TESTI CANZONI CANTANTI VECCHI 6

TESTI CANZONI CANTANTI VECCHI 6

TESTI CANTANTI VECCHI PAG.1 pag.3 pag.4 pag.5 pag7

HOME PAGE

CANTANTI VECCHI PAG.1

HOME TESTI CANZONI

FRASI CANTANTI

TESTI CANZONI CANTANTI ATTUALI

 

NEW TROLLS

Quella carezza della sera

Quando tornava mio padre sentivo le voci

 

Dimenticavo i miei giochi e correvo li'

 

Mi nascondevo nell'ombra del grande giardino

 

E lo sfidavo a cercarmi: io sono qui

 

Poi mi mi mettevano a letto finita la cena

 

Lei mi spegneva la luce ed andava via

 

Io rimanevo da solo ed avevo paura

 

Ma non chiedevo a nessuno: rimani un po'.

 

 

Non so più il sapore che ha

 

Quella speranza che sentivo nascere in me

 

Non so più se mi manca di più

 

Quella carezza della sera

 

O quella voglia di avventura

 

Voglia di andare via di là.

 

 

Quelle giornate d'autunno sembravano eterne

 

Quando chiedevo a mia madre dov'eri tu

 

Io non capivo cos'era quell'ombra negli occhi

 

E cominciavo a pensare: mi manchi tu.

 

 

 

Nel blu, dipinto di blu

 Domenico Modugno (VITA)

 

Penso che un sogno così non ritorni mai più;

mi dipingevo le mani e la faccia di blu,

poi d’improvviso venivo dal vento rapito

e incominciavo a volare nel cielo infinito…

 

Volare… oh, oh!…

Cantare… oh, oh, oh, oh!

Nel blu, dipinto di blu,

felice di stare lassù.

E volavo, volavo felice più in alto del sole ed ancora più su,

mentre il mondo pian piano spariva lontano laggiù,

una musica dolce suonava soltanto per me…

 

Volare… oh, oh!…

Cantare… oh, oh, oh, oh!

Nel blu, dipinto di blu,

felice di stare lassù.

 

Ma tutti i sogni nell’alba svaniscon perché,

quando tramonta, la luna li porta con sé.

Ma io continuo a sognare negli occhi tuoi belli,

che sono blu come un cielo trapunto di stelle.

 

Volare… oh, oh!…

Cantare… oh, oh, oh, oh!

Nel blu, dipinto di blu,

felice di stare quaggiù.

E continuo a volare felice più in alto del sole ed ancora più

su,

mentre il mondo pian piano scompare negli occhi tuoi blu,

la tua voce è una musica dolce che suona per me…

 

Volare… oh, oh!…

Cantare… oh, oh, oh, oh!

Nel blu, dipinto di blu,

felice di stare quaggiù.

Nel blu degli occhi tuoi blu,

felice di stare quaggiù,

con te!

 

 

BANDIERA GIALLA

GIANNI PETTENATI

 

Sì, questa sera è festa grande,

 

noi scendiamo in pista subito

 

e se vuoi divertirti vieni qua,

 

ti terremo fra di noi e ballerai.

 

 

Finché vedrai

 

sventolar bandiera gialla

 

tu saprai che qui si balla

 

ed il tempo volerà.

 

 

Saprai,

 

quando c'è bandiera gialla,

 

che la gioventù è bella

 

e il tuo cuore batterà.

 

 

Sai, quelli che non ci voglion bene

 

è perché non si ricordano

 

di esser stati ragazzi giovani

 

e di aver avuto già la nostra età.

 

 

Finché vedrai

 

sventolar bandiera gialla

 

tu saprai che qui si balla

 

ed il tempo volerà.

 

 

Saprai,

 

quando c'è bandiera gialla,

 

che la gioventù è bella

 

e il tuo cuore batterà.

 

 

Siamo noi,

 

siamo noi, bandiera gialla.

 

Vieni qui che qui si balla

 

ed il tempo volerà.

 

 

Saprai,

 

quando c'è bandiera gialla,

 

che la gioventù è bella

 

e il tuo cuore batterà.

 

 

 

MALEDETTA PRIMAVERA

LORETTA GOGGI

 

Voglia di stringersi e poi

vino bianco, fiori e vecchie canzoni

e si rideva di noi

che imbroglio era

maledetta primavera.

Che resta di un sogno erotico se

al mattino è diventato un poeta

se a mani vuote di te

non so più fare

come se non fosse amore

se per errore

chiudo gli occhi e penso a te.

Se

per innamorarmi ancora

tornerai

maledetta primavera

che imbroglio se

per innamorarmi basta un'ora

che fretta c'era

maledetta primavera

che fretta c'era

se fa male solo a me.

Che resta dentro di me

di carezze che non toccano il cuore

stelle una sola ce n'è

che mi può dare

la misura di un amore

se per errore

chiudi gli occhi e pensi a me.

Se

per innamorarmi ancora

tornerai

maledetta primavera

che importa se

per innamorarsi basta un'ora

che fretta c'era

maledetta primavera

che fretta c'era

maledetta come me.

Lasciami fare

come se non fosse amore

ma per errore

chiudi gli occhi e pensa a me.

Che importa se

per innamorarsi basta un'ora

che fretta c'era

maledetta primavera

che fretta c'era

lo sappiamo io e te

Na, na, na, na , na , na,

na, na, na, na, na, na,

maledetta primavera

na, na, na, na, na, na...

 

 

 

PROPOSTA

I GIGANTI

 

Mettete dei fiori nei nostri cannoni era scritto in un cartello

 

sulla schiena di ragazzi che senza conoscersi, di città diverse,

 

socialmente differenti in giro per le strade della loro città

 

cantavano la loro proposta, ora pare ci sarà un'inchiesta

 

 

Tu come ti chiami? Sei molto giovane

 

Me ciami Brambilla e fu l'uperari

 lavori la ghisa per pochi denari

 

e non ho in tasca mai la lira

per poter fare un ballo con lei

 

mi piace il lavoro, ma non son contento

non è per i soldi che io mi lamento,

 

ma questa gioventù

c'avrei giurato che mi avrebbe dato di più.

 

Mettete dei fiori nei vostri cannoni

perché non vogliamo mai nel cielo

 

molecole malate,

 ma note musicali che formano gli accordi

 

per una ballata di pace, di pace, di pace.

 

Anche tu sei molto giovane, quanti anni hai?

 

E di che cosa non sei soddisfatto?

 

Ho quasi vent'anni e vendo giornali

 girando quartieri fra povera gente

 

che vive come me, che sogna come me

sono un pittore che non vende quadri

 

dipingo soltanto l'amore che vedo

e alla società non chiedo che la mia libertà.

 

Mettete dei fiori nei vostri cannoni

perché non vogliamo mai nel cielo

 

molecole malate,

 ma note musicali che formano gli accordi

 

per una ballata di pace, di pace, di pace

 

E tu chi sei? Non mi pare che abbia di che lamentarti...

 

La mia famiglia è di gente bene con mamma non parlo,

 col vecchio nemmeno

 

lui mette le mie camicie poi critica se vesto così

 

guadagno la vita lontano da casa

perché ho rinunciato ad un posto tranquillo

 

ora mi dite che ho degli impegni

che gli altri han preso per me

 

Mettete dei fiori nei vostri cannoni

perché non vogliamo mai nel cielo

molecole malate,

ma note musicali che formano gli accordi

 

per una ballata di pace, di pace, di pace

 

 

 

Io ho in mente te

 EQUIPE 84   

Apro gli occhi e ti penso, ed ho in mente te

 

Ed ho in mente te.

 

Io cammino per le strade, ed ho in mente te

 

Ed ho in mente te.

 

Ogni mattina uo, uo, ed ogni sera, uo, uo

 

Ed ogni notte, te.

 

Io lavoro pi- forte, ma ho in mente te

 

Ma ho in mente te

 

Ogni mattina uo, uo, ed ogni sera, uo, uo

 

Ed ogni notte, te.

 

Che cos'ho nella testa, che cos'ho nelle scarpe

 

No, non so cos' .

 

Ho voglia di andare, uo, uo

 

Di andarmene via, uo, uo

 

Non voglio pensar ma poi ti penso

 

Apro gli occhi e ti penso, ed ho in mente te

 

Ed ho in mente te.

 

Ogni mattina, uo, uo, ed ogni sera, uo, uo

 

Ed ogni notte te.

 

CANZONI CANTANTI GIOVANI
FRASI CANTANTI VARI