IL ROMANZO E IL RACCONTO


HOME PAGE    DIDATTICA SCUOLA    POESIE RAGAZZI    COMMENTI POESIE FAMOSE    LETTERATURA


 

 

IL ROMANZO


Il romanzo è un genere narrativo che compare in ogni letteratura europea ed extra europea, ed ha origini antichissime.E’ un grande fatto culturale,che ha ridefinito il senso della realtà, il fluire del tempo e dell' esistenza indivinduale, il linguaggio e le emozioni e i comportamenti.
In Italia ne abbiamo esempi sin dal sorgere della nostra letteratura: dapprima fu poco piú che  un rifacimento di romanzi francesi, con storie di gesta cavalleresche; in seguito assunse un carattere piú personale con il Boccaccio . Il nostro romanzo subí l'influsso delle letterature straniere nel Seicento (influsso francese e spagnolo) e nel Settecento (influsso francese e inglese), per poi seguire una linea propria con il romanzo epistolare di Ugo Foscolo, Le ultime lettere di Jacopo Ortis  e con I Promessi Sposi del Manzoni: opera, quest'ultima, che stabilì uno dei caposaldi della narrativa moderna. Si può comunque affermare che il romanzo vero e proprio si affermò nelle varie letterature europee soltanto a cominciare dal Seicento, per avere il suo maggiore sviluppo nell'Ottocento e poi nel Novecento: narrazione di vicende storiche, o di vicende fantastiche, o familiari, o della vita di un uomo, o riflesso della vita dell'autore stesso.

Il romanzo si differenzia da racconto perché c’è l’inquadramento storico e la storia viene narrata con l’intreccio per catturare l’attenzione del lettore.Bisogna anche aggiungere che dà importanza a descrizioni dettagliate che fanno capire meglio i personaggi e gli ambienti.

Tra le forme specifiche del romanzo, possiamo considerare:
cicli di romanzi, intesi a fornire un quadro della società di una determinata epoca ( G.Verga);
romanzo d'appendice pubblicato a puntate in appendice ai quotidiani e alle riviste a partire dal 1830 (Alexandre Dumas , I tre moschettieri,ri dne Sue, I misteri di Parig dello scrittore.flessioni dialettalie con poche parole quello che nob);
romanzo epistolare ( U. Foscolo, Le ultime lettere di Jacopo Ortis);
romanzo storico (A. Manzoni, I promessi sposi);
rom. di formazione che narra la formazione dell'identità di un protagonista ( I. Nievo, Le confessioni di un italiano);
rom. sociale (C. Dickens, Tempi difficili);
romanzo per ragazzi ( C. Collodi, Le avventure di Pinocchio);
romanzo d'avventura ( R. Kipling, Il libro della giungla,);

romanzo psicologico (J. Joyce, Ulisse, 1922; Virginia Woolf, );
rom. di fantascienza (J. Verne, Viaggio al centro della terra); 
romanzo fantastico ( J. Swift, I viaggi di Gulliver); 
romanzo poliziesco  (E. A. Poe, I delitti della Rue Morgue); 
rom. rosa,  che si incentra sul racconto di avventure sentimentali .

 

 

Il RACCONTO

 

Il racconto è componimento letterario in prosa, di carattere narrativo, meno ampio e meno complesso di un romanzo. Si va dal reale al fantastico ed ha soprattutto un fine morale, nella maggior parte dei casi è a lieto fine. Nel racconto l’autore evidenzia in poco spazio un ambiente o una situazione, nella quale muove personaggi, a volte uno solo, senza possibilità di grande sviluppo. Se riferito ad una specifica persona, il racconto ,di formato più o meno esteso, si trasforma in biografico. Se il testo è scritto in riferimento a sé stessi, diventa un racconto autobiografico.E’ scritto con la fabula  ma spesso presenta delle analessi(ritorni indietro) per spiegare con poche parole quello che non è stato detto prima.E’ scritto con uno stile medio e può avere delle inflessioni dialettali dipendenti dal luogo di nascita dello scrittore.

 



Classifica di siti - Iscrivete il vostro!