GIOSUE' CARDUCCI

TRAVERSANDO LA MAREMMA TOSCANA

HOME PAGE    DIDATTICA SCUOLA    POESIE 200-900    COMMENTI POESIE FAMOSE    LETTERATURA


POESIE POCO FAMOSE 

Traversando la Maremma Toscana
*

Giosuè Carducci, "Traversando la Maremma Toscana"

 


Dolce paese, onde portai conforme
l’abito fiero e lo sdegnoso canto
e il petto ov’odio e amor mai non s’addorme,
pur ti riveggo, e il cor mi balza in tanto.

Ben riconosco in te le usate forme
con gli occhi incerti tra ’l sorriso e il pianto,
e in quelle seguo de’ miei sogni l’orme
erranti dietro il giovenile incanto.

Oh, quel che amai, quel che sognai, fu in vano;
e sempre corsi, e mai non giunsi il fine;
e dimani cadrò. Ma di lontano

pace dicono al cuor le tue colline
con le nebbie sfumanti e il verde piano
ridente ne le pioggie mattutine.

 

 Commento

In questo sonetto, che fa parte delle Rime Nuove,

 Carducci si rivolge in prima persona alla terra

della sua infanzia , che rivede dopo tanto tempo.

Vi è la rievocazione del profondo legame che unisce

il poeta alle sue radici, rappresentate dai luoghi che

(in particolare Bolgheri) lo hanno visto crescere.

Nel paesaggio aspro della Maremma il poeta vede

 riflesso il proprio carattere fiero e ribelle, ma anche

 i sogni giovanili che non ha potuto realizzare.

 

Parafrasi

Dolce paese dal quale derivai identico
il carattere fiero e la poesia sdegnosa
e l’animo in cui non si acquietano mai odio e amore,
ti rivedo ancora, e rivedendoti il cuore sussulta.

Riconosco bene in te gli aspetti noti
incerto se ridere o piangere,
e in quegli aspetti seguo le tracce dei miei sogni
vaganti dietro le illusioni giovanili.

Oh, quel che amai, quel che sognai, fu inutile;
e sempre corsi, e non raggiunsi mai la meta;
e domani morirò. Ma di lontano

mi invitano alla pace le tue colline
su cui si dissolvono le nebbie e la verde pianura
ridente tra le piogge del mattino.

 

 Sonetto a rime alternate, bella l’apostrofe iniziale

 e spettacolari le  diverse spezzature del verso( enjambement).

 

 

 
 


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!