Cynegi Network
FILOSOFI : PITAGORA

FILOSOFI :  PITAGORA

HOME PAGE QUESTIONI DI PSICOLOGIA TUTTI I FILOSOFI NARRATIVA DIDATTICA SCUOLA


Nato a Samo, un'isola del Dodecanneso, non lontana dalle coste dell'attuale Turchia,
Pitagora visse probabilmente 80 anni e morì a Metaponto, in Basilicata, intorno
al 570 a.C. Si suppone che, nel corso dei suoi viaggi abbia soggiornato anche
in Egitto,in Babilonia, e in India, prima di stabilirsi a Crotone, al tempo colonia
calabrese della magna Grecia, dove raccolse intorno a sé una comunità
aristocratica che professava una religione misterica.

A Pitagora si può attribuire la fondazione dell'ARITMETICA
(dal greco Arithmòs= Numero) con la quale, mediante i Numeri,
è possibile spiegare ogni cosa: dal mondo che ci circonda al moto degli astri,
al succedersi delle stagioni, dalle armonie della Musica al ciclo della vegetazione.
Per Pitagora il Numero è tutto, è l l'elemento di cui tutte le cose sono costituite.



I Numeri erano divisi in pari e dispari, positivi e negativi, maschili e femminili.

L'ordine e la perfezione stanno dalla parte dei numeri dispari, mentre , al contrario,
il disordine ed il male stanno sempre dalla parte del pari.



Il Pitagorismo è una filosofia DUALISTICA nella quale la realtà è spiegata sulla base
della contrapposizione tra il bene ed il male, il limite e l'infinito, fra il dispari ed il pari.

Furono evidenziati le 10 opposizioni fondamentali:



1) LIMITE - INFINITO

2) DISPARI - PARI

3) UNITA' - MOLTEPLICITA'

4) DESTRA - SINISTRA

5) MASCHIO - FEMMINA

6) QUIETE - MOVIMENTO

7) RETTA - CURVA

8) LUCE - TENEBRA

9) BENE - MALE

10) QUADRATO - RETTANGOLO

Questi opposti convivono insieme nel mondo da un principio di Armonia, e poiché
la scienza dell'Armonia è la Musica, i rapporti musicali esprimono la natura
dell'Armonia universale.

Di Pitagora sono infatti gli studi numerici sulla produzione di suoni armonici
della lira (strumento a corde dei Greci e dei Romani) in funzione della lunghezza
delle corde.

Il numero 10 è considerato un numero perfetto in quanto risulta dalla somma
dei primi quattro numeri (1+2+ 3+ 4) che, disposti su quattro linee in ordine
crescente, secondo una rappresentazione grafica puntiforme, formano la tetraktys,
cioè il triangolo equilatero formato da 10 punti con il lato di 4. La tetraktys era
considerata figura sacra sulla quale i pitagorici pronunziavano il giuramento
più impegnativo.




A Pitagora viene attribuita anche l'ideazione della TAVOLA PITAGORICA che costituisce
il più importante approccio al calcolo numerico, anche se in realtà questo metodo
di calcolo era già noto da tempo.


Uno dei simboli della scuola pitagorica era il pentagono stellato che si disegna
tracciando tutte le diagonali possibili di un pentagono regolare fino ad ottenere
una stella a 5 punte. La proprietà più interessante di questa figura è costituita
dalle diagonali che, se suddivise da un'altra che la interseca in due parti, l'intera
diagonale sta alla parte maggiore come la stessa parte maggiore sta alla parte minore.
La parte maggiore è detta "sezione aurea" del segmento che costituisce la diagonale
intera.


Anche l'Universo è numero. Poichè gli elementi dei numeri sono elementi di tutte
le cose, " l'interouniverso è armonia e numero ": infatti ogni fenomeno è generato
dall'opposizione tra il limite e l'illimitato, tra il pari e il dispari (armonia degli opposti).
Nell'universo al centro c'è un fuoco e la terra ruota intorno ad esso insieme con gli
altri astri, dando luogo al giorno e alla notte. Gli studi pitagorici di acustica
confermarono la teoria secondo cui i numeri sono il principio di tutte le cose.
Infatti Pitagora, studiando le corde sonore e i rapporti fra le loro lunghezze
nei principali accordi, scopre gli intervalli musicali.

A ciò è legata la teoria dell'armonia delle sfere celesti, formata da suoni prodotti
dai corpi celesti nella loro rotazione nello spazio: per ogni sfera vi è un tono musicale ,
e l'ottava musicale è l'insieme di questi toni.

L'Anima. Anche l'anima ò armonia, e più precisamente armonia degli elementi del
corpo, il che farebbe pensare che per i pitagorici sia mortale. Ma ciò sembra in
contrasto con la famosa dottrina pitagorica della metempsicosi, secondo la
quale l'anima si trova racchiusa nel corpo come in una prigione, per una qualche
colpa e, per potersi ricongiungere a Dio, deve pagare il fio di questa colpa
trasmigrando molte volte da un corpo all'altro. Probabilmente, dunque, il
pitagorismo ammette due tipi di anima: un'anima psichica legata al corpo e
un'anima dèmone immortale. Anche Dio è considerato come un'anima, che
è presente in ogni luogo perchè è l'anima del mondo.
 

 


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!