G.GIUSTI : LA CHIOCCIOLA


HOME PAGE
POESIA E NARRATIVA
COMMENTI
POESIE POETI FAMOSI


GIUSEPPE GIUSTI :   LA CHIOCCIOLA

Viva la Chiocciola,
Viva una bestia
Che unisce il merito
Alla modestia.
Essa all’astronomo
E all’architetto
Forse nell’animo
Destò il concetto
Del cannocchiale
E delle scale:

Viva la Chiocciola
Caro animale.

Contenta ai comodi
Che Dio le fece,
Può dirsi il Diogene
Della sua specie.
Per prender aria
Non passa l’uscio;
Nelle abitudini
Del proprio guscio
Sta persuasa,
E non intasa:

Viva la Chiocciola
Bestia da casa.

Di cibi estranei
Acre prurito
Svegli uno stomaco
Senza appetito:
Essa sentendosi
Bene in arnese.
Ha gusto a rodere
Del suo paese
Tranquillamente
L’erba nascente:

Viva la Chiocciola
Bestia astinente.

Nessun procedere
Sa colle buone,
E più d’un asino
Fa da leone.
Essa al contrario,
Bestia com’è,
Tira a proposito
Le corna a sé;
Non fa l’audace,
Ma frigge e tace:

Viva la Chiocciola
Bestia di pace.

Natura, varia
Ne’ suoi portenti,
La privilegia
Sopra i viventi,
Perché (carnefici
Sentite questa)
Le fa rinascere
Perfin la testa;
Cosa mirabile
Ma indubitabile:

Viva la Chiocciola
Bestia invidiabile.

Gufi dottissimi
Che predicate
E al vostro simile
Nulla insegnate;
E voi, girovaghi,
Ghiotti, scapati,
Padroni idrofobi,
Servi arrembati,
Prego a cantare
L’intercalare:

Viva la Chiocciola
Bestia esemplare.

lA CHIOCCIOLA è UN PRETESTO PER PUNGERE CERTI VIZIETTI DI TRAVERSO, DICE IL GIUSTI, COME LA BORIA OPPOSTA ALLA MODESTIA, L'ETERNA INSODDISFAZIONE IN CONTRASTO CON L'UMILE ADATTAMENTO DEI SEMPRE CONTENTI,LA VIOLENZA CONTRO LA MANSUETUDINE.

Il tono della poesia è lieve e giocoso ma le deduzioni che si vogliono fare, a chi voglia intenderle, sono evidenti ed insegnano a molti uomini quelle virtu di cui essi difettano e che la chiocciola in sè riassume.Giusti si valse di un'arte per ammaestrare e correggere l'uomo, civilmente e politicamente.

Metro : sei strofe di dieci quinari con diversi sdruccioli

ARGOMENTO :

Viva la chiocciola, animale modesto che tuttavia ha forse il merito di aver ispirato all'astronomo l'idea del cannocchiale, all'architetto quella delle scale a chiocciola; paga di quanto natura le ha dato, simile al filosofo Diogene che aveva scelto a sua dimora una botte, se ne sta tranquilla nel proprio guscio, senza ambizioni e senza correre pericoli.Non ha brama di cibi prelibati, lieta -poi che è sana- dei frugali cibi che il luogo natale le offre.Contrariamente a prepotenti che travestono un cuore di coniglio con un cuore di leone per intimidire i deboli, essa -bestia com'è -  è in grado di insegnare agli uomini la virtù della prudenza e della rassegnata sopportazione.La natura l'ha privilegiata; le fa persino rinascere la testa quando le sia stroncata. Esorto dunque voi,dotti pieni di boria e scarsi di cervello, e voi ancora, scontenti di tutto, o avidi fuor di misura e senza cervello, e voi, prepotenti padroni e servi proni al signore, ad esaltare la virtù dell'umile chiocciola, bestia che può dare buoni esempi agli uomini.



Classifica di siti - Iscrivete il vostro!