parlà
viene a sentì
chistu core mio
ca tene famme
'e 'na passione antica.
Nun parlà
viene a guardà
chist'uocchie mieje,
comme se perdono
dint'a l'uocchie tuoje.
Io sto cca,
'ncantato a te guardà,
tu ca si l'ammore
'o chiu bello c'aggio avuto.
Nu parlà
viene da chistu core
ca tiene 'o ffuoco a dinto
e te po' fa campà
e te po' fa murì.
Nun parlà,
sienteme :
chesta vita nun è vita senza te.





ACCAREZZAME

Accarezzame,
strigneme 'ncoppo 'o core,
famme sentì
'o bbene ca me vuò.
Me piglio tutte 'e mumento
'a smanie 'e te tenè astritte
mentre io vase a te
mentre tu vase a me.
Accarezzame,
strigneme dint 'a sti braccia toje,
me pare ca accussì
nun esite cchiù niente
sulamente io e te
'o sole e 'a luna
'a vita e 'a morte.


***

di   SALVATORE DI GIACOMO

Pianefforte 'e notte
Nu pianefforte 'e notte
sona luntanamente,
e 'a museca se sente 
pe ll'aria suspirà.

È ll'una: dorme 'o vico
ncopp' a nonna nonna
'e nu mutivo antico
'e tanto tiempo fa.

Dio, quanta stelle 'n cielo!
Che luna! e c'aria doce!
Quanto na della voce
vurria sentì cantà!
Ma sulitario e lento 
more 'o mutivo antico;
se fa cchiù cupo 'o vico
dint'a ll'oscurità..

Ll'anema mia surtanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannese, a pensà.

Traduzione:
Un pianoforte di notte
suona lontanamente 
e una musica si sente
per l'aria sospirar.

E' l'una: dorme il vico
su questa ninna nanna 
di un motivo antico
di tanto tempo fà.

Dio,quante stelle in cielo!
Che luna! Che aria dolce!
Quanto una bella voce 
vorrei sentir cantar.

Ma solitario e lento
muore il motivo antico;
si fa più cupo il vico
nell'oscurità.

L'anima mia soltanto 
rimane a questa finestra.
Indugia ancora. E resta,
incantandosi,a pensar.


PALOMMA 'E NOTTE

Tiene mente 'sta palomma,
comme gira, comm'avota,
comme torna n'ata vota
sta ceròggena a tentá!
Palummè' chist'è nu lume,
nun è rosa o giesummino...
e tu, a forza, ccá vicino
te vuó' mettere a vulá!...

Vatténn''a lloco!
Vatténne, pazzarella!
va', palummella e torna,
e torna a st'aria
accussí fresca e bella!...
'O bbi' ca i' pure
mm'abbaglio chianu chiano,
e che mm'abbrucio 'a mano
pe' te ne vulé cacciá?...

Carulí', pe' nu capriccio,
tu vuó' fá scuntento a n'ato...
e po' quanno ll'hê lassato,
tu, addu n'ato vuó' vulá...
Troppi core staje strignenno
cu sti mmane piccerelle;
ma fernisce ca sti scelle
pure tu te puó' abbruciá!

Vatténn''a lloco!
..........................

Torna, va', palomma 'e notte,
dint'a ll'ombra addó' si' nata...
torna a st'aria 'mbarzamata
ca te sape cunzulá...
Dint''o scuro e pe' me sulo
'sta cannela arde e se struje...
ma ch'ardesse a tutt'e duje,
nun 'o ppòzzo suppurtá!

Vatténn''a lloco!





di LUIGI DE SIMONE

Sotto ‘a ‘stu cielo

Sotto ‘a ‘stu cielo che schizzechea 
corro da  te schizzann’ chisti piedi'  anziuse
fin sotto'  ‘a  ‘sta fenesta ,
apri chesta' porta stretta ca’ aspette  ‘a voce mia 
che canta' ammore  accarezzànno  chesta bocca toja,
chesta pioggia ca bagna'  st'animo turmentato 
geluso ‘e tanta bellezza ,
ca teng voglia ‘e  nfricchià sti carne'  toje 
prigionier ‘e chist’ ammore.

***


TOTO' - 'A cunzegna
 
'A sera quanno 'o sole se nne trase
e dà 'a cunzegna â luna p' 'a nuttata,
lle dice dinto 'a recchia: "I' vaco â casa:
t'arraccumanno tutt' 'e nnammurate.
 
La consegna 
 
La sera, quando il sole si ritira
e dà la consegna alla luna per la nottata,
le dice nell'orecchio: "Io vado a casa:
ti raccomando tutti gli innamorati".



'A vita

'A vita è bella, si, è stato un dono,
un dono che ti ha fatto la natura.
Ma quanno po' sta vita è na sciagura,
vuie mm' 'o chiammate dono chisto ccà ?
E nun parlo pe me ca, stuorto o muorto,
riesco a mm'abbuscà na mille lire.
Tengo 'a salute, e, non faccio per dire,
songo uno 'e chille ca se fire 'e fà .

Ma quante n'aggio visto 'e disgraziate:
cecate, ciunche, scieme, sordomute.
Gente ca nun ha visto e maie avuto
nu poco 'e bbene 'a chesta umanità .

Guerre, miseria, famma, malatie,
cristiane addeventate pelle e ossa,
e tanta gioventù c' 'o culo 'a fossa.
Chisto nun è nu dono, è 'nfamità .

TOTO'



TOTO' - Ll'ammore
 
Ll'ammore è comme fosse nu malanno
ca, all'intrasatta, schioppa dint' 'o core
senza n'avvertimento, senza affanno,
e te pò ffa' murì senza dulore.


***


di GIORGIO BRUNO
'MPIERO 'O MARE

'Mpiero 'o mare stasera,
'n facce 'a sta' luna,
ammore, ammore
te volesse sussurra',
parole doce
pe' te 'nammura'...
Ma tu si' luntana
e 'a luna pe' dispietto
'e stu core annammurato
la' sta...
Me vo' vede' patì
pe' 'o desiderio 'e te vasa'!

M. Federico e G. Bruno




CARA SIGNORA 

Riri, riri purè ragazzo 
nu' juorno pure tu piangeraì 
piens ca' ppe te 
o' cielò e'' sempe azzurrò 
e' nuvolè nun passàn maì? 
O' saccie' piens d''essèr fortunato, 
tànt a' dea bendatà 
v incòntr a' poverì e bellì, 
m int'a' vità nun si si mai 
tùtt può succerere
da' nu' minutò e tu 
nòn tienì neànch o' tempò 
e' respiràr e dicerie:
"Signorà, te vogliò bene, 
fammi vivèr nu' altrò poco 
sòn nu' ragazzò 
tantà stradà aggia nata vota fare, 
nòn teng capitò ancora  
nùll ra' vità e gìà  
m ne debbò andare". 
Ridì, riri purè ragazzò, 
ch bbuo' fare, 
haì risò e mo' piangì
ch'esta e' a vita
ch bbuo' fare.

GIORGIO BRUNO
12.9.2012




FRENNESIA

Frennesia
na' smania m'acchiappe forte
sulo a l'immaginà
nu tuono e na cascata d'acqua
esce d''o pietto senza fa' rummore
zampille 'mpazzute scappene pe' tutte parte
fuoche d'artificie int'a na notte ncantata
e comme è bella sta faccella toja
te voglio te desidero te canto
che voglio 'e cchiu'
tengo a tte e tanto basta
pe' mme fa felice.

GIORGIO BRUNO