Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

COLLEZIONE POESIE CATARTICHE 4



NUOVI RESPIRI

Ho sentito di foglie singhiozzi autunnali
in attesa del vento traditore,
rassegnate alcune già volano
nell'ultimo respiro;
anch'io lascio cadere i ricordi
quelli amari come quelle creature:
guardo in faccia il presente
per dirigere i passi nel giusto percorso.




IL NOSTRO MARE

Per approdar con le mie onde
su incantevoli spiagge dorate
vorrei essere come il mar ,
libero di scatenar la mia vitalità .
Siamo noi che per error
costruiamo la nostra prigione ,
altri erigere non potranno
mura contro di noi   :
liberar dobbiamo  l’acqua più pura
della nostra sorgente interiore
e dar moto perpetuo al nostro mar .



EMERGERE

Dagli abissi più scuri
vorrei emergere 
aprendo le porte corrose :
mi aggrappo
a quel perlaceo sogno
che inseguo
ma che posso afferrar 
con le mie mani 
facendo finalmente
 il fuoco  scoppiettar
nel mio camino.
Lo inseguo ...
la corsa in eterno
non può durar
se io mai mi stancherò
di lottar e di credere
nei miei pensier
che ,come uccelli,
da sempre in volo 
troveranno il loro albero .



CREDERE IN NOI

Davanti a noi
l’oscuro burrone della vita
 si apre a volte
come una medusa
e costretti siamo
a trovar in noi
il passo felino .
La vista è oscurata
e a veder bene
nella folta boscaglia
 non si riesce:
s’innalza 
il grido d’aiuto
ma solo chi 
ci vuol bene
può correrci incontro.
Non dobbiamo arrenderci
e farci esplorare
dall’oscuro pugnale :
un danno subito
ci fortifica
se c’è la vittoria
che ci trasmette la forza
per risalir la china
nonostante 
le onde nere e schiumose,
che la vita ci riserva
nel nostro cammino .



VIVERE

Non è difficile apprezzar la vita
se sulle bellezze della natura 
si posa lo sguardo
ammirando la leggerezza dei fiori
e i dolci petali
volti all’azzurro del cielo
che nel mare si riflette
creando un gioco 
di rasserenanti colori 
sotto l’effetto 
del fiammeggiar del sole.
Non è difficile gradir
la nostra esistenza
se una dolce compagna
il cuor ci conquista
appagando 
i nostri sogni d’amor
che possono veder 
la luna nuova.
Non è difficile goder 
dei nostri giorni
se la mano tendiam
all’altro
che le speranze
pone in noi
per trovar 
la quiete del giorno.
E’ difficile star male
se il nostro senno
fa aprir i nostri cuori
come le corolle
allo spuntar del sole .



PENSAR  IN  POSITIVO

Si rode il cuor
chi per un malanno
si prostra e vede
la scure del boia 
cader su di lui .
Reagir si può
pensando in positivo
e l’allarme trasformar
con la forza della mente
in slancio vitale
per cambiar la chiave
della nostra vita.
Personalità passive
reagir non potranno
agli eventi negativi
se a legger i messaggi
l’attenzione mancherà.
Accendere bisogna
quella forza interna
di vivere e di lottare
per la strada invertire
partendo dal segnale
che il nostro corpo
subito risveglierà .





ALBA DI CONCHIGLIE

S'apre il fior nelle mie mani
quel vuoto sfama nel silenzio
...come un gabbiano in volo arriva l'amore
e raccoglie quella foglia gialla che cade
...la stringe al cuore stretta

e io desidero veder i tuoi occhi guardarmi
far vivere la mia pelle sotto le tue labbra
davanti alle ombre di luna

sì...trascinare il tuo bacio all'alba di conchiglie
senza lasciarlo morire
...vivere è colmare proprio quel cielo d'amore





PICCOLE MANI

Quando quell'amor m'hai donato
la mia follia s'è aggrappata al tuo corpo
hai sedotto la mia carne
ma il mondo non era lì sulla tua pelle
...or la melodia riposa tra gli echi
piccole mani ...dita aride
che non possono afferrare il mio cuore
una farfalla bianca...
in cerca del dolce palpitare d'un fiore




LASCIAMI ANDARE

Lasciami andare come una foglia
cadente  colorata di giallo...
non legare il mio cuore
agli occhi che non hanno più colore
lasciami guardare le nuvole deluse
smarrite nell'occhio del vento
lascia che le mie labbra
sappiano sussurrare la parola amore
senza rimanere ferite
senza bloccare il respiro
che esalta  i voli delle farfalle




PICCOLA FOGLIA

Piccola foglia...non la gettate via
non pulite ancora quei viali...
lasciatemi contemplare quei colori
lasciatemi passeggiare tra di loro
là...in quel giallo capisco la vita

e ti guardo tenendoti per mano
mentre la ramazza accarezza le ultime creature
cadenti dal cielo...azzurro come i tuoi occhi

una...dolce...senza timore
si ferma ai piedi dell'amore
protagonista gradita  sta  lì
a guardare le tue guance arrossate

e le  labbra mie si perdono sulle tue

piccola foglia...non la gettate via
anche l'autunno si ama
come si ama la nostra vita