QUASIMODO: NESSUNO

HOME PAGE
POESIA E NARRATIVA
COMMENTI POESIE SCONOSCIUTE
COMMENTI POESIE SCONOSCIUTE
COMMENTI
POESIE POETI FAMOSI


Nessuno di Salvatore Quasimodo

Io sono forse un fanciullo
che ha paura dei morti,
ma che la morte chiama
perché  lo sciolga da tutte le creature:
i bambini, l'albero, gli insetti;
da ogni cosa che ha cuore di tristezza.

Perche' non ha piu doni
e le strade son buie,
e più non c'e' nessuno
che sappia farlo piangere
vicino a te, Signore.

 

In questa poesia Salvatore Quasimodo, ha voluto esprimere la sua solitudine, nel senso che, oltre il titolo stesso della parola, si celano anche parole, espressioni, elementi fonici, che ci fanno percepire il suo stato d'animo; come per esempio, "le strade son buie", "cuore di tristezza": quest'ultime suscitano delle sensazioni di tristezza e malinconia.
Cuore di tristezza, costituisce una figura retorica, quale secondo me, la sinestesia che consiste nell'associare, all'interno di un'unica immagine, nomi, aggettivi appartenenti a sfere sensoriali diverse.
Anche, per esempio, il significato connotativo, cioè soggettivo ed emotivo, dell'espressione "le strade son buie" sta a significare, appunto la solitudine, nel senso che, forse, il poeta ha scritto quest'espressione mentre pensava ai suoi momenti di profonda solitudine.
In questa poesia il poeta mentre scrive riflette sulla sua vita, sulle sue attività, sulle sue compagnie.
Il punto più interessante è quello del riflettere che a volte non si ha nessuno col quale confidarsi, una spalla su cui piangere.

Guardando entro se stesso, il poeta si ritrova povero fanciullo, paaauroso di morire. E la morte lo chiama per liberarlo da tutte le cose della vita che hanno a loro volta un cuore di tristezza. Lo chiama perché è sperduto, disperatamente sperduto nelle vie buie, nel deserto della sua solitudine.

Metro : polimetro

Parafrasi

Io forse sono un bambino che ha paura dei morti, ma che al tempo stesso chiama la morte, affinchè essa lo allontani da tutte le creature: i bambini, l'albero, gli insetti, da ogni cosa triste. Perchè egli non ha più doni e non c'è più nessuno che sappia farlo piangere vicino a te, Signore.




Classifica di siti - Iscrivete il vostro!