Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

MICHAEL SANTHERS

 

 

 

POESIE DI MICHAEL SANTHERS 8

         

    pag. 1- 2-3-4-5-6-7-8-9-10-11

COMPAGNIA

Non esiste solitudine 
il cuore e i respiri,oscuri 
non ci lasciano mai soli 
sono portatori in spedizioni senza tregua 
nei sentieri impervi dei pensieri 
specie quelli speranzosi nei deserti d’anima 
ove gli occhi confondono oasi e miraggi 

Paura e dolore 
spesso ci vengono a trovare 
magari senz’avvertire 
chiedono ospitalità 
organizzano cupe riflessioni 
e non se ne vogliono più andare 

Gli amici, in identica sorte 
aiutano a girare la ruota del tempo 
impantanata nella noia 
e se un entusiasmo li pervade 
mettono le ali,dal cielo ci salutano 

L’amore, giocattolo in vetrina 
bello nella smania d’averlo 
per passare il giorno dopo a sorpresa 
di novità d’esposizione successiva 

Un nome,un mistero 
che qualcuno chiama Dio 
parla senza voce e non risponde 
e noi testardi a interrogarlo, 
forse in questo tentato dialogo inanimato 
facciamo sincera compagnia a noi stessi 
nell'intima coscienza 
------------------------------------ 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






VIALE D'AUTUNNO

Binari d’alberi 
elettrici antennati 
puntano l’orizzonte 
meta di speranze accumulate 

Ai piedi biglietti a fine gare, 
foglie in cerca d’un archivio 
e qualcuna lo trova 
in un libro,in un quaderno 
magari si fa pagina 
per una frase segreta 
sfuggita ai lacci del cuore 

Passa una macchina 
irriverente sposta l’aria 
disfa il tappeto 
si riprende l’asfalto, 
ingoia il futuro 
col contachilometri 
e lo digerisce nel passato 

Inquietante in autunno 
il viale del declino 
pare freccia del tempo 
scagliata al precario 
e per svegliare il cielo, 
pigro dorme sulla terra 

Sul morbido i piedi 
felpati sembrano 
vogliano in segreto 
fuggire dai pensieri 
roditori di ricordi 

Di tanto in tanto 
qualche frasca scioperante 
trattiene i suoi cimeli 
al vento ladro mercante 
----------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 





SABATO

Rumori e droghe 
nel vuoto lasciato dai pensieri 
e nel fiume dei vomiti 
la carpa cammina a retromarcia 

Claxon marchiano tracciati 
di noie al traguardo 
mentre risate a guardia del riflettere 

Il sabato è per terra 
raccolto prima di seminarlo 
impastato a deliri consenzienti 

Copertoni sono palpebre 
ruotano su pupille 
sgommano su luciferini sguardi 
cercando d’infilzare il tempo 

Vomita lo stereo temporali, 
fulmini le voci 
nelle nebbie d’aliti, 
schianto il futuro 
acciuffato da sirene 

Fiori senza radici 
in luoghi dove nessuno 
sognava trapiantarli, 
sui giornali,fama d’un giorno 
che famosi non vedranno mai 
----------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






ITALIA

Colossale camera
di baldacchino letto
elevato su zerbino mare
ove in sottofondo ragli
il Re copula 

Candelabri e palafrenieri
cervo popolo 

Maitresse
di suina stazza
segnano su lifting
parcelle boomerang
-----------------------------
Da:Destini E Presagi






LA FRASCA

Alla fine del viale 
ove binari di bosso 
in errata geometria 
s'avvicinavano 
e al tuo leggiadro passare 
raschiavano la gonna 
e nell’aria calma una frasca 
corrompeva il vento 
e carezzevole 
superava inquadramenti 
ti lisciava il viso 
pettinava i capelli 
lasciando tra essi una foglia 

Geloso di quel tatto 
percepito fendente al cuore, 
recisi il ramo 
e in concava mano 
raccolsi la sua linfa 
rossa di dolore 
per scrivere sul selciato 
……addio………...... 
-------------------------- 
Da:Destini E Presagi 






IL FALCO

Fosforescenze nella notte 
appese alla paura 
allertano respiri 
a suppliche taglio di rasoio 

Flebile vento 
attrito di foglie secche 
percezioni in centimetri 
tra pulsioni e oblio 

Strappo di nuvole 
lanterna una stella 
rotta e indice 
di baffi e piume 

Balzo fulmineo e 
una coda di troppo 
fune a carrucola 
da tana a bocca 

Urlo strozzato 
applauso d’ali 
trasloco di sangue 
vita e morte s’involano 
---------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 







DESTRA E SINISTRA

Destra e sinistra 
in Molise 
corridoi d’untori 

Destra e sinistra 
spalle da pugnalare 

Destra e sinistra 
scappatoie al delinquere 

Destra e sinistra 
rotatoie al morso di code 

Destra e sinistra 
braccia assi di croci 
a speranze e a calvario 

Destra e sinistra 
cenno d’occhi 
a indirizzare l’occulto 

Destra e sinistra 
libeccio o maestrale 
stessa rotta su scie pagnotte 

Destra e sinistra 
identiche pagine nere 
variate nel verso 
lette allo specchio 

Destra e sinistra 
due linee d'un triangolo 
gigantesca freccia 
segnala ad onesti l'ignoto 
ai malfattori,bottini 
----------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com





GEPPETTO

Tra erba alta e ribelli radiche,un metallo 
a stento rifletteva baci roventi di sole, 
una moto pasto a intemperie 

M’avvicinai all’ormai pietra di ferro 
così distante dal servire ogni forma di vita 
eppure un tempo lontano aveva rombato 
alato sogni e ambizioni 

Con fatica lo riesumai, 
Geppetto decisi di riscrivere Pinocchio 

Gran dispendio e vittoria tra gatti e volpi 
vestiti meccanici prodighi a sotterrarlo monete 
e quando finalmente burattino parlò 
emozionato lo liberai ai balocchi, 
divenne somaro e ravveduto poi bimbo 
tuttora gran monello dentro di me 
gioca a retromarcia con gli anni 
------------------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






COMIGNOLI

Comignoli 
tossiscono,sfumacchiano 
rosari nuvolette 
portano umori d’ossa al cielo 

Trespoli tempra 
a zampe di passerotti 
esercitano piume a scaglie 
coltelli al gelo 
termometri a tremori d'incertezze 

Monumenti a intemperie 
festeggiati da tegole 
ognuna a un pensiero calvo 

Fari di vite a rilento 
porgono all’aria rarefatta 
parole calde,stanche al macero 
in anime imbottite silenzi 

Comignoli,penne intinte 
nel calamaio inverno 
per pagine scritte 
con inchiostro trasparente 
da analfabeti destini 
e letti con significati diversi 
da occhi in baro gioco di percezioni 
a cuori in solitudine 
a seconda del tempo 
piombo o aquilone 
-------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






MIGRAZIONI

Sfideranno tempeste e fucili 
Oltre l’oceano la primavera 
li aspetta con valigie di figli 
alcune vuote riempite destino 

Salutano rami, paesaggi 
nidi,pelli dismesse 
regalate all’autunno 
ne farà bandiere d’addio 
sull’orizzonte accorciato 

Il cielo stazione d’oltre obbligato 
benedice con spugne imbevute 
libertà piumate,sconforto di gatti 

Qualcuno ha un anello alla zampa 
segnale d’un matrimonio blasfemo 
tra volo sperato e tonfo auspicato 

Oh! Creature col dono 
di alzarvi alla terra 
siate in alto postini 
d’un mio sogno al Divino 
a ogni mina ali in dileguo ai bambini 
e una croce ai malvagi, 
a ogni sparo nefasto il piombo 
bersagli malsane intenzioni 
---------------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com





TAROCCHI

Li vedi giocare d’estate 
nei pomeriggi addormentati 
all’ombra d’un muro bacheca 
a locandine di cantanti al tramonto 
e necrologi esorcizzanti 

C’è chi dice cinque 
sputato dalla fessura d'un dente 
e un dito non risponde 
alla mano aperta,vibrante 
allora somma punti ad alta voce 
vince l’ammanco recente 
di qualche giocatore 

Quando passa una ragazza 
danzante a traveggole 
portano le carte al petto 
leggono retroattivi tarocchi 

E’ una partita col tempo 
palio è nostalgia 
consolazione birra 
a far scivolare nell’anima 
un volto sequestrato 
evaso fino alla gola 

Si fa sera tornano a casa 
sperando qualcuno bussi 
da uno schermo a liberarli 
dalla reclusione degli anni 
----------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






COMPLEANNI

Torta e diabete 
alla stazione dei denti, 
vanno e vengono 
applaudono candele 

Registro fiscale 
i volti 
sommano aliquote 
al pignoratore 

Non basta più fiato 
a incappucciare fiamme 
agli anni 

Taglio d’ostia 
benedetta a cottimo, 
fette di capolinea 
ingoiate a ricordi 
--------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






VOLTI

Mappe 
tracciate bene e male 
verso anime sentiero 

Tutti le interpretano 
nessuno le sa leggere 
viste allo specchio in negativo 
e in ritocco ogni mattina 

Mappe 
ognuna per una stella polare 
luce d’un sorriso 

Milioni di pagine 
geografia di destini 
in cerca d’un editore al cielo 
----------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






BRUXELLES

Paraboliche 
trespoli d'uccelli 
habitat occupato, 
dietro siepi 
Italiani imboscati 
e lupare puntate 
su finanziamenti inventati 

Bruxelles 
Ciminiera d'Europa 
a befane latine 
a elargire doni 
a se stesse 

Cielo plumbeo 
ad ali di zoppi 
terso a cani da riporto 

Parlamento 
di parole al silenzio 
occulti bottini 
su geografia metastasi, 

Votati sogni migrano 
al ritorno 
in tasche vuote 
grondaie a mezz'asta 
------------------------ 
Da:Destini E Presagi 
http://www.santhers.com/ 







SERA DI SETTEMBRE

Serata settembrina 
vento emigrato 
aria vitrea 
ove s’infrangono parole residue 
e scivolano sui piedi gommosi 

Cenere il cielo 
carboni di tepore le stelle 
ognuna per un sogno 
da plasmare all’anima 
punzecchiata dal freddo 
di sangue a rilento 
in vene stese al non senso 

Quiete e pace 
bambagia al cuore 
riposa finalmente 
lontano da foto 
d’occhi maggiordomi 
d'avidi pensieri 

Faina la noia 
s’intrufola 
dissangua ozio dolce, 
scrigno di felicità 
furtiva 
mentre quella attesa,indotta 
spesso esaltazione, 
volo in alto 
ad allungare tonfi 
d'illusioni 
-------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






CAVILLI GIURIDICI MORALI

Per una mela posta esca-metafora infiniti anni fa 
che qualcuno ingenuo colse,si scatenò cosmico dolore 
-Io al vanto per una pera 
scambiata con tenera patata 
a causa di malelingue finii dritto in galera 
-Ubriaco sbagliai desinenza ed articolo 
nel voler offrire a una donna affamata del frumento 
e alla parola 'grana' mi tolsero libertà e reputazione 
-Chiesi al prete copia di chiave 
della chiesa casa di tutti da lui pubblicizzata 
e fui spedito al manicomio 
e quando in aula gridai al Giudice 
lingua nefasa in-giustizia,costui capì 
che l’accusavo d’errata applicazione 
della suddetta e adirato rincarò pene 
al fallo mio di vocabolo 
-A primavera vantai d’aver visto grazioso cuculo 
e come al solito,benpensanti equivocarono 
con un fondoschiena femminile 
da me emozionato,pronunciato ..cu…culo 
-Italia paese strano,lenti a cavilli e bende alle travi 
in effige su stendardi 
e bandiere simili ma esiguo distinguo 
aste e corna a sorreggere 
------------------------------------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






FLASH 2010

Operai maledicono padroni 
e questi i sindacati 
protettori di raccomandati 
che se la prendono con onestà 
da sradicare 

Negli ospedali lager 
manager politici 
laureati in agraria 
misurano terra alle ossa 
e angoli d’inclinazione 
a inquadrature d’occhi di bue 

Dispute in TV, sbotta un prete 
ci vogliono cento vestiti di veline 
per cucire uno chador 
e in occidente non c’è distinguo 
tra abiti e mutande 

Tra clan e partiti 
stesso intento in ruberie 
varia solo voto d’elezione 
spontaneo e barattato 

Santi e croci convertiti 
trebbie morali 
gonfiano sacchi di reati 
riserve in tribunali 

Pesci fosforescenti 
divorano uranio 
e dal mare notti bianche 
d’oscuro delinquere 
---------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






CAPRONE

Cara moglie 
siamo come dado e bullone, 
benzina e motore 
terra e zappa 
tela e pennello 
specchio e riflesso 
moneta e portafoglio, 

Ti amo intensamente 
anche se dici sempre 
che sono rozzo caprone 

Ora vorrei farti una domanda 
hai visto mai raffinata canarina 
sposare uno di suddetta razza? 
--------------------------------------- 
Da:Poesie Cialtrone 
www.santhers.com 






CERTI AMORI D'AUTUNNO

L’aria vibra allarme alle ossa
deride foglie tremanti al sorteggio,
giallo è timbro d’addio 

Le nuvole dribblano il sole
divorziato da pelli
con orgasmi bruciati
e lento s’avvia verso orizzonti acerbi
in attesa di nuovi stupori 

Incertezze dondolano il capo
a vecchi assuefatti a calure
collante al salto degli anni
ora soffiati da gracchi di corvi 

Amore, in questa morte
che semina redenzioni
e di sangue e di linfa
noi illusi nell’eterno non senso
a correggerci immobili vite mentali,
lo vedi il muschio
rende spugna la pietra
e il dolore stanco
suona il letargo
----------------------------
Da:Destini E Presagi
www.sanhters.com






NEGATIVO

Molise 
carta carbone 
a copia d’intenzioni 
archiviate 

Terra,negativo d’una foto 
sviluppata ricordo 
nitido su pelle 
da emigranti 

Zona franca all'occulto 
cimitero a speranze 
frontiera d'addii 
altrove surgelati 
----------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






INDIFFERENZA

Gli occhi di colei che amavo 
brillavano solo per me, 
ora casuali m’includono 
nel cerchio di sguardo 
in luce tenua di pace 
e omettono liberi dal cuore 
di segnalarmi alla sua mente 
altrove in un sorriso 
-Nella sua anima 
nemmeno vedo più 
il mio loculo 
---------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 





MARILU'

Tetra notte 
stelle barricate 
dietro nuvole legate 

Lampioni arresi al buio 
e occhi d’un gatto 
saetta al soffio 
d’un presagio 

Segnale d'anima 
carbone di sigaretta 
subito spento da una lacrima 
e cento euro nelle calze a rete 
bottino d’una sgommata 
diedero vita sul giornale 
a un nome da tempo 
bianco all’anagrafe 
--------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






SETTEMBRE

Foglie mosse
da respiri atterriti
mani d’addio 

Nell’aria
pace attesa a sorprese 

Valigie invisibili
d’animali verso dogane di spari 

Rughe bruciate
ora svettano su pallori
pronti a vergogne 

Settembre
stazione del tempo
da resettare ai ricordi 

Nuvole a pecorelle
gregge del volere Divino
sconfineranno
daranno in pegno agnelli
ad altari al carbonio 

Frutti maturi
ostie di sole
alle bocche
a sedare sproloqui
-------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com






EMOZIONI

Parole s'arrendono a spiegare 
ragione all'anima, 
occhi prestigiano pace 
esce dal petto zucchero alato 

Emozioni,pulli a volo primizio 
ignari di predatori 
rocamboli felici nella sorte 

Così certi amori istruiti 
carichi d'allerta 
s'allentano improvviso al fato 
e il cuore in burla a regole, 
felice monello dietro farfalle colorate 
ignaro a dirupo 

Emozione,viandante misterioso 
parte dal luogo di tutti, 
povero di certezze,affascina 
spera di posto in posto 
sensazioni indefinite, 
non basta offerta di trono d'oro 
a trattenerlo 
---------------------------------- 
www.santhers.com 





NEL RIVEDERLA

Sul volto scie d'anni migliori 
poggiati raffinate collane 
e rughe,perle salde all'anemico collo 
desideri d'appiglio di bocche 
scivolate socchiuse 
in risvegli drammatici 

Il tempo circense 
aveva trastullato pensieri 
per addolcire anarchici battiti 
che mi lacerarono il petto 
e al rivederla improvviso 
svegliò l'animale ricordo 

L'affetto trasportato ripiego dagli occhi 
su oggetti che presero vita 
aveva bruciato il nome 
ma imbalsamato all'anima la figura 

Il tempo sconfitto o corrotto 
conservava fiamma al dolore 
bellezza intatta al tormento 
addomesticato malinconia al letargo 

Dio che mai s'era mostrato clemente 
al richiamo di pene d'amore 
mi strappò ultimo appello, 
fare di due vite erranti 
per l'ultima volta una sola 
e nel saldo di mani imploranti 
due dita ribelli,indice e mignolo 
puntarono a terra le tenebre 
mentre al cielo alato,lo sguardo 

Sordo,silenzioso 
ci mise in un cerchio 
ci assegnò due strade diverse 
con unico traguardo in preghiere 
monete per la sua banca 
per lievitare il suo nome 
------------------------------ 
Da:Voci Dall'Inferno 
www.santhers.com






METEORA

Delle rose il vibrar 
ad ali di farfalla 
nell’aria i tremuli petali 
e del glicine lo sputo 
di profumo di riserva 
al passar della fanciulla 
dal ciel piovuta 

Nel cortile il pavone 
a tal visione avvertì 
insidie allo scettro 
e il lustro del piumaggio usò 
a confronto 
e al rimirar di stagno corse, 
colpa in ira si diede 
alla sconfitta 
che ancor più grande apparve 
al danzar sull’acqua 
di piume evase 
tremolìo ai riflessi 

Fosco il cielo terso 
all’azzurro d’occhi incorniciati 
dalla dorata chioma 
parve al mio cuore 
in dileguo al sangue 
e a seguir per sempre l’incanto 
meteora alla vista 
tatuaggio all’anima 
-------------------------- 
Da:Parole Fredde 
www.santhers.com 





LA VEDOVA

Inconsolabile vedova 
sovente si recava al cimitero 
col suo mazzo di fiori freschi 
e poi indietreggiando 
senza mai voltare spalle alla tomba 
s’avviava guardinga all’uscita 

Gran rispetto d’amore eterno 
le disse un giorno il custode 
ma non Le sembra d’esagerare? 
…No rispose la donna 
in vita mi ripeteva all’infinito 
hai un sedere che farebbe 
resuscitare i morti 
------------------------------ 
Da:Poesie Cialtrone 
www.santhers.com 






DONI D'AMORE

Finito i soldi 
non ho fatto più offerte in chiesa, 
e gli addetti alle luminarie di Dio 
hanno staccato la luce 
alla stella che ti regalai amore 
e di notte hai smarrito 
la strada dei miei sogni 

Hai detto con saggezza 
non esagerare con doni cosmici, 
io t'amo veramente 
a me basta il riflesso d'un diamante 
piccolo come ciliegia 
per ritrovare agevole il percorso 
--------------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






ORIENTE

In immobili vite 
plasmate al creato 
cuori si frantumano doni 
a mistici richiami 
di luoghi d'incanto, 
albe orientali 
nella calma serafica 
imbalsamata 
da rituali gesti compunti 
di monaci Buddisti 
che lenti cucinano 
silenzi da offrire 
suggerimento 
di voci interiori 

Intensi colori sgargianti 
armonizzano occhi zuccherati 
nel connubio soave 
tra sfarzi,miserie mai pene 
e millenari sorrisi 
orizzonti d'inconsci 

Donne vestite fierezza 
liberano infinite dolcezze 
nel tempo sfiorato che non esiste 

Oriente 
limbo di pace 
fiato d'armoniche 
e suoni da cogliere 
richiami di passi felpati 
in sale d'attesa 
precarietà felici 
mai misurate 
mai scosse 
da lancette di rughe 
ferme saggezze 
--------------------- 
Da:Soste Precarie 
www.santhers.com 






STRANIERO

Terzo piede,bastone 
sommato a quello zoppo 
fa metà passo 
disertore a intenzioni 

Anca,rima e connubio 
con panca,arranca, 
ormai ballerino di solo nervi 
schema elettrico a ricordi 

Pugno semichiuso 
binocolo su orologio 
granchio dal capolinea 
mosso da tosse e biascichi 
corda al cuore 

Un dito di legno 
suona pavimenti 
e vicoli canne d’organi 
usci valvole incollate 

Qualche saluto 
giro di pagine a spartito, 
nuovo tema stessa musica 

Tutti lo conoscono 
ma gli negano l’infanzia, 
è straniero nel presente 
profugo da memorie, 
Patria oblio 

Scarpe,frizione a terra 
slitta sul domani,già fermo 
----------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santhers.com 






IL CANNOCCHIALE

Anni addietro era solito nei paesi
per le famiglie cercare prestigio
in amicizie o comparato di preti
anche per mediazioni sia in terra
che in cielo

Una giovane coppia di contadini
nell’intento riuscì
e nel sorriso il riconoscimento acquisito
per lo sfogio del prestigioso blasone
compare Reverendo Don La Furfa

Ma per gentil modi e gesti suadenti
la giovane sposa fu ammaliata
dalla tunica nera che ogni giorno
inanellava parole tra diavoli e Santi
e circuiva, coglieva il frutto proibito

La donna caduta nel mistero di fede
un bel giorno sollevò il dubbio
al corvo di Dio del certo peccato
ma questi per dimostrare 
l’errata interpretazione
promise artifici coperti dal palmo celeste
e invisibili agli occhi dell’ignaro marito

Un giorno in una primavera invadente
con profumi che incitavano estasi
la coppia al riposo nell’intervallo di fatiche nei campi
all’ombra di un cedro consumava meritato pranzo
quando d’un tratto sulla collina fiorita
alla distanza di un tiro di schioppo
una nera inquieta figura sospetta
passeggiava, avanzava e come granchio
si ritirava all’indietro 

Dopo mezz’ora
a riconoscimento già da tempo avvenuto
il messaggero del Padre dei Padri giunse alla coppia
con un occhio socchiuso recante un binocolo in mano
riprese fiato e tra lo sbigottimento delle due figure
fece partire raffiche di pesanti invettive
per indegno comportamento e amicizia
di fiducia abusata verso chi del ruolo
deve fare modello
e loro invece come animali
si erano lasciati andare agli impulsi
che la stagione risveglia...l’amore selvaggio

Tutti e due con stremo di forze negarono increduli
fino a quando il contadino strappò il binocolo al prete
e si avviò sulla collina mentre Don La Furfa
approfittando di tale assenza e distanza
con impeto si sciolse con la donna nei sensi

Si ricomposero col tempo dovuto
e quando giunse il marito
con violenza e stupore pestò il malefico arnese
il canocchiale, occhio del diavolo
capace di trasfigure le realtà più limpide
insultando il vegliare di Dio sui casti pensieri

Il mio poema finisce dicendo
fate attenzione ai garzoni di Dio
-------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
 




LIBERTA'

Satolli
senza lavorare
su scie d’agi tramandati
magari con depredi sociali
filosofici sentenziano
la libertà sia
anche col fisico in galera
o torchiato da stenti
solo volo mentale
in ogni momento
in qualsiasi posto
-Libertà per me
prima di tutto
è lunario sicuro non stentato
uscire legalmente
dal tempo di tutti
eludere regole
d’albe e tramonti
bruciare il calendario
pensionare l’orologio
-Anche l’aquila
regina del cielo
in fame subisce
legge di giungla
-Gli stessi sogni
fuori da realtà e ragione
durano poco
senza zuccheri al cervello
----------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com





IO PSICHIATRA

Oh! gran maestro
severo pastore di cuori
disse il mio primo e unico cliente
tu plagi ogni mente contorta
regalami almeno una notte
di pace distoglimi dal sogno
d’abbracciare una donna sfuggente
-Quando tutti dormono
straziato esco dal corpo
e per mille impervi sentieri
vano sudato la inseguo
-Colpito da tanto dolore
ordinai al mio paziente
tre giorni d’assoluto digiuno
e quando ultimata la terapia
un mattino venne a riferire effetti di cura
e stralunato,fiaccato mi disse
che l’inseguimento sognante
s’era pur si ripetuto
ma variando mire d’inizio
trasferite dietro polli arrosti
e fumanti bistecche
e il male era passato
dall’IO alla figura
-Caro amico gli dissi
questa mia ricetta
di chiodo scaccia chiodo
è vecchia quanto il mondo
ma ognuno l’ignora,
inoltre certi pensieri ossessivi
partoriti da anima annoiata
sono coaudiuvati da ozio e satollo
insomma prossima mossa
è sottoporti a duro lavoro di braccia
così potrai mangiare e stanco
...sereno dormire.............
--------------------------------
Da:Destini E Presagi






LA MOGLIE DEL POLITICO

-Cuore cozza morta
sorriso ghigliottina
movenze frasche
in sbuffi di vento
volto faraglione innevato
occhi laghi pudriti in
repulsioni a riflessi
lapidi a forma di vita
-Santa pacchiana
in Paradiso senza sole
imbrillantata d’oro lava
su puzzle di scuoio
-Sciantosa tra fotografi
maga Circe al lebbrosario
dove la pelle persiste
e speranze mangiano anime
digerite voti a banca connubio
-Consensi non fermano anni
rughe implacabili
segnano mimiche di recite
a gioventù trascinata da creme
-Signora,inteso blasone
diventa man mano titolo tramonto
perde liscio schivante di figura
assorbe maledizioni d’illusi
in un lavoro
coda bruciata di meteora
------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com





IL MOTORE

Ruota eccentrico l’albero motore
e con le sue gobbe lucide,
dà andirivieni alle bielle
per corsa fulminea dei pistoni
che inseguono senza mai raggiungere le valvole
-Come prete d’inferi,sotto nella coppa
la pompa dell’olio spruzza
lubrificante benedetto
-Rumore,rabbia,armonia
chiamati cavalli
per qualcuno solo ingegno assoldato
per altri meccanica e poesia di moto
a paesaggi,quadri saette a occhi assetati
estasiati d’inghiottire mondi
-Povero motore sotto al cofano
immerso in lavoro oscuro
riceve elogi di nicchia
inghiottiti da stile-carrozzeria,
per il popolo ciò che conta
è somma funzionale in apparire
-Motore somma di pezzi
unisoni nell’attrito,s’usurano
sotto nomea di marca,sigle,vernice
come operai a fine gravoso compito
annullati da fama politica
--------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com





EPITAFFIO 72

Qui giaccio immobile..ma tu smentisci
Cara devota amatissima moglie,
se vero come dici in ferrea convinzione
anestetizzato da te a fin di bene
sto solo spartanamente dormendo,
però non esser vittima del tuo innato altruismo
non temere d’arrecarmi alcun disturbo
conceda la mia assoldata controfigura
(seppur fedele a ogni mia galanteria
ti regala meravigliosi fiori
che tu puntualmente il giorno dopo mi giri a dono)
che con pesante sacrificio ti porti al letto
per surrogare mia insostituibile presenza,
vieni qui una volta per tutte
a sdraiarti serenamente a fianco
a riposare in quest’oasi di pace
non vedo l’ora d’abbracciarti
...........amen...................
P.S.certo che sei esagerata
per ricostruire fedelmente le atmosfere
della nostra amata camera da letto
hai affisso sul muro in alto al capo
persino fedele riproduzione del vecchio crocifisso
vegliante,a volte con moniti
severi alle nostre birbanterie
---------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com





APRILE

Viottoli fangosi 
al sole,muta di serpente
sospinta a scaglie
da pulsioni d’erba
lungo sentieri di campagna
schifati appena ieri
da piedi ballerini
e ora tappeto d’invito morbido
omaggiato ai bordi da ciclamini
-Appaiono in superficie
ciottolo sepolti,tasti di pianoforte
a ruscelli argentei a percuoterli
ai riflessi di cielo terso
-E’ tutto un via vai di creature
con salti e traiettorie di volo
fanno mappe del continuarsi
e accordano a dar fiato
impulsi d’amore scongelati
dall’istinto
-Redenzione collettiva
segnata da margherite
alcune sbocciate in anticipo
orfane di spoglie
e i vecchi sanno che attendono
di pareggiare il conto
tra morte e rinascita
-------------------------------
Da:Destini E Presagi







MARZO

Con timide gemme
provano ripresa di vita
scheletrite piante

Fiumi stanchi di vomiti
e lacrime di silenzi lunghi
riflettono i primi amori
che allentano il cuore
incatenato a certezze scialbe

Passanti infreddoliti
pensano a un camino
pensionato anzitempo
e si salutano veloci

Nei boschi
faine con spia di sangue
in riserva
aspettano stremo di prede
stordite nel risveglio
adescato dal sole

Cerca qualche porta semichiusa
il pettirosso
per rubare semi nel granaio

Un pò per finta
bambini malati
disertano la scuola
e il catechismo

Giungono urla di paura
nelle pause del vento
per sbando e scontro
di veicoli nella neve
che si scioglie

Si perde il grigiore
dell’anima dei poveri
e sognano a colori

Dio sazio di preghiere
si spoglia e stende i panni
delle offese

Marzo sparo d’avvio anticipato
e vano premio
per chi sordo rintanato
non può partire
------------------------------------
Da: Voci Dall’Inferno
www.santhers.com






COMIZIO 3

Astrologi sul palco
e ignari deficienti a terra
concordano serafici
stolture in atto
da peggiorare
musicandole
con scroscianti applausi
-Corvi e avvoltoi
in gioco presagio
scommettono
sul numero dei claudicanti
che imbalsameranno
suppliche al cielo
-Wanted su manifesti
di Santi in bacheche,
taglia da riscuotere,elettori
cacciatori di se stessi
-------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com 






IL DIAVOLO TRA LE MANI

Passa contagioso tra le mani
i poveri impazziscono
i ricchi diventano spietati
le donne si spogliano
e simulano orgasmi,
gli angeli si scrollano
polvere alle ali pensionate
e sognano piume d’oro
-Si nasconde su carta filigrana
sotto violentate foto d’illustri
che cambiarono la storia,
accende sogni ai bambini
e barbarie agli adulti
-Plagia ingenue fiabe puttane,
credono di cambiare
fumo di copertoni
in incensi inanellati all’altare
-E’ un uragano,allaga coscienze
corre verso il mare d’indifferenze
misura falso il tempo ceduto
mal pagato da lui scaltro mercante
-Pilota figli evasi a infanzie,
scuoiano padri per pelle
al nudo cinismo ereditato
-E’ male infetto
già nel parto
quando lacera placente
vede tenebre e non luce
-Il diavolo è figlio unico
partorito in alcove consacrate
e tutti,padri a reclamarlo
a scannarsi alla prova del DNA
ma lui vivrà sempre adottivo
e sarà eterno orfano
-------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com






MANAGER

Facce cadaveriche 
d’umani progrediti 
postura militare 
movenze raffinate 
per rispetto incontestabile 
agi invidiati 
sempre in ascesa 
mai consolidati 
-Elite faro guida 
famiglie modello, 
figli incanalati 
in modelli da seguire, 
mogli sorridenti al futuro 
affetti granitici 
-Poi si scopre in analisi 
sognano anche loro 
-il marito 
insultare il direttore generale 
all’assemblea soci 
-la moglie 
un Robin Hood 
che entra dal tetto a rapirla 
-Il figlio 
omosessuale 
andare a piedi a Montecarlo 
passando da Casablanca 
col suo migliore amico 
-la figlia 
scappare col venditore vagabondo 
che vende sotto casa 
oggetti che non durano 
-Ventimila euro al mese 
illusione per i poveri a contarli 
e miraggio a sognarli 
per manager invisibile catena dorata 
saldata da etica sociale 
sempre più esigente 
alza la posta d’asta 
dalla quale non si può evadere 
-Apparenti pregano anche loro 
ma di nascosto implorano 
formule economiche ed amuleti 
passati per la fede 
...liberaci o Signore 
da aste di carne al rialzo 
dove l’aggiudico spinge al baro, 
il sole è ovunque,ignaro di caste 
e dobbiamo far finta 
d’andarlo a cercare in prestigio 
là dove solo noi finti liberi 
possiamo permettercelo 
------------------------------- 
Da:Destini E Presagi 
www.santehrs.com