ANGELO POLIZIANO : IO MI TROVAI FANCIULLE..

ANGELO POLIZIANO


HOME PAGE    DIDATTICA SCUOLA    POESIE 200-900    COMMENTI POESIE FAMOSE    LETTERATURA

 

I' mi trovai fanciulle...

I' mi trovai fanciulle, un bel mattino
di mezzo maggio in un verde giardino
Erano intorno violette e gigli
fra l'erba verde e vaghi fior novelli
azzurri gialli candidi e vermigli
ond'io porsi la mano a côr di quelli
per adornar e mie' biondi capelli
e cinger di grillanda el vago crino.
Da poi ch'i' ebbi pien di fiori un lembo,
vidi le rose, e non pur d'un colore;
io colsi allor per empier tutto el grembo,
perch'era sì soave il loro odore
che tutto mi senti' destar el core
di dolce voglia e d'un piacer divino.


I' posi mente: quelle rose allora
mai non vi potre' dir quant'eron belle:
quale scoppiava della boccia ancora,
qual eron un po' passe e qual novelle.
Amor mi disse allor: - Va'. co' di quelle
che più vedi fiorir in sullo spino. -


Quando la rosa ogni sua foglia spande,
quandi è più bella, quando è più gradita,
allora è buona a metterla in grillande,
prima che sua bellezza sia fuggita;
sicché fanciulle, mentre è più fiorita,
cogliàn la bella rosa del giardino.....

 

In questa ballata una fanciulla esprime ciò che ha provato una mattina di maggio, mentre si trovava in un giardino e le immagini sono un esempio dell'ideale di bellezza perfetta a cui miravano gli Umanisti. La ballata è di quattro strofe, ciascuna di sei endecasillabi. I due versi iniziali formano la "ripresa" e si ripetono identici dopo ogni strofa.
Schema metrico: AA BCB CCA

Io mi trovai un bel matino di mezzo maggio in un verde giardino e vidi tanti fiori variopinti.Io stesi la mano per coglierli e adornare con essi i miei biondi capelli e cingere il capo con una ghirlanda.Ma dopo che ebbi riempito di fiori il lembo della veste, vidi le rose di molti colori, tanto belle che corsi per riempire tutto il grembo, perchè il loro colore era così soave che sentii destarsi in cuore un dolce desiderio ed un piacere purissimo.

Dopo aver dato alle rose uno sguardo d'insieme,le osservai attentamente e fui colpita dalla loro bellezza che alcune sbocciavano proprio allora, altre erano un pò appassite, altre sbocciate da poco.Allora Amore mi spinse a cogliere quelle che erano nella pienezza della fioritura sul ramo spinoso.

La rosa è più bella da mettere in ghirlanda quando è più gradevole a vedersi, prima che la sua bellezza sia sfiorita, sicchè, o fanciulle, cogliamo la bella rosa del giardino mentre ella è più fiorita(Godiamo la gioia della giovinezza prima che inesorabilmente sparisca).


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!