IL LUPO E LE TRE RAGAZZE di ITALO CALVINO

FIABE CLASSICHE E MODERNE

HOME PAGE NARRATIVA RACCONTI FIABE

IL LUPO E LE TRE RAGAZZE    di ITALO CALVINO

 

 
 

Fiaba di Italo Calvino 

IL LUPO E LE TRE RAGAZZE (Lago di Garda)

 

C'erano una volta tre sorelle, a lavorare in un paese. Gli venne la notizia che la loro mamma, che abitava a Borgoforte, stava mal da morte. Allora la sorella maggiore si preparò due sporte con dentro quattro fiaschi e quattro torte e partí per Borgoforte. Per strada trovò il lupo che le disse: "Dove corri così forte?" "Da mia mamma a Borgoforte, che le è preso mal da morte." "Cosa porti in quelle sporte?" "Quattro fiaschi e quattro torte." "Dàlle a me se no, alle corte, ch'io ti mangi è la tua sorte." La ragazza diede tutto al lupo, e tornò dalle sorelle a gambe levate. Allora la seconda riempì la sporta lei e partì per Borgoforte. Trovò il lupo. "Dove corri così forte?" "Da mia mamma a Borgoforte, che le è preso mal da morte." "Cosa porti in quelle sporte?" "Quattro fiaschi e quattro torte." "Dàlle a me se no, alle corte, ch'io ti mangi è la tua sorte." Anche la seconda sorella vuotò le sporte e tornò via di corsa. Allora la più piccola disse: "Adesso ci vado un pò io," preparò le sporte e partì. Trovò il lupo. "Dove corri così forte?" "Da mia mamma a Borgoforte, che le è preso mal da morte." "Cosa porti in quelle sporte?" "Quattro fiaschi e quattro torte." "Dàlle a me se no, alle corte, ch'io ti mangi è la tua sorte." Allora la più piccola prese una torta e la buttò al lupo che stava a bocca aperta. Era una torta che lei aveva preparato prima apposta, con dentro tanti chiodi. Il lupo la prese al volo e la morse e si punse tutto il palato. Sputò la torta, fece un balzo indietro, e scappò dicendo alla bambina: "Me la pagherai!"

 

Di corsa, per certe scorciatoie che sapeva solo lui, il lupo arrivò a Borgoforte prima della bambina. Entrò in casa della madre ammalata, la mangiò in un boccone, e si mise a letto al suo posto. Arrivò la bambina, vide la mamma che faceva appena capolino dalle lenzuola, e le disse: "Come sei diventata nera, mamma!" "Sono stati tutti i mali che ho avuto, bambina," disse il lupo." "Come t'è venuta la testa grossa, mamma!" "Sono stati tutti i pensieri che ho avuto, bambina." "Lascia che t'abbracci, mamma," disse la bambina e il lupo, ahm! Se la mangiò in un boccone. Inghiottita che ebbe la bambina, il lupo scappò fuori. Ma appena sulla via i paesani, a vedere un lupo uscire da una casa, gli si misero dietro con forche e badili, gli chiusero tutte le strade e l'ammazzarono. Gli tagliarono subito la pancia e ne uscirono madre e figlia ancora vive. La mamma guarì e la bambina tornò dalle sorelle a dire: "Avete visto che io ce l'ho fatta!"

 



Classifica di siti - Iscrivete il vostro!