lusomma@alice.it

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 

POESIE DI LUCIANO SOMMA

VINCITORE DEL CONCORSO "VOTA LA POESIA" ED.2003
    


SOPRA UN TRENO DEL SUD
 
Ma perchè ti debbo pensare
per soffrire e tornare a quel tempo
che oramai mi sembrava scordato
annebbiato confuso lontano.
 
Ma perchè torna in mente l'addio
dei tuoi occhi riflessi nel mare
nell'estate legata ad un filo
poi spezzato col vento d'autunno.
 
E' un'immagine che mi ossessiona
il tuo viso radioso dell'alba
come un incubo a notte serena
che coincide con l'afa di Agosto.
 
Le lenzuola bagnate di umori
per gli amplessi focosi e appaganti
il tuo corpo flessuoso di slava
le tue labbra più calde del sole.
 
Ma perchè ti debbo pensare
per soffrire e tornare a quel tempo
ch'è fuggito veloce in un lampo
sopra a un treno partito dal sud.
 



SU BIANCA E’ CADUTA LA NEVE
 
Bianca sa che il padrone non torna
Ma lo aspetta ugualmente
L’ospedale è a due passi da lei
Come il cibo
Che non vuol mangiare
Perchè la memoria sua è ferma
Alla mano callosa ma buona
Che le carezza la testa
Ed ora che resta?
A che serve il Natale
(perchè sa, lo ha capito
guardando
un albero pieno di luci
ch’è festa)
se il suo amico più caro non c’è
eppure lo cerca caparbia
nel viso di ogni passante
ma l’odore di chi amava tanto
è ormai troppo lontano
l’aria attorno si è fatta di gelo
le si appannano gli occhi
su Bianca è caduta la neve.





CHE RESTA?
 
Sulo nu sguardo friddo, indifferente,
dato  p''o da', accussì, p'educazione,
airere èvemo tutto, ogge cchiù niente:
comme è busciarda, 'e vvote, na passione.
 
Che lamiento picciuso è stu rusario
senz'albe nove, che malincunia,
na scena muta e pò cala 'o sipario
cummiglianno finanche 'a nustalgia.
 
Addio carezze 'e bbene avvellutato
chiene 'e speranze che devano aiuto!
'O tiempo a tutt''e dduje ci'ha trasfurmato:
che resta 'e chill'ammore? Nu saluto...
 
 

 
TRADUZIONE
 
CHE RESTA?
 
Solo uno sguardo, freddo, indifferente,
dato per darlo, così, per educazione,
ieri eravamo tutto oggi più niente:
come è bugiarda, alle volte, una passione.
 
Che lamento piagnucoloso è questo rosario
senza albe nuove, che malinconia,
una scena muta e poi cala il sipario
coprendo finanche la nostalgia.
 
Addio carezze di bene vellutate
piene di speranze che davano aiuto
il tempo a tutti e due ci ha trasformato
che resta di quell'amore? Un saluto...
 
 




 CORE 'E NU FIGLIO
 
Mammà quanno ' o signore ca ogni tanto
vene a truvarce e porta 'e ccaramelle
le daje nu vaso, si' cuntenta e cante
e te 'ntuliette pe' parè cchiù bella...
 
Vicino 'o lietto, 'ncopp''a culunnetta
'e papà mio nun ce stà cchiù 'o ritratto
ce tenive appicciato nu lumino
mo l'he stutato ma pecchè l'he fatto?
 
T'apparte dint''a stanza cu' chist'ommo
e me manne a pazzià dint''o curtile
me prumiette nu sacco 'e cose belle
e ogni vota me daje mille lire...
 
Perdoname, mammà, ma 'e ccaramelle
ca me porta chill'ommo l'aggio jettate,
perdoname si tutt''e ccose bbelle
ca m'he prumise l'aggio rifiutate.
 
Perdoname si tutt''e mille lire
ca ogni vota, e so' tante, tu m'he date,
nun l'aggio spise ma l'aggi ostracciate
e 'int''o curtile nun pazzèo ma chiagno!




Traduzione
 
CUORE DI UN FIGLIO
 
Mamma quando il signore che ogni tanto
viene a trovarci e porta le caramelle
gli dai un bacio sei contenta e canti
e ti trucchi per sembrare più bella...
 
Vicino al letto sopra al comodino
di papà mio non c'è più il ritratto
ci tenevi acceso un lumino
adesso l'hai spento, ma perchè l'hai fatto? 
 
Ti apparti nella stanza con quest'uomo
e mi mandi a giocare nel cortile
mi prometti un sacco di cose belle
ed ogni volta mi dai mille lire...
 
Perdonami, mamma, ma le caramelle
che mi porta quell'uomo l'ho gettate,
perdonami se tutte le cose belle
che m'hai promesso le ho rifiutate.
 
Perdonami se tutte le mille lire
che ogni volta, e sono tante, tu m'hai date,
non le ho spese ma le ho stracciate
e nel cortile io non scherzo ma piango!






 ‘O BBENE ‘E NU CANE

E’ ‘o meglio amico,’o meglio cunfidente,
me sape fa’ na bbona cumpagnia;
quanno le parlo isso me tene mente
appizza ‘e rrecchie e guarda ‘a faccia mia.

‘Stanotte, all’intrasatto,m’ha parlato,
napulitano cchiu’ ‘e nu vasciajuolo,
e i’ so’ rimasto tanto ‘mpressiunato
che d’’a paura sto’ tremmanno ancora.

M’ha ditto:Neh,padro’,quanto si fesso
a nun capi’ ca ‘o munno e’ malamente,
te lusinghe ‘e sta’ ‘nzieme ‘a ggente onesta
e’ invece songhe ‘a scumma d’’e fetiente.

Ormaje ha perzo ‘e lumme d’’a raggione
e va facenno sulo scemita’;
addo’ sta’ cchiu’ nu pizzeco ‘e passione
nu surzo ‘e sentimento,’e carita’?

Io so’ nu cane ‘e razza!Cane ‘e caccia!
Ma nun levo ‘o saluto a nu bastardo
‘o dongo l’osse meie e nun ‘o scaccio
me putarria magna’ mentr’isso guarda?

‘E vvote tu me vatte e io te perdono
dimme,che ce vulesse a muzzeca’?
Vuje uommene ‘o tenite chistu dono?
V’’a putite scurda’ na ‘nfamita’?

Vall’a truva’ ‘ncopp’a sta terra n’ommo
ca se facesse accidere pe’ nato;
invece io te pruteggo pure ‘o suonno
e zompo ‘ncuollo a chi cu tte’ ha sgarrato.

Padro’,pircio’ perdoname si ‘e vvote
io faccio cose che n’avessa fa’
ma si pure me lazzarie ‘e mazzate,
io acalo ‘a capa e resto sempe cca’.

Ricuordate:Tu staje dint’a stu core,
nu core ca nun sape maje ‘nganna’,
e si m’astrigne io ‘nfaccia a tte assaporo,
cu’ n’alleccata,ogni felicita’.



BENE D'UN CANE

E' il migliore amico,il miglior confidente,
mi sa fare una buona compagnia
quando gli parlo lui mi scruta
raddirizza le orecchie e guarda la mia faccia.

Questa notte improvvisamente mi ha parlato
napoletano piu' d'un popolano
e io sono rimasto tanto impressionato
che dalla paura sto tremando ancora...

Mi ha detto:Padrone ,quanto sei fesso
a non capire che il mondo e' cattivo
ti lusinghi di stare in mezzo a gente onesta
e' invece e' solo la schiuma dei fetenti.

Ormai ha perso il lume della ragione
e va facendo solo scemita'
dove sta piu' un pizzico di passione
un sorso di sentimento,di carita'.

Io sono un cane di razza,cane da caccia!
Ma non levo il saluto ad un bastardo
gli do' le mie ossa e non lo scaccio
potrei mai mangiare senza dargli nulla?

Alle volte tu mi picchi ed io ti perdono
dimmi che ci vorrebbe a morsicarti
voi uomini ce l'avete questo dono?
la potete dimenticare una infamita'?

Vallo a trovare su questa terra un uomo
che si farebbe uccidere per un altro
invece io ti proteggo pure il sonno
e salto addosso a chi con te ha sgarrato.

Padrone percio' perdonami se alle volte
io faccio cose che non dovrei fare
anche se tu mi ripempi di botte
io abbasso la testa e resto sempre qua.

Ricordati tu stai dentro a questo cuore
un cuore che non sa mai ingannare
e se mi stringi io sulla tua faccia sento il sapore
con una leccata ogni felicita'.




A KAROL WOJTYLA

Del tuo cammino
Su questo percorso esistenziale
Non seguirà il silenzio
Papa Karol
Il tuo calvario
(esempio d’intensa fede)
resterà nel ricordo
di quanti
ti hanno amato 
per la tua forza di volontà
per il tuo carisma
e Cristo-Dio-padre
ti ha accolto
nel regno dei santi
là dove ai giusti
non sarà data solo aureola
ma il cibo eterno
dell’umano credere.




VICO NAPULITANO
                         
E' sarracena sta strada 'nfosa;
'na fila 'e vascie , nu vico chiuso ,
so' goccie 'e chianto sti panne spase ,
na stanza pare ca è nu pertuso .


Fenesta vascia , cu' na Maria ,
ca me faceva sunnà l'ammore ,
t'hanno 'nzerrata cu' na buscia
d''o terremoto  ch'è senza core .

Chesta canzone , canzone amara ,
porta 'int''e nnote cchiù 'e nu dolore
quanno se perde na cosa cara
se po' ascì pazzo , ce stà chi more !

Na mano sfila 'int''a sacca onesta
Na vocca strilla 'nfaccia 'e prumesse
È sulo 'arraggia chello ca resta
Quanno nu popolo è cuppo 'allesse .

Aiere 'o vico nun era 
Si l'attuccava te deve 'a mano
Ce steve 'a risa , ce steve 'o chianto ,
era nu vico Napulitano .





E' NATALE

'O palpito 'e mille campane
che sonano p''a mezanotte
'a gioia che da' st'ammuina
anticipa nu quarantotto.

Aunite,c''o sciato 'e ll'affetto,
ce sta' tutta quanta 'a famiglia
e' doce a campa' stu mumento
ch'astregna sti core,atturciglia.

Miraculo 'e n'attimo 'e pace
na sosta pe' l'anzia 'e l'affanno
pe' nuje,ca pasture 'e presebbio,
avimmo campato nat'anno.

Vurria ca stu tiempo nemico
putesse ferma' sti minute,
sti ffacce,sti vvocche,sti mmane.
Na voce ch'allucca:Salute!

Chist'uocchie che guardano 'a cimma
'e n'albero addo' l'abbundanza
sta dint''e ggranate d''e lluce
ch'appicciano 'o ffuoco 'e st'ausanza.

Chist'uocchie ca cercano 'o bbene
tra mille culure 'e biancale
stunate e 'mbriacate p''o vino
mo so' lampe 'e vita,e' Natale!




EFFETTO NAPOLI

Se questa mia città è una meretrice

Che gode al luccichio d’una moneta

Ben vengano i re magi dall’oriente

Per ammirare oppure possedere

Partenope bagnata dal suo mare

Ma per stuprarla no non ci provate

Le sue unghie feline sono aguzze

Taglienti come lame di rasoio

Ha una furbizia resa secolare

Dall’esperienza di città regina .

 

Dalle navi del porto sono scesi

Nei secoli fin troppi marinai

Che nel suo ventre hanno lasciato i frutti

Di tante razze di tanti colori

Però è stupenda quando ama davvero

Ed i suoi figli sparsi per il mondo

Ricambiano il suo bene e ad ogni canto

Cresce col desiderio ed il rimpianto

La pazza voglia di tornare ancora.

 


ORA NEL VENTO

Nell'oceano
Dei tuoi desideri repressi
Navigava il tuo credo di madre
Per istinto felina e protettiva .
"Donna partorirai con gran dolore "
e lo sapevi quando , per vocazione ,
sentivi dentro al tuo ventre
i palpiti e gli spasimi
e tu stringevi i denti
senza un lamento piena d'emozione .
Poi ad uno ad uno , col passar degli anni,
ti lasciarono sola per andare
in una terra dove il pane è duro
a fare i vu' cumprà o gli accattoni
ma tu non lo sapevi .
Nell'ultimo sospiro li chiamasti
Come un appello antico , una preghiera ,
e in quel momento
non tutti li vedesti al capezzale .
ora madre senza confini , senza più desideri
tu certamente ascolti
echi dei vu' cumprà , di quei tuoi figli ,
nel vento , nell'azzurro , nella pace
dei tuoi incomunicabili silenzi.




NEL BREVE SPAZIO

Mare sereno
cielo senza lampi
un'alba nuova
accesa di speranza
libri e cartelle
corse nei cortili
le spalle al muro
prime delusioni
poi un'altra volta
nuovamente l'ansia
d'un nuovo amore
con il primo frutto
strada di rovi
fitta di boscaglia
miti crolalti
giorni d'apatia
poi la ricerca
della grande luce
nell'ostia immensa
simbolo di fede
ma è la burrasca
dietro al crisantemo
unghie di rabbia
graffiano lo specchio
nel breve spazio
che chiamiamo vita .



PAESE DI MONTAGNA

Lassù il paese
dai camini accesi
(l'inverno è lungo)
ovattato
dal fumo e dalla nebbia
nasconde
nelle rocce
il suo passato 
là dove
la voglia dei più anziani
è nelle carte
e i desideri
annegano nel vino
le donne stanche
dei martiri antichi
cercano nuove albe
in uno schermo
la casa resta ancora
una clausura
e nelle vesti
il nero per il lutto .
Cattedrali di sassi
i loro sguardi
mentre al galoppo
giovani puledri
vanno verso altre mete
e le ragazze
riscattano
i destini delle madri .
Febbraio sotto la neve
si profuma
d'un'erba voglio
verde
di speranza.