Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

GRANDI OPERE AUTORI ITALIANI



Migliora il sito POESIA E NARRATIVA con una DONAZIONE

 

L'Orlando furioso :PARAFRASI
 

1Delle donne, dei cavalieri, delle battaglie, degli amori,
degli atti di cortesia, delle audaci imprese io canto,
che ci furono nel tempo in cui gli Arabi
attraversarono il mare d'Africa, e arrecarono

tanto danno in Francia, seguendo le ire e i furori giovanili
del loro re Agramante, il quale si vantò
di poter vendicare la morte di Traiano
contro il re Carlo, imperatore romano.

 

2
Nello stesso tempo, racconterò di Orlando
cose che non sono state mai dette né in prosa né in rima:
che per amore, divenne completamente folle,
lui che prima era considerato uomo così saggio;
dirò queste cose se da parte di colei che mi ha quasi reso tale
e che a poco a poco consuma il mio piccolo ingegno,
me ne sarà concesso a sufficienza (di ingegno)
che mi basti a finire l'opera che ho promesso.

 

3
Vi piaccia, generosa e nobile prole del [duca] Ercole I,
che siete ornamento e splendore del nostro tempo,
Ippolito, di gradire questo poema che vuole
e darvi solo può il vostro umile servitore.
Il mio debito nei vostri confronti, lo posso solo
pagare in parte con le mie parole ed opere scritte;
non mi si potrà accusare di darvi poco,
perché io vi dono tutto quanto posso donarvi, non ho altro.

 

4
Voi mi sentirete ricordare fra i più valorosi eroi,
che mi appresto a citare lodandoli,
di quel Ruggiero che fu il vostro
e dei vostri nobili avi il capostipite.
Il suo grande valore e le sue imprese

vi farò udire se mi presterete ascolto;
e ile vostre profonde preoccupazioni cedano un poco,
in modo che tra loro i miei versi possano trovare spazio.

 

5

Orlando, che per tanto tempo era stato innamorato

della bella Angelica e per lei

in India, in Oriente, aveva lasciato

trofei immortali ed in numero infinito,

era tornato infine con la donna amata in Occidente

dove, sotto gli alti monti Pirenei,

con i Francesi ed i Tedeschi,

il re Carlo si era insediato in campo aperto

 

6

perché il re Marsilio ed il re Agramante

si pentissero ancora una volte delle loro folli azioni;

Agramante per avere condotto dall'Africa tante

persone quanto erano in grado di portare spada e lancia,

Marsilio per avere condotto la Spagna

nella distruzione del bel regno di Francia.

E così Orlando arrivò sul posto al momento giusto,

ma subito si pentì di esservi giunto.

 

7

Gli anche fu tolta la donna che amava:

ecco come il giudizio umano spesso sbaglia!

La donna che dalle coste Orientali a quelle Occidentali

aveva difeso con una tanto lunga guerra,

ora gli viene tolta tra tanti suoi amici,

senza che sia adoperata spada alcuna, sulla sua terra.

Il saggio imperatore, con la volontà di estinguere

un grave incendio (pericolosa contesa d'amore), fu a togliergliela.

 

8

Pochi giorni prima era infatti iniziato un conflitto

tra il conte Orlando e suo cugino Rinaldo,

poiché entrambi, per la rara bellezza di Angelica,

avevano l'animo infiammato dal desiderio amoroso.

Carlo non vedeva di buon occhio tale lite,

che poteva mettere in dubbio il loro aiuto,

questa fanciulla (Angelica), che ne era la causa,

prese e consegno nelle mani del duca Namo di Baviera;

 

9

promettendola in premio a chi dei due,

nell'imminente conflitto, in quella battaglia campale,

avesse ucciso il maggior numero di infedeli,

e con la sua mano avesse quindi reso maggior servizio.

Gli eventi fecero però venire meno le promesse;

perché i cristiani dovettero ritirarsi,

insieme a molti altri, il duca Namo fu fatto prigioniero

e la sua tenda rimase vuota (Angelica rimase incustodita).

 

10

Rimasta sola nella tenda, la donzella,

che avrebbe dovuto essere la ricompensa del vincitore,

visto l'andamento degli eventi, salì in sella ad un cavallo

e ad momento opportuno scappò,

avuto presagio che, quel giorno, avversa

alla fede cristiana sarebbe stata la fortuna.

Entrò in un bosco e per lo stretto sentiero

incontrò un cavaliere che avanzava a piedi.

 

11

Con addosso la corazza, in testa l'elmo,

al fianco la spada ed al braccio lo scudo,

correva per la foresta più rapidamente

di un contadino poco vestito in una gara di corsa.

Una timida pastorella mai così rapidamente

sottrasse il piede dal morso di un serpente letale,

quanto rapidamente Angelica tirò le redini per cambiare direzione

non appena si accorse del guerriero che sopraggiungeva a piedi.

 

12

Era questo guerriero (Rinaldo) quel paladino,

figlio di Amone, signore di Montauban,

al quale poco prima il proprio destriero

per uno strano caso era fuggito di mano.

Non appena posò lo sguardo sulla donna,

riconobbe, nonostante fosse lontana,

l'angelica figura ed il bel volto

che lo avevano fatto prigioniero delle reti dell'amore.

 

13

La donna volta indietro il cavallo

e per il bosco lo lancia in corsa a briglia sciolta;

più per la rada (sgombra) che per la fitta boscaglia

non va cercando la via migliore e più sicura,

perché pallida, tremante, e fuori di sé,

lascia che sia il cavallo a frasi strada da solo.

L'animale da ogni parte, nell'inospitale foresta,

tanto vagò che infine giunse alla riva di un fiume.

 

14

In riva al fiume trovò Ferraù

tutto impolverato e sudato.

Poco prima lo aveva tolto dalla battaglia

una grande desiderio di bere di riposarsi;

e poi, contro la sua volontà, lì si dovette fermare ,

perché, nella fretta di bere,

lasciò cadere nel fiume il proprio elmo

ed ancora non era riuscito a ritrovarlo.

 

15

Sopraggiunse, gridando quanto più poteva

la donzella spaventata.

Udita la voce, il Saracino salta sulla riva

la guarda attentamente in viso

e subito riconosce che chi sta arrivando arriva al fiume,

nonostante fosse pallida e turbata dalla paura

e fossero passati più giorni dall'ultima volta che ne ebbe notizia,

era senza dubbio la bella Angelica.

 

16

Essendo di indole gentile e forse avendo

anche l'animo infiammato non meno dei due cugini,

porse a lei tutto l'aiuto che era in grado di dare,

come se avesse riavuto l'elmo, temerario e spavaldo:

sguainò la spada e corse minaccioso

verso Rinaldo, che in realtà non era per niente intimorito da lui.

Più volte si era già non solo visti

ma anche scontrati con le armi.

 

17

Cominciò lì una battaglia crudele,

a piedi, come si trovavano entrambi, con le spade sguainate,

Non solo le piastre della corazza e la maglia di ferro

ma neanche gli scudi reggevano ai loro colpi.

Ora, mentre l'uno si occupa affannosamente dell'altro,

il destriero di Angelica è costretto ad affrettare il passo,

perché con quanta forza riesce a spronarlo,

la donna lo spinge a correre per il bosco e l'aperta campagna.

 

18

Dopo che si furono affaticati invano

i due cavalieri nel tentativo ognuno di fare soccombere l'altro,

in quanto, con la spada in mano, non

meno istruito, capace, era l'uno dell'altro;

fu per primo il signore di Montauban

a rivolgersi al cavaliere spagnolo,

così come colui ha in petto, nel cuore, tanto fuoco

che lo fa ardere tutto senza trovare pace.

 

19

Disse al pagano: "Avrai creduto me solo

di ferire quando invece ferisci anche te stesso,

se questo accade perché la sfavillante bellezza

di Angelica ha acceso d'amore anche il tuo petto,

che cosa guadagni facendomi perdere tempo qui?

Che anche se tu mi catturi o mi uccidi

non riuscirai a fare tua la bella donna,

da momento che, mentre noi ci attardiamo, lei scappa via.

 

20

Quanto sarebbe meglio, poiché ancora la ami,

che tu le vada invece ad incrociarne la strada

a trattenerla e farla fermare,

prima che ancora più lontano scappi!

Appena ne avremo il possesso, allora

a chi dei due avrà appartenere verrà poi deciso con la spada:

non so altrimenti, dopo una lungo e faticoso combattimento,

cosa riusciamo ad ottenere se non un danno."

 

21

Al pagano (Ferraù) la proposta piacque:

così il duello fu rimandato

e la tregua proposta fu subito fra loro attuata;

tanto l'odio e l'ira vengono dimenticati,

che il pagano nel partire dalle fresche acque del fiume

non lasciò a piedi il buon figlio di Amone:

lo preghiere lo invita ed alla fine lo fa montare a cavallo

ed all'inseguimento di Angelica galoppa.

 

22

Oh bontà dei cavalieri antichi!

Erano rivali, parlavano una diversa lingua,

si sentivano dei duri colpi crudeli

ancora dolere tutto il corpo;

eppure per boschi oscuri e sentieri tortuosi

vanno insieme senza temersi tra loro.

Da quattro speroni punto, il destriero arriva

ad un bivio.

 

23

E come quelli che non sapevano se l'una

l'altra via avesse imboccato la donzella

(poiché senza alcuna differenza,

su entrambi i sentieri l'impronta appariva fresca, recente)

misero la propria sorte nelle mani della fortuna.

Rinaldo per questo sentiero, il saracino per quello.

Per il bosco Ferraù molto s'aggirò

ad alla fine si ritrovò al punto di partenza.

 

24

Viene a ritrovarsi infine ancora sulla riva del fiume,

là dove l'elmo gli cascò dalla testa tra le onde.

Poiché non ha più speranze di ritrovare la donna,

per riavere l'elmo che il fiume gli nasconde,

dalla parte dove gli era caduto

scende fino alle estreme umide sponde:

ma l'elmo era così ben nascosto nella sabbia

che dovrà operare molto prima di poterlo riavere.

 

25

Con un lungo ramo d'albero ripulito da rami e foglie,

con il quale si era costruito una lunga pertica,

sonda il fiume e cerca fino sul fondo,

battendo e pungendo con la punto in tutti i punti del fiume.

Mentre con un enorme risentimento, stizza,

prolunga oltre la sua permanenza in quel luogo,

vede in mezzo il fiume un cavaliere

uscire dall'acqua fino al petto, di aspetto fiero.

 

26

Era, ad eccezione della testa, completamente armato,

ed aveva una elmo nella mano destra:

aveva in particolare lo stesso elmo che aveva cercato

Ferraù invano per così tanto tempo.

Il cavaliere si rivolse a Ferraù in tono adirato,

disse: "Ah traditore che non mantiene la parola data!

Perché ti dispiace anche di abbandonare l'elmo,

che invece mi avresti dovuto rendere già da tanto tempo?

 

27

Ricordati, pagano, di quanto hai ucciso

il fratello di Angelico, sono io quello (Argalia),

insieme alle altre armi tu mi promettesti

di gettare entro pochi giorni anche il mio elmo.

Ora, se la fortuna (quello che non hai voluto

fare tu) ha poi voluto che si realizzasse il mio volere,

non ti devi dispiacere; e se anzi ti devi dispiacere,

devi solo dispiacerti di non avere mantenuto la parola data.

 

28

Ma se desideri ancora un buon elmo,

trovane un altro e portalo con te con più onore;

uno di buona fattura lo porta il paladino Orlando,

un altro Rinaldo, forse anche migliore di quello d'Orlando:

prima uno apparteneva ad Almonte e l'altro a Mambrino:

conquistane uno dei due con il tuo valore,

questo invece, che avevi già promesso di lasciarmi,

farai bene a lasciarmelo effettivamente."

 

29

Non appena, all'improvviso, appare

dall'acqua il fantasma, si rizzo ogni pelo

del Saracino ed il viso gli si fece scolorito;

la voce gli si strozzò in gola.

Udendo poi da Argalia, che ucciso

lui aveva (perché Argalia si chiamava),

rimproverare a sé stesso di non aver mantenuto la parola data,

di scocciatura e di ira si accese tutto, dentro e fuori.

 

30

Non avendo tempo per cercare una altra scusa,

sapendo benissimo che Argalia diceva il vero,

Ferraù rimase a bozza chiusa, senza controbattere;

ma il suo cuore fu talmente trafitto dalla vergogna,

che giurò sulla vita di sua madre (Lanfusa)

non volere indossare più nessun altro elmo

se non quello di buona fattura che nell'Aspromonte

Orlando levò dal capo di Almonte (dopo averlo ucciso).

 

31

E mantenne questo giuramento meglio

di quanto non aveva fatto con quell'altro prima.

Ripartì dal fiume con tanto malcontento

che per molti successivi giorni si tormentò e consumò.

Ha voglia solo di cercare il Paladino (Orlando)

in ogni luogo dove ritiene possa trovarlo.

Avventura diversa accadde al valoroso Rinaldo

che si incamminò su sentieri diversi da quelli percorsi da costui.

 

32

Rinaldo non fa molta strada che vede

comparire davanti a sé il proprio focoso destriero:

"Fermati, Boiardo mio, dai, arresta il galoppo!

Perché stare senza di te è per me troppo pericoloso."

Non per questo il cavallo, sordo ai richiami, torna da lui,

anzi si allontana veloce sempre di più.

Rinaldo lo segue, tormentandosi d'ira:

ma seguiamo ora Angelica in fuga.

 

33

Fugge tra spaventosi ed oscuri boschi,

per luoghi inabitati, selvaggi e solitari.

Il rumore provocato dal movimento dei rami e dalla vegetazione

di querce, olmi e faggi, che Angelica sentiva,

causa le improvvise paure, le avevano

fatto intraprendere insoliti sentieri da ogni parte;

perché ogni ombra che vedeva sui monti o nelle valli,

le facevano temere di avere ancora alle spalle Rinaldo.

 

34

Come un cucciolo di daino o capriolo,

che tra i rami del boschetto nel quale è nato

abbia visto la gola della madre dal morso

del leopardo stretta, o che le squarcia il petto od il fianco,

scappa dall'animale crudele di bosco in bosco

e trema per la paura e per il sospetto della sua presenza:

per ogni cespuglio che tocca al proprio passaggio

crede di essere già già in bocca alla belva crudele.

 

35

Quel giorno, la stessa notte e per metà del giorno seguente

vagò senza sapere dove stesse andando.

Venne a trovarsi infine in un boschetto leggiadro,

mosso delicatamente da un vento fresco.

Due ruscelli trasparenti, riempiendo l'aria del loro gorgoglio,

consentono la presenza sempre dell'erba e la sua crescita;

e rendevano piacevole da ascoltare il concerto,

interrotto solo tra piccoli sassi, del loro scorrere lento.

 

36

Qui, credendo di essere al sicuro

e lontana mille miglia da Rinaldo,

per lo stancante tragitto ed il caldo estivo

decide di riposare per un po' tempo:

scende da cavallo tra i fiori e lascia andare a nutrirsi,

senza briglia, libero, il proprio destriero;

l'animale vaga quindi nei dintorni dei ruscelli,

che avevano piene le rive di fresca erba.

 

37

Non lontano da sé Angelica scorge un bel cespuglio,

fiorito di susine e di rose rosse,

che si specchia nelle onde limpide dei ruscelli

ed è riparato dal sole dalle alte querce ombrose;

vuoto nel mezzo, così da concedere

fresco giaciglio tra le ombre più nascoste:

le sue foglie ed i suoi rami sono talmente intrecciati che non

passa il sole, e nemmeno la vista dell'uomo, meno penetrante.

 

38

L'erbetta morbida crea un letto all'interno del cespuglio,

invitando a stendersi sopra chi vi giunge.

La bella donna si mette in mezzo al cespuglio,

lì si corica e quindi si addormenta.

Ma non rimane lì addormentata molto tempo,

che le sembra di sentire avvicinarsi un rumore di calpestio:

si solleva piano piano e presso la riva di un ruscello

vede essere giunto un cavaliere armato.

 

39

Angelica non riesce a capire se gli è amico o nemico:

il timore e la speranza le scuotono il suo cuore dubbioso;

attende che quella avventura giunga ad un termine

senza emettere neanche un solo sospiro.

Il cavaliere si siede in riva al ruscello

reggendosi la testa con un braccio;

e viene tanto rapito dai propri pensieri, al punto che,

immobile, sembra essersi mutato in insensibile pietra.

 

40

Assorto dai propri pensieri, con il capo basso, per più di un'ora

stette, cardinale Ippolito, il cavaliere abbattuto;

dopo di ché cominciò con un lamento afflitto e dolente

a lamentarsi in modo tanto struggente,

che avrebbe infranto un sasso per pietà,

una crudele tigre fatta misericordiosa.

Piangeva tra i sospiri, tanto che un ruscello

sembrava scorrergli sulle guance ed il petto un vulcano infuocato.

 

41

Diceva: "Pensiero che mi ghiaccia ed arde il cuore,

e causa il dolore che sempre lo consuma,

che ci posso fare se sono giunto tardi

ed altri, arrivati prima, avevano già colto il frutto (Angelica)?

Ho ricevuto a stento suoi sguardi e parole,

altri hanno invece ricevuto tutto il ricco bottino.

Se a me non spettano né il frutto né il fiore,

perché per lei voglio ancora tormentare il mio cuore?

 

42

La vergine è simile ad una rosa,

che in un bel giardino, sul rovo che l'ha generata,

si riposa finché è sola ed al sicuro,

e né gregge né pastore le si avvicinano;

la brezza delicata e la rugiada del mattino,

l'acqua e la terra si inchinano davanti al suo fascino:

giovani amanti e donne innamorate

amano ornarsi il collo e la testa lei, la rosa.

 

43

Ma non appena dallo stelo materno

e dal ceppo verde del cespuglio viene staccata,

quanto aveva per gli uomini e per il cielo

fascino, grazia e bellezza, tutto perde.

La vergine che il proprio fiore, del quale deve avere cura più

che dei propri begli occhi e della propria vita,

lascia cogliere ad altra persona, perde l'ammirazione che poco 

prima aveva nel cuore di tutti i propri amanti.

 

44

Diviene di scarso valore agli occhi degli altri, ed amata solo

da colui al quale fece così grande dono di sé.

Ah, fortuna crudele, fortuna ingiusta!

Gli altri godono mentre io muoio di stenti.

Non potrebbe allora essermi lei meno cara?

Non potrei forse abbandonare la mia propria vita?

Ah, che io muoia oggi stesso piuttosto

che vivere più a lungo, se non dovessi amare lei!"

 

45

Se qualcuno mi domandasse chi sia questo cavaliere,

che versa così tanta lacrime sopra il torrente,

io risponderò che lui è il re di Circassia,

Sacripante, tormentato dall'amore;

dirò ancora che della sua pena, grave da sopportare,

la prima e sola causa è l'amare una donna,

ed è proprio uno degli amanti di Angelica:

è subito fu infatti da lei riconosciuto.

 

46

In Occidente, dove il sole tramonta, per amore di lei

era giunto dal confine estremo dell'Oriente;

appena, in India, venne  a conoscenza, con suo grande dolore,

che lei aveva seguito Orlando in occidente:

poi seppe, giunto in Francia, che l'imperatore

l'aveva allontanata dalle altre persone,

con l'intento di darla a chi dei due, contro gli arabi,

avesse meglio aiutato la Francia.

 

47

Era stato sul campo di combattimento ed aveva intravisto

la crudele confitta che di lì a poco avrebbe subito re Carlo:

cercò tracce della bella Angelica,

ma non era ancora riuscito a trovarne.

Questa è dunque la triste e dolorosa vicenda

che lo fa penare per il male d'amore,

lo fa affliggere, lamentare, e dire parole

che potrebbe fare fermare il sole per pietà nei suoi confronti.

 

48

Mentre Sacripante in tale modo si affligge e soffre,

rende i suoi occhi una tiepida fonte di lacrime,

e pronuncia queste e molte altre parole,

che non mi sembra necessario siano raccontate;

la sua buona sorte vuole

che dalle orecchie di Angelica siano conosciute:

e così accadde in un'ora, in un solo momento,

quello che il mille anni, od anche mai, può succedere.

 

49

Con molta attenzione Angelica,

presa ascolto al pianto, alle parole, ai gesti

di colui che di amarla si affaccenda molto;

e non è una scoperta di questo giorno:

ma, dura e fredda più di una colonna,

non si degna di avere pietà di lui,

come colei che snobba tutto il mondo

e pensa non esista persona alcuna degna di lei.

 

50

Solo il fatto di trovarsi sola tra quei boschi

le fa pensare di prendere il cavaliere come guida;

perché chi sta nell'acqua fino alla gola, annegando,

sarebbe molto ostinato se non chiedesse aiuto.

Se questa occasione ora le sfugge,

non potrà poi mai più trovare una scorta più fidata;

poiché già in precedenza aveva sperimentato a lungo

quel re, fedele più di qualunque altro suo amante.

 

51
Non pensa però di alleviare l'affanno
che distrugge lui che la ama,
e rimediare ad ogni precedente danno
donandogli quel piacere che ogni amatore più desidera:
ma con qualche finzione, con qualche inganno,
trama ed ordisce di mantenerne viva la sua speranza;
tanto che per quel suo fine se ne servirà,
per poi tornare alle sue abitudini, insensibile ed ostinata.

52
Fuori da quel cespuglio oscuro e buio
all'improvviso si mostra nella sua bellezza,
come dalla foresta o fori dall'ombrosa grotta
Diana o Venere si mostrarono;
e dice non appena è visibile: "La pace sia con te;
ai tuoi occhi Dio difenda la nostra reputazione,
e non tolleri, contro ogni giustizia,
che tu abbia di me una così falsa opinione."

53
Mai con tanta felicità e stupore
una madre posò i propri occhi sul figlio,
che aveva pianto e sospirato pensandolo morto,
dopo che aveva sentito ritornare l'esercito senza di lui appresso;
con quanta felicità il saraceno, e con quanto stupore,
la nobile figura ed il leggiadro
comportamento, e le angeliche sembianze,
si vide all'improvviso apparire dinnanzi a sé.

54
Pieno di dolce ed amoroso affetto,
corse dalla sua sua donna amata, dalla sua dea,
la quale lo tenne stretto al collo con le sue braccia,
come in Catai non avrebbe mai forse fatto.
Al regno del padre, al nido ove era nata,
avendo ora Sacripante con sé, come guida, rivolge il pensiero:
subito in lei si riaccende la speranza
di poter presto rivedere la sua ricca reggia.

55
Angelica gli raccontò, nei minimi particolare, ciò che successe
dal giorno che fu mandato da lei
a chiedere soccorso in Oriente
al re Gradasso di Sericana e Nabatea;
e come Orlando la salvò all'ultimo
dalla morte, dal disonore e da situazioni pericolose:
e che così aveva avuto la propria verginità inviolata,
come l'aveva avuta dalla nascita.

56
Forse era vero ciò che diceva, ma non era però credibile
a chi fosse padrone della propria ragione;
ma parve facilmente possibile a Sacripante,
che aveva commesso un ben più grave errore, innamorandosi.
Quel che l'uomo potrebbe vedere, l'amore gli nasconde,
e ciò che non sarebbe visibile viene fatto vedere dall'amore.
Il racconto fu creduto; poiché l'uomo misero è solito
credere troppo facilmente a ciò che ha bisogno di credere.

57
"Se male seppe Orlando, cavaliere di Anglante,
approfittare per sua sciocchezza della situazione favorevole,
pagherà poi le conseguenze; perché da ora in avanti
la fortuna non gli proporrà più una tale buona occasione
(disse tra sé e sé Sacripante):
ma io non intendo imitarlo,
così da lasciare tutto il bene che mi è concesso
per poi avere di che rammaricarmi di me stesso.

58
Coglierò la fresca e mattutina rosa,
che, con il tempo, potrebbe perdere la sua freschezza.
So bene che a una donna non si può far cosa
che sia più dolce e piacevole,
anche se si mostro disdegnosa a riguardo,
ed a volte se ne stia triste e piangente:
non permetterò che un rifiuto o un finto sdegno
non lasci prender forma e realizzare il mio intento."

59
Così pensa Sacripante; e mentre si appresta
al dolce assalto, un rumore forte proveniente
dal vicino bosco gli rimbomba nelle orecchie,
così che contro voglia è costretto ad abbandonare l'impresa:
si rimette l'elmo (avendo la vecchia abitudine
di girare sempre armato),
raggiunge il destriero, gli rimette le briglie,
rimonta in sella ed impugna la lancia.

60
Ed ecco sopraggiungere per il bosco un cavaliere,
le cui sembianze sono di uomo vigoroso e fiero:
candido come la neve è il suo vestiario,
un pennacchio bianco aveva come cimiero.
Re Sacripante, non potendo sopportare
che quel cavaliere, con l'inopportuno suo percorso,
gli abbia interrotto la situazione piacevole nella quale si trovava,
lo guarda con occhi minacciosi e pieni di sdegno.

61
Non appena è a lui più vicino, lo sfida a combattere;
credendo di disarcionarlo, farlo cadere da cavallo, facilmente.
L'altro cavaliere, che di Sacripante non stimo possa valere
meno, e di questo ne dà la prova,
le orgogliose minacce lascia a metà,
sprona subito il cavallo e pone in posizione di attacco la lancia.
Sacripante con furore, presa la rincorsa, va al galoppo,
e si corrono incontro per ferirsi.

62
Non vanno i leoni od i tori in amore
ad affrontarsi, a scontrarsi con così tanta crudeltà,
come i due guerrieri al fiero assalto,
che allo stesso modo trapassano l'uno lo scudo dell'altro.
Lo scontro fece tremare dal basso all'alto
le valli erbose fino alle spoglie vette;
e fu vantaggioso che furono di buona fattura e perfette
le corazze, tanto che salvarono i loro petti da ferite mortali.

63
I due cavalli, uno di fronte all'altro, non deviarono in corsa,
anzi si scontrarono violentemente tra loro come fanno i montoni:
il cavallo di Sacripante morì sul colpo,
pur potendo essere annoverato, da vivo, tra i buoni destrieri:
anche l'altro cadde a terra, ma si rialzò
non appena sentì pungere al suo fianco gli speroni.
Quello del re saracino restò disteso,
tendendo schiacciato con il proprio peso il padrone.

64
Il misterioso campione che rimase dritto a cavallo,
e vide l'altro cavaliere in terra con il cavallo,
ritenendo di avere avuto sufficiente trionfo da quel conflitto,
non ritenne necessario rinnovare il combattimento;
la dove, attraverso la selva, il sentiero è dritto,
si lancia invece al galoppo;
e prima che il pagano riesca a liberarsi dall'impaccio,
si è già allontanato di un miglio o poco meno.

65
Come lo stordito e stupito aratore,
dopo che è passato il fulmine, si alza in piedi
dal posto dove il fragore assordante
l'aveva sbattuto a terra vicino ai buoi uccisi dallo stesso;
guarda privo di rami, e quindi privo di onore,
il pino che da lontano era abituato a scorgere:
allo stesso modo si alzò Sacripante,
con Angelica testimone alla situazione imbarazzante.

66
Sospira e geme, non perché gli dia fastidio
l'essersi rotto o slogato un braccio od un piede,
ma solamente per la vergogna, per la quale, mai in vita sua,
né prima né dopo quel momento, arrossì tanto in viso:
ed in aggiunta, oltre all'essere caduto, fu Angelica
a liberarlo dal grande peso che aveva addosso.
Il saraceno sarebbe restato muto, lo posso capire, se
Angelica non gli avesse ridato la voce ed il dono della parola.

67
Disse lei: "Dai! Signore, non preoccupatevi!
Perché la colpa della caduta non è vostra
ma del cavallo, il quale di riposo e di cibo
aveva più bisogno che di un altro duello.
E l'altro guerriero non esalti troppo il proprio trionfo
perché ha dimostrato di essere stato lui lo sconfitto:
valuto, per quel poco che ne capisco a riguardo, così l'accaduto,
dal momento che per primo ha abbandonare il combattimento.

68
Mentre lei conforta così il saraceno,
ecco che, con il corno ed al fianco la borsa,
sopraggiunge, galoppando sopra un ronzino,
un messaggero che appariva stanco e sconsolato;
dopo essersi avvicinato a Sacripante,
gli chiese se, con un scudo bianco
e con un pennacchio bianco sul l'elmo,
avesse visto passare un cavaliere attraverso la foresta.

69
Sacripante rispose: "Come vedi,
il cavaliere che cerchi mi ha disarcionato ed è appena ripartito;
affinché io possa sapere chi mi ha fatto cadere da cavallo,
fammi conoscere il suo nome, nelle armi l'ho già conosciuto."
Ed il messaggero a lui: "Il tuo desiderio di sapere
verrà soddisfatto senza alcuna esitazione:
devi perciò sapere a disarcionarti
è stato l'alto valore di una nobile donzella.

70
Lei è energica, ma soprattutto bella;
ma il suo famoso nome non ti nasconderò oltre:
è stata Bradamante ha toglierti
più onore di quanto tu ne abbia mai guadagnato al mondo."
Dopo essersi così pronunciato, il messaggero ripartì al galoppo
lasciando molto poco allegro Sacripante,
che non sa più che dire o fare,
con la faccia completamente infiammata dalla vergogna.

71
Dopo aver pensato a lungo, invano,
alla situazione fortunosa che gli era capitata, si trovò infine
steso a terra da una femmina,
e più ci pensa e più ne soffre;
monta sul cavallo di Angelica, silenzioso ed incapace di parlare:
senza proferire parola, con calma,
prede in groppa Angelica, e rimanda quindi i suoi piani
ad una momento più lieto, ad un luogo più tranquillo.

72
Non avevano percorso più di due miglia, che
udirono risuonare il bosco che li circondava
con un tale rumore e strepitio, che sembrava
tremasse tutta la foresta:
poco dopo compare dalla vegetazione un destriero possente,
abbellito con oro e adornato riccamente,
che procede scavalcando con balzi cespugli e torrenti, travolge
e distrugge gli alberi ed ogni altro impedimento al suo passaggio.

73
"Se la presenza di rami intricati e la scarsa luce
(disse la donna) non mi ingannano gli occhi,
è Baiardo quel destriero che in mezzo al bosco,
con tale frastuono, si apre a forza la strada.
Questo destriero è di certo Baiardo, lo riconosco:
deh, quanto bene può fare alla nostra causa!
Perché un solo destriero per due perone sarebbe poco adatto,
ed è lui venuto a soddisfare subito il nostro bisogno!

74
Sacripante smonta e si avvicina al fianco di Baiardo,
pensando di riuscire ad impugnarne il freno.

Il destriero risponde al tentativo con i muscoli posteriori,

girandosi velocemente come un fulmine;

ma non arriva a colpire là dove aveva indirizzato i calci:

povero il cavaliere se avesse colpito in pieno!

Poiché il cavallo aveva una tale forza nel calciare

da riuscire a spezzare anche una montagna di metallo.

 

75

Poi va invece mansueto dalla donzella

con fare umile ed atteggiamento docile,

così come il cane è solito saltellare introno al proprio padrone,

dopo essere da lui stato lontano per due o tre giorni.

Boiardo si ricordava ancora di lei,

che in Albracca lo aveva accudito e governato personalmente,

nel periodo in cui Angelica tanto amava

Rinaldo, che invece si mostrava allora crudele ed insensibile.

 

76

Angelica impugna con la mano sinistra la briglia del cavallo,

accarezzandone con la destra il collo ed il petto;

quel destriero, dotato di ottima intelligenza,

nei confronti di lei si dimostra mansueto come un agnello.

Nel frattempo Sacripante coglie l'attimo favorevole:

monta Boiardo, lo sprona tendendolo a freno nello stesso tempo.

Angelica abbandona quindi la groppa del suo ronzino

ora alleggerito, e si rimette quindi, più comoda, in sella.

 

77

Poi, posando intorno a se lo sguardo, vede

sopraggiungere di corsa un possente guerriero a piedi.

Angelica si accende d'ira e di disappunto;

riconosce infatti in lui Rinaldo.

Più dalla propria vita lui la ama e desidera:

lei lo odia e lo evita più di quanto faccia la gru con un falcone.

Prima accadde che lui odiasse lei più della morte;

lei amò invece lui: ora la propria sorte hanno invertito.

 

78

Ciò è stato causato da due fontane

che rilasciano liquidi che producono effetti contrari,

entrambe si trovano nelle Ardenne, poco distanti tra loro:

l'una riempie il cuore di desiderio d'amore;

chi beve dall'altra viene invece privato dell'amore,

e tramuta in ghiaccio il proprio ardore iniziale.

Rinaldo assaporò un liquido e si tormenta ora d'amore;

Angelica dall'altra ed ora lo odia e fugge da lui.

 

79
Quel liquido mescolato ad un filtro magico,
che trasforma in odio la passione amorosa,
rende la donna che ha visto Rinaldo
subito oscura negli occhi sereni;
e con una voce tremante ed un viso triste
lei supplica e scongiura Sacripante
di non aspettare più vicino quel cavaliere,
ma di fuggire insieme a lei.

 

80
-Valgo dunque- disse il Saraceno (Sacripante) - valgo
dunque così poco ai vostri occhi,
visto che mi credete inutile, e non capace
da potervi difendere da costui?
Le battaglie d'Albracca già avete
dimenticato, e la notte in cui io,
per la vostra salvezza, fui solo e nudo
a proteggervi contro Agricane e tutto il campo?

 

81
Lei non risponde e non sa cosa fare,
perché Rinaldo ormai le è troppo vicino,
e minaccia il Saraceno da lontano
quando vede il cavallo
e quando riconosce il viso angelico
che gli aveva messo in cuore la passione amorosa.
Quello che seguì tra questi due superbi,
voglio che sia riservato per il prossimo canto