GIAMBATTISTA MARINO : Pallidetto mio sole

GIAMBATTISTA MARINO


HOME PAGE    DIDATTICA SCUOLA    POESIE 200-900    COMMENTI POESIE FAMOSE    LETTERATURA

 

PALLIDETTO MIO SOLE

Pallidetto mio sole,
a i tuoi dolci pallori
perde l'alba vermiglia i suoi colori.
Pallidetta mia morte,
a le tue dolci e pallide viole
la porpora amorosa
perde, vinta, la rosa.
Oh, piaccia a la mia sorte
che dolce teco impallidisca anch'io,
pallidetto amor mio.

In questo madrigale il poeta loda il volto di una bella donna, il cui pallore č cosė vago che di fronte ad esso la rosa cede il suo pregio e arrossisce di vergogna.

O donna amata, cosė caramente pallida come il sole,l'alba vermiglia di fronte ai tuoi dolci pallori si scolora, divenendo meno bella.O donna amata,che col tuo pallore sei la causa della mia morte(perchč fa struggere il poeta), di fronte ai tuoi pallori la rosa, vinta,perde il suo bel colore purpureo, che č il colore simbolo dell'amore.

QUALCHE FIGURA RETORICA

enjambements :v.3/4 , v.6/7 , v.8/9;

metafora : (verso 4) pallidetta mia morte= O mia amata che mi fai morire d'amor col tuo dolce pallore ;

iperbato : v.3.


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!