HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 

POESIE IN VERNACOLO


 

DIALETTO  ROMANO 1


PAGINA 2


DOMENICO MORONI

Gira la vita

Dicheno che la vita sia na rota
adesso tocca all'artri e dopo a te
cosi cò sto pensiero sò invecchiato
er meio nu l' ho avuto e manco l'ho trovato.

Da regazzetto, lassi fà a li grandi
semai lavori a te li peggio tocca
quelli prima de te sò sempre tanti
te fanno fori prima che apri a bocca.

La brama del pensiero: adè mè spetta
da sempre me accompagna come l'ombra
ma l' anni passa e fa la vita stretta
cò gnente t'aritrovi nella tomba.

Che rota farsa, a me nù mà girato
addò me trovo quì, nun sento niente
fosse che er giro mio sia capitato
de avè sto fiore finto e permanente.



El teremoto de Ancona. 1972

Erimi nialtri tranquili, nun pensami
a cosa pole esse el teremoto
viene na sera questo co un gran boto
ce trova liperlì come salami.
Tutti spauriti a cure pe le strade
parea el trasferimento al manicomio
Oreste esce de casa senza braghe
curendo casca giù pel mattatoio
Jolanda la purtiera del quartiere
na zitellona che se crede bella
grida l'aiuto a Franco che è pumpiere
casca de brutto dentro na mastella
Gino el drughiere tanto precisino
metteva a posto dentro al neguzietto
el teremoto butta giù il camino
e s'aritrova dentro al gabinetto
Matilde la socera de Armanda
mentre che se vestiva pe nà festa
manco s'accorge che senza la mutanda
corre impazzita in piazza Malatesta
Poi ce truvamo tutti giù pel corso
tutti rabbiti pieni d'euforia
un ca randagio a Gino iè da un morso
e cul puretto sfoga de pazzia
Arriva i garbinieri cul prefetto
fadiga a fa tranquilli i cittadini
dice currete al novo  palazzetto
andate tutti voi donne e bambini
El giorno dopu ancò se ce sgrullava
arriva i militari cu le tende
a mezzudi a magnà parea na gara
é stata n'aventura preputente
L'emu suffertu bè quel teremoto
un anno armasti lì con pogu niente
erimi uniti tutti, pè no scopo
nessuno sia de queli che s'arrende
Adè passati i'anni sei un ricordo
o teremoto un colpo che te piasse
anche se qui ad Ancona ogni balordo
sè ritrovato un spunto per amasse.
DOMENICO MORONI



RITRATTO

Da giorni e giorni a e sei de la mattina 
me s'apre l'occhi, pure quando è festa.
Me reco in fretta nella stanzettina
mentre me tiro l'ossi e scrocchio a testa.
Quanno che me so messo tutto in aggio
passato quel momento del bisogno 
per famme un quadro come er Caravaggio
 l'attrezzi è pronti e io realizzo er sogno.
Con raffinati tocchi de pennello
sue righe de la tela attentamente
rendo il suo viso assai vivace e bello   
come che fischia e canta allegramente.
Quasi ogni giorno faccio un ritocchino  
sto difettuccio ieri m'è sfuggito
se nu sto attento viene un arlecchino
voio un capolavoro da finito.
Mo veramente è pronto e ben coretto
esco affinché lo venghino a vedere
attenti nun se tocca sto quadretto
se nu lo vendo datemi un parere...
Come so pochi quelli che capisce
meio che lo riporto a casa mia
se disprezzate, l'arte non finisce
questo è talento mica na magia.
Er giorno appresso ecco già le sei
de corsa co l'affanno..er quadro, oddio
non c'è la tela e i righi so li mii,
era lo specchio e dentro c'ero io.
DOMENICO MORONI



IL  POLITICO

Un uomo in una piccola nazione
 in una cittadina de provincia
certo d'esse rivato alla pensione 
pensò tra sè, la vita ricomincia.
 Manco finisce il suo ragionamento
che la notizia del telegiornale
dice che il mondo chiede un  cambiamento
perchè le cose vanno molto male.
A noi politicanti spiace tanto
dobbiamo fare tutti restrizione
e vi preghiamo di non fare il pianto
se aspetterete ancora alla pensione.
L'uomo di quella piccola nazione
sente dentro di sè come un vulcano
nu gliela fa a tenè la situazione
mezzo svenuto cade sul divano.
Poi se ritrova a Roma in un momento
diretto pe arivà a Montecitorio,
duro e impettito entra al parlamento
e fa un discorso a tutto l'uditorio.
Voi sempre dite, o popolo sovrano
vi governiamo con democrazia
invece è solo nella vostra mano
 ogni opulenza e atti di bugia.
Se il popolo è sovrano, come dite
ci sia lavoro e bene assai per tutti
 invece ai giovani la vita iè impedite
voi ve strafate e loro so distrutti.
Finito un gran silenzio regna in sala
ogniuno guarda l'artro e se vergogna         
la mano de un ministro giù ie cala
pe sbaio tocca a una  sulla gonna.
Questa se infuria e molla no schiaffone
quel botto sona forte al parlamento
tanto che tutti in quella situazione 
se copiano e se plagiano applaudendo.
Adesso quell'ometto se compiace
mentre se  sente forte  e  realizzato
pensa che lui farà il politico verace
ma era un sogno e adesso sè sveiato.
Poi c'è riflette e pensa che stoltezza
 nessuno al monno e nemmeno io
 potrebbe governare con giustezza
per governà c'è vò soltanto Dio.
DOMENICO MORONI



All'ombra
di TRILUSSA

Mentre me leggo er solito giornale
spaparacchiato all'ombra d'un pajaro
vedo un porco e je dico: - Addio, majale! -
vedo un ciuccio e je dico: - Addio, somaro! -

Forse 'ste bestie nun me capiranno,
ma provo armeno la soddisfazzione
de potè di' le cose come stanno
senza paura de finì in priggione.



A chi tanto e a chi gnente!
Di TRILUSSA
Da quanno che dà segni de pazzia,
povero Meo! fa pena! È diventato
pallido, secco secco, allampanato,
robba che se lo vedi scappi via!
Er dottore m'ha detto: - È 'na mania
che nun se pô guarì: lui s'è affissato
d'esse un poeta, d'esse un letterato,
ch'è la cosa più peggio che ce sia! -
Dice ch'er gran talento è stato quello
che j'ha scombussolato un po' la mente
pe' via de lo sviluppo der cervello...
Povero Meo! Se invece d'esse matto
fosse rimasto scemo solamente,
chi sa che nome se sarebbe fatto!



ER GIORNO DER GIUDIZZIO

E’ arivato er giorno der giudizzio
e varda caso, assieme ar giubbileo.
Però, stavorta, manco er zant’uffizzio
po’ distingue ‘n cristiano da ‘n ebbreo!

Sse so’ ammischiate mille riliggioni
e stavorta, direbbi:” pari e patta”!,
nun sce so’ vincitori!, e nun zé ttratta 
discemo, pe’ spartì: ”cani e padroni”! 

Saranno scéntomila(!) a sta sfilata,
sso’ bianchi, gialli, neri e cennerini;
e ddoppo, tutti “frosci” sta nidiata!
“Cqua’, nun za’ dda sfilà” disce Ruvini!

Discemo cc’ha pavura e, nun me sbajo!,
che viè a galla, frammmezzo a la nidiata
la parte, che discemo “disgrazziata”! 
Li preti- froci! E ddoppo quarche ssajo. 

M. Marzi 



ER PUPO
Lo vedo, guasi sempre, llì, ar cantone.
Ccià ‘n viso bbello, dorce, ‘n angeletto,
ar naso, guasi sempre er moccioletto;
e all’occhi na’ tristezza che ‘n ze sa!

E’ ttroppo differente da cuell’antri
che giocheno, rincoreno na’ palla;
lui, ‘nvece, sempre bono, ’n ciavrà voja?-
oppuro, quarche cosa che nun va.

Un giorno ho domannato a‘na cratura 
“ccom’è che quello llì nun gioca mai 
dimme,regà perché cià ‘r viso ttristo?
Pe’ via che nun je va dde stà co’ voi” ?

No!, quello aspetta sempre mamma sua!-
cch’è annata a fasse du’ mezzoservizzio,
er padre, se l’è preso Ggesucristo! 
E allora, sse ne stà pe’ ccazzi sua.

Marco Marzi



Sur più bello.
Quanno che me vedessi avvicinà
tremassi de piacere e fu accusì
che incoraggiato vorzi ariprovà
e fui convinto... de potè riuscì.
Te strinsi ar core e tu... lassassi fa;
voi esse mia? me risponnessi si!
voi tanti baci? e sospirassi da'
e tra er si, e, er da'... che avevo da capì?
Me feci ardito! e te portai co me;
in un nido d'amore e doppo lì
tu me baciavi e io baciavo te.
Poi sur più bello er sogno se spezzò,
e tu aringrazzia Iddio c'annò così;
che si quer sogno dura n'antro po.
Ugo Bernardini.

***


'A luna (Dialetto romanesco)

Faceva li capricci come 'na bambina
perchè voleva aspettà er pupo e
cresceselo...forse come 'mbambolotto
 
Annava a fasse visità da li mejo dottori
pe' fasse prescrive 'e cure più pazze
pe' rimane' 'ncinta ...ma gnente nun je riusciva
 
'Nber giorno 'a vicina de casa je spiega
'ntrucchetto facile facile pe' raggiunge
quer traguardo...e lei fiduciosa abbocca
 
'Nzomma co' 'ninfuso d'erba malandrina
quanno compariva 'a luna piena doveva
recità 'na nenia 'rzigogolata
 
Prova che te riprova li risultati nun se vedeno
Dopo quattro lune piene artorna da l'amica
che stizzita je dice : "A bella che te posso fa
se mo pure quella lassù vo' esse pagata?"
 
 
 
 
T R A D U Z I O N E
 
Faceva i capricci come una bambina
perchè voleva aspettare un bambino e
crescerlo...forse come un bambolotto
 
Andava a farsi visitare dai medici più famosi
per farsi prescrivere le cure più elaborate
e rimanere in cinta...ma niente non le riusciva
 
Un bel giorno la vicina di casa le spiega
un metodo semplice semplice per raggiungere
quello scopo...e lei fiduciosa le crede
 
Insomma con un infuso d'erba particolare
quando c'era la luna piena doveva
recitare una canzone complicata
 
Prova e riprova, i risultati non ci sono
Dopo quattro lune piene torna dall'amica
che risentita le dice :" Bella che ti posso fare
se ora anche quella lassù intende essere pagata?"

PAGINA 2


PER VISITATORI E POETI