HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 

POESIE IN VERNACOLO


 

DIALETTO  ROMANO  PAG.2


PAGINA 1


POESIE IN ROMANESCO DI MARIO FILIPPI

 

'A giostra

Dentro ar giardino vicino a casa mia,

cè stà na giostra vecchia coi cavalli,

quelli montati sopra i piedistalli,

che vedi spesso ar cinema, anima mia!

 

Io me ce vengo a riposà, tarvorta,

penzanno a quella Roma de na vorta,

quanno che la caciara e l'allegria

era sempre padrona de la vita mia!!

 

Mò m'aritrovo sempre più co me stesso,

e devo ripenza ar tempo passato,

quello in cui parlavo forse come adesso,

però nun me sentivo d’esse sorpassato!!

 

A giostra gira ancora, senza annà de fretta,

gira e risplenne de vita benedetta,

portanno pischelletti inbambolati

ma quanno sò lassopra 'ndiavolati!

 

Me ce rivedo 'n pò, in quei pischelletti,

puro si sò diversi da noantri,

più sveji forse, ma assai meno protetti

unico peccato de li grandi!

 

Però a giostra gira e nun se cura

de tutta la tensione e la paura,

che regna 'ntorno a noi,

er monno gira puro, come voi,

 

e porta sopra tanti regazzini,

che sò sfruttati e senza li quatrini,

preda de guere e tant'artre sciagure,

che fanno abbrividì pe le paure!

 

Li ragazzini, come tu li vedi,

cianno sempre la gioia tra li piedi,

ma si li granni so troppo cretini,

me li saluti poi stì poverini!

 

A giostra gira, e porta li tormenti,

nun devi preoccupatte, loro sò contenti

però famme penzà che forse 'ngiorno,

la fame e la miseria se potranno levà de torno!

 

(Mario 12/1/03)

 

 

Li castelli

Li castelli attorno ROMA so famosi,

si ce vai a finì tu certo t'ariposi,

ce poi trova er sole e l'aria fresca,

e si te piace puro a fava romanesca!

 

Li castelli attorno ROMA sò importanti,

cianno fatto er nido proprio in tanti,

dalli papi fino ai giorni nostri,

ce ne sò venuti quì de pezzi grossi!

 

Sulle cime dei castelli ce sò laghi,

messi lì, me sembra, da li maghi,

stretti tutti quanti attorno a ROMA,

pe formaje come na granne corona!

 

Li laghetti brillano com'occhi,

e le stelle sembra quasi tu le tocchi,

quanno sei li in cima, vedi 'nmonno novo,

e pe te diventeno 'nritrovo!

 

(Mario 2/12/01)

 

 

'Na favola

C’era na vorta, tanto tempo fa,

un lupo che voleva ‘npò cambià,

penzanno che, lui diventanno bono,

l’omo l’avrebbe liberato cor perdono!

 

L’omo, vedenno er lupo che arivava,

pensò riavesse qualche idea cattiva,

prese le pecore e le chiuse dentro,

poi prese ‘nbastone e je se fece ‘ncontro!

 

Er lupo lo vedette da lontano,

pensò fra se:”Ecco, ecco l’umano!

Si la facessi io sta brutta azione,

direbbero che c’era l’intenzione!”

 

L’omo je disse subbito:”Va via!

Quella che tu vedi è casa mia,

forse però potrei portatte ner giardino,

pe fatte npò giocà cor ragazzino!”

 

Er lupo l’ascoltò n’attimo solo,

poi se voltò, pensanno ‘npò da solo:

“Eccolo qua er famoso essere umano,

basta na vorta, che je porgi la mano,

 

e lui ce prova, in modo prepotente,

te vò rinchiude in una gabbia immantinente!

Forse però si je mostro li denti,

lui capirà che io ciò altri sentimenti!”

 

”Io so ‘nlupo, no ‘ncane,hai da capillo,

si voi fa la pace co me te basta dillo,

Io tornerò lì, sopra la montagna,

tu potrai aritornà a cortivà a campagna!”

 

“Ar ragazzino tuo je vojo bene,

però er giardino no, nun me conviene,

finì co la catena ar collo che tristezza,

pe uno co così tanta fierezza!”

 

Er lupo se n’annette piano piano,

facendo finta de nun sentì l’umano,

tornò pian piano sopra la montagna,

lascianno l’omo a lavorà a campagna!

 

(MARIO 26/3/02)




PER VISITATORI E POETI