Cynegi Network
PSICOLOGIA : LE DIFFICOLTA' NELLA COPPIA
LE DIFFICOLTA' NELLA COPPIA

HOME PAGE    PSICOLOGIA    POESIE CATARTICHE

Migliora il sito POESIA E NARRATIVA con una DONAZIONE:
il sito la utilizzerà per avere più pagine di letteratura e commenti.

 

LE DIFFICOLTA’ NELLA COPPIA                          dal Web

 

Sono tante le difficoltà delle coppie , non solo durante il primo approccio ma soprattutto dopo il matrimonio.

“Non sa assolutamente  baciare” e “quando si tratta di arrivare al dunque è goffo”, “si muove come un orso affamato che non sa dove mettere il muso”. Queste solo alcune delle lamentele delle “lei” per le quali i ragazzi sono ormai quasi incapaci di corteggiare, assolutamente impacciati e poco “maschili.


Per le ragazze lo scoglio maggiore è la fase del corteggiamento dove i ragazzi vengono giudicati “immaturi”, “frettolosi” e “poco originali”. Ma una volta superate le difficoltà del corteggiamento, le cose non sembrano andare meglio: la metà delle ragazze boccia  i ragazzi  soprattutto per quanto riguarda  i preliminari.
Insomma sono sempre più numerose le ragazze che hanno difficoltà ad “accendersi” di passione per un ragazzo. Ma come si sentono di fronte al corteggiamento di un ragazzo? Il più delle volte sono del tutto indifferenti o addirittura infastidite dagli approcci, anche se il 21 per cento ammette di sentirsi lusingata, a prescindere se il ragazzo è di loro interesse o meno. E per i “lui” quali sono le fasi più difficili da affrontare nel conquistare una ragazza? Anche per i maschi la fase del corteggiamento, e soprattutto quella del primo approccio, è la più difficile perchè le ragazze non sanno mai cosa vogliono veramente, danno dei messaggi assolutamente contraddittori, salvo poi lamentarsi che i ragazzi non capiscono niente e si rendono inavvicinabili .


Quali sono allora i gesti, gli errori e gli atteggiamenti che proprio riescono a far crollare ogni desiderio nelle “lei” e nei “lui”?

 Saper baciare è da sempre una icona, parte fondamentale di ogni fase del rapporto e per le ragazze intervistate è sicuramente uno dei più importanti interruttori della sensualità, ma allo stesso tempo è uno dei punti più dolenti: per il 61 per cento la maggior parte dei ragazzi, in fatto di baci, è veramente una frana. Frettolosi, troppo irruenti o, al contrario, del tutto passivi, non si contano gli errori che i maschietti riescono a condensare in un gesto semplice come un bacio. Ma l’incapacità di baciare come si deve non è certo l’unico “smorza-ormone”: per il 55 per cento delle ragazze intervistate i ragazzi trascurano del tutto i preliminari. Ma anche certi atteggiamenti delle ragazze sembrano avere l’effetto di una vera e propria secchiata d’acqua fredda per i maschi. Secondo il 58 per cento sono ormai incapaci di sedurre, a partire dal modo che hanno di muoversi e di vestirsi. Troppo sicure di sé e addirittura aggressive nel modo di porsi e di raffrontarsi.


Il risultato ? Una profonda crisi della coppia, che rischia di scoppiare ben prima del raggiungimento del fatidico settimo anno.
Tutte le coppie, passate indenni dalla crisi del settimo anno, iniziano a pensare di avercela fatta una volta per tutte. E invece no! A quanto pare, le coppie scoppiano non dopo 7 anni, ma dopo 10 anni e 11 mesi.

A sostenerlo è una ricerca effettuata su oltre tremila persone sposate. Sono proprio loro a confessare che dopo quasi 11 anni passati accanto a una persona non solo l’innamoramento è un ricordo, ma al suo posto inizia a subentrare la noia. Come mai? Per molti motivi. Soprattutto per quello che accade (o non accade...) sotto le lenzuola.

Un quarto degli intervistati dice che il matrimonio ha perso fascino perché s’è persa la voglia di uscire insieme, o compiere gesti romantici. Il 20% va più sul concreto: e sostiene che la vita sessuale ha raggiunto ormai il punto in cui non ci si eccita più al pensiero di fare l’amore con il partner.

E voi a che punto del vostro matrimonio siete arrivati? Superato il terzo/settimo/undicesimo anno di matromonio indenni?

 

 Una motivazione

La vita di una coppia può scoppiare perché nessun essere umano è perfetto! Ognuno di noi ha pregi e difetti, qualità positive e negative. Ma quando ci si innamora si vedono soltanto i pregi, soltanto le qualità migliori del proprio partner!  

L’innamorato(a) vede le qualità migliori perché non conoscendo la persona oggetto del suo innamoramento, proietta su di lei tutte le cose belle che vorrebbe trovare in lei. Inoltre, proprio perché non conosce le qualità negative dell’altra (o dell’altro), quelle positive appaiono superlative! Ed ecco la grande passione dei primi tempi fatta di venerazione e rispetto autentico per il partner! E questa condizione paradisiaca e nostalgica, identica sia per l’uomo che per la donna, purtroppo non viene mai appagata fino alla fine, prima o poi si spezza.  

Ed è proprio la sua fine prematura che rende così bello e irrinunciabile l’amore facendoci innamorare più volte nel corso della vita! Purtroppo, la frequentazione mette in luce ciò che all’inizio l’innamorata(o) non riusciva a vedere: la persona reale! E fanno la comparsa i difetti del partner, sia fisici che comportamentali. E cominciano i battibecchi e le parole di troppo!  

Le qualità negative  del proprio partner e della propria partner compaiono sempre in un secondo momento, si scoprono soltanto vivendo insieme. Ecco perché l’amica, la conoscente, la collega, una donna vista soltanto di sfuggita sembrano all’uomo sempre molto attraenti: si vedono soltanto le qualità fisiche apparenti, l’eleganza e l’avvenenza! Ed invece della propria fidanzata o del proprio fidanzato, e soprattutto di nostra moglie o di nostro marito conosciamo ormai tutte le piccolezze!  

 

 

 


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!