Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 

 

POESIE SULLE DONNE

SULLE DONNE


 Madre Teresa di Calcutta 

Dedicato alle donne

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni.

Però ciò che è importante non cambia; 
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito e` la colla di qualsiasi tela di ragno.

Dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza.
Dietro ogni successo c`e` un`altra delusione.

Fino a quando sei viva, sentiti viva. 
Se ti manca cio` che facevi, torna a farlo. 
Non vivere di foto ingiallite…
insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.

Non lasciare che si arruginisca il ferro che c’è in te.
Fai in modo che invece che compassione,
 ti portino rispetto.

Quando a causa degli anni 
non potrai correre, cammina veloce.
Quando non potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Pero` non trattenerti mai!




"Donna"

In te si racchiude ogni forma di bellezza e armonia
sei origine di vita, di gioia e dolore,
di pianto e allegria.
Presente nei momenti peggiori...
evanescente quando il tempo lo richiede.
ogni tuo gesto non è mai senza senso.
Sei complice di  sguardi e parole..
Eternamente pura inondi di tenui profumi
e delicati colori anche la più umile dimora!
Forte quando il mondo ti calpesta...
fragile quando l'amore ti travolge.
Facile preda di inganni e violenza
gettata su un bordo di strada 
ti aggrappi lo stesso alla vita.
Pieghi il corpo ma alto mantieni il tuo sguardo.
Di luce negli occhi raccogli il tuo orgoglio...
Con fare graziato come farfalla 
di fiore in fiore volteggi
altera e fiera come una Regina.
Di tutto questo e di tanto altro tu sei così fatta
illimitatamente....semplicemente DONNA!!
ANGELA TORTORICI




"Dedicata alle donne" (24/07/2014)


Quanto è grande e misterioso il mondo 
delle donne!
Donna, qualcosa di magico e particolare.
Siamo grandi noi donne 
con i nostri occhi pieni di gioia,
 a volte colmi di tristezza e lacrime 
che silenziosamente rugano i nostri volti.
Siamo donne che amano e lo facciamo con la mente, 
con il corpo, con tutta l'anima.
Doniamo noi stesse e ci mettiamo
 in gioco sempre e comunque .         
Poniamo i nostri cuori nelle mani 
di chi a volte ci comprende, a volte
ci delude e ci troviamo chine su noi stesse 
a raccogliere i cocci di anime disilluse.
Ci rialziamo, ogni volta magari stanche
 ma combattive, e andiamo
avanti senza voltarci indietro.
Perché noi non volgiamo lo sguardo al passato,
 lo custodiamo gelosamente
ma non lo rincorriamo ....
non rincorriamo chi non vuole esserci,
andiamo avanti a passi lenti con dignità e orgoglio.
Noi, cariche della nostra forza ci diamo la libertà 
di decidere se amare, se andare o restare.
E se il cuore duole nessuno se ne accorge,
 se dietro ad un sorriso  si cela la malinconia.
Siamo così noi donne. Amate, ferite, illuse...
con i tacchi a spillo ad ancheggiare e
il rossetto sulle labbra a civettare.
Siamo attrici di noi stesse, recitiamo la vita, 
recitiamo la parte a noi assegnata!
A volte una vita intera ad aspettare un sorriso, 
un abbraccio sincero, un "ti amo"
per sempre....siamo quello che l'uomo non è.
Siamo quello che l'uomo deve ancora imparare
 ad amare e ancora di più a rispettare.
Siamo Donne....meravigliose, magiche e particolari.
ANGELA TORTORICI




INNOCENZA NUDA

Ho stretto le trasparenti emozioni delle tue mani
come se fosse lì il mio universo
e ti ho toccata con le mie labbra
sino a denudarti dolcemente come fa il vento
che stacca quei delicati petali da una rosa
...ma tu sei  il mio fiore
e dei tuoi occhi anche una goccia di rugiada 
incontrerà la mia pelle come essenza di profumo
così ti amerò
tra calde carezze raccoglierò la tua nuda innocenza
e tu sognerai della luna in silenzio anche l'altro viso
quando vedrai come si accarezza la mano di una donna

Baldo Bruno




Donna, non sei soltanto l'opera di Dio 
di Rabindranath Tagore 

Donna, non sei soltanto l' opera di Dio, 
ma anche degli uomini, che sempre 
ti fanno bella con i loro cuori. 
I poeti ti tessono una rete 
con fili di dorate fantasie; 
i pittori danno alla tua forma 
sempre nuova immoralità. 
Il mare dona le sue perle, 
le miniere il loro oro, 
i giardini d' estate i loro fiori 
per adornarti, per coprirti, 
per renderti sempre più preziosa. 
Il desiderio del cuore degli uomini 
ha steso la sua gloria 
sulla tua giovinezza. 
Per metà sei donna, e per metà sei sogno. 





PROFUMO DI DONNA 

di Baldo Bruno 

Nudo il tuo pensier d'anima 
m'avvolge col tuo profumo di donna 
...resto a guardarti per un istante 
sotto il rintocco anomalo del mio cuore 
e m'accorgo del tuo profondo incanto 
ah ...vorrei il tempo io fermar 
sulle carezze del magico palpito... 
guardo lo smalto delicato dei tuoi occhi 
e la mia pelle s'inchina all'esplodere dei tuoi baci 
come l'aurora fa strada alle mani del sole 
...vorrei il tempo io fermar 
quando i nostri corpi come rose 
sono avvolti da trasparente rugiada 
e tremante la tua mano sfiora la mia 
...la tua anima danza con la mia 
in un abbraccio di silenzi immortali 




WILLIAM SHAKESPEARE - Sonetto 18

Dovrò paragonarti ad un giorno estivo?
Tu sei più amabile e temperato:
cari bocci scossi da vento eversivo
e il nolo estivo presto è consumato.

L’occhio del cielo è spesso troppo caldo
e la sua faccia sovente s’oscura,
e il Bello al Bello non è sempre saldo,
per caso o per corso della natura.

Ma la tua eterna Estate mai svanirà,
né perderai la Bellezza ch’ora hai,
né la Morte di averti si vanterà
 

quando in questi versi eterni crescerai.
Finché uomo respira o con occhio vedrà,
fin lì vive Poesia che vita a te dà.





ELIOMAR RIBEIRO DE SOUZA - Donna

Nel tuo esserci l'incanto dell'essere,
La vita, tua storia,
segnata dal desiderio d'essere
semplicemente donna!
Nel tuo corpo ti porti,
come nessun altro,
il segreto della vita!
Nella tua storia
la macchia dell'indifferenza,
della discriminazione, dell'oppressione…
in te l'amore più bello,
la bellezza più trasparente,
l'affetto più puro
che mi fa uomo!





Eleanor 
di Herman hesse 

Le sere d'autunno mi ricordano te 
I boschi giacciono bui, il giorno si scolora 
ai bordi dei colli in rosse aureole. 
In un casolare vicino piange un bimbo. 
Il vento se ne va a passi tardi 
attraverso i tronchi a raccogliere le ultime foglie. 
Poi sale, abituata ormai da lungo ai torbidi sguardi, 
l'estranea solitaria falce di luna 
con la sua mezza luce da terre sconosciute. 
Se ne va fredda, indifferente, per il suo sentiero. 
La sua luce avvolge il bosco, il canneto, lo stagno 
e il sentiero con pallido alone melanconico. 
Anche d' inverno in notti senza luce 
quando alle finestre vorticano danze di fiocchi 
e il vento tempestoso, 
ho spesso l' impressione di guardarti. 
Il piano intona con forza ingannevole 
e la tua profonda e cupa voce di contralto 
mi parla al cuore. Tu la più crudele delle belle donne. 
La mia mano afferra alle volte la lampada 
e la sua luce tenue posa sulla larga parete. 
Dalla antica cornice la tua immagine oscura guarda 
mi conosce bene e mi sorride, stranamente. 
Ma io ti bacio mani e capelli 
e sussurro il tuo nome. 




A una passante 
di Charles Baudelaire 

La via assordante strepitava intorno a me. 
Una donna alta, sottile, a lutto, in un dolore 
immenso, passò sollevando e agitando 
con mano fastosa il pizzo e l'orlo della gonna, 
agile e nobile con la sua gamba di statua. 
Ed io, proteso come folle, bevevo 
la dolcezza affascinante e il piacere che uccide 
nel suo occhio, livido cielo dove cova l'uragano. 
Un lampo... poi la notte! - Bellezza fuggitiva 
dallo sguardo che m'ha fatto subito rinascere, 
ti rivedrò solo nell'eternità? 
Altrove, assai lontano di qui! Troppo tardi! Forse mai! 
Perché ignoro dove fuggi, né tu sai dove vado, 
tu che avrei amata, tu che lo sapevi!