GUIDA ALLA LETTURA
DELLE
POESIE CATARTICHE

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

POESIE CATARTICHE DI B.BRUNO


ARTICOLI DI PSICOLOGIA


POESIE CATARTICHE CON IMMAGINI

LOTTARE Devi lottare, lottare, lottare come il dio Marte sprona i suoi guerrieri alla vittoria; il sole è solamente coperto di nubi, quando l’ultima nube lascerà il cielo sarai libero e sereno. Il tuo fisico ne gioverà e potrai cogliere i fiori nel tuo giardino, anche le rose senza paura di pungerti. Baldo Bruno 18-11-2015 INGRANDISCI LA POESIA VIVI IL SERENO Cosa aspettiamo… non è mai tardi per girarsi a braccia aperte verso il sole! Il buio della nostra vita griderà finalmente - Basta! La luce scaccerà i nostri dubbi per farci abbandonare al sereno. Baldo Bruno 11-10-2015 INGRANDISCI LA POESIA RISCOSSA Voglio aprire le finestre per far entrare il sole, via gli avvoltoi che cavalcano le mie paure ! Il mio cuore vuole essere in un giardino di fiori sbocciati lontano dalle arpie velenose! Baldo Bruno 24-8-2015 INGRANDISCI LA POESIA AMORE Cerco e ricerco, frugo nei meandri della mia mente, tra i pensieri più nascosti, e mi accorgo che Amore è la parola che sconvolge positivamente la nostra vita. Baldo Bruno 13-8-2014 INGRANDISCI LA POESIA IN CERCA DI SOLE Lascia uscire il tuo cuore dalla buia e profonda roccia, lasciati chiamare dal sole non chiuderti in te stesso, gli altri hanno bisogno di te ! Baldo Bruno INGRANDISCI LA POESIA COLORI DIVERSI Occhi perduti nel vento gocce di lacrime sul viso in cerca di un destino di sole lontano da quell’orizzonte di marmo ci sono colori diversi che ci aspettano… Baldo Bruno 11-7-2014 INGRANDISCI LA POESIA IL TEMPORALE E’ PASSATO Le formiche sembrano barcollare or che le nuvole hanno imprigionato il sole, ma usciranno non appena il temporale è passato; anch’io voglio colmare i miei vuoti lascerò il sole entrare dentro di me, raccoglierò una foglia di trifoglio da regalare alla mia nuova vita… il temporale è passato. Bruno Baldo 8-6-2014 INGRANDISCI LA POESIA LA MIA PRIMAVERA Ogni giorno ammiro un pesco fiorito la sua ghirlanda di rosa esplode nella sua bellezza, mi rilasso a guardarlo e libero la mia mente, elimino ogni zavorra che mi crea sofferenza, apro ogni porta per far entrare il fresco profumo dei fiori che spingerà l’ansia a fuggire. Vorrei essere così come il pesco in fiore, voglio ritrovare la mia vitalità! Via quei blocchi mentali, voglio che fiorisca l’entusiasmo, la mia primavera è la grande occasione ! Baldo Bruno 30-3-2014 INGRANDISCI LA POESIA SONO SALITO SUL MONTE Sono salito lassù sul monte per veder dall’alto il mio paese, la mia bellissima casa antica dei miei avi lascito prezioso. Ho guardato il paesaggio , un gelo è calato nel mio animo, la mia casa era piccola ,minuscola, si confondeva con le altre, quasi non si vedeva, era un niente. Ci creiamo a volte grandezze, tante illusioni, apparenze, ma la vera realtà è un’altra. Baldo Bruno 1-2-2014 INGRANDISCI LA POESIA VERITA' Il mar lontano ingoia le opache stelle e il mio piede sminuzza i grigi granelli, illusioni nude come vermi, è così che arrivo a vedere le mie speranze come pagina bianca con la mia testa di conchiglia dondolante. C'è sempre un prezzo da pagare per aver ascoltato il mio cuore …è stata la nudità del mio animo ad essere trafitta dai tuoi occhi di aria di vento, ed ora le onde passano la spugna sui miei affetti. Ho guardato i miei piedi inghiottiti come un'ostia di comunione poi ho rammentato la tua voce di petali ardenti ed il tuo profumo di erba bagnata. IN MEZZO AL MARE Quando sarò vecchio e non avrò la forza di camminare vorrei che fosse il mare a cullarmi e a trasportare i miei ricordi all’orizzonte tra vele gonfie di vento; dal mare mi piacerebbe guardare le dolci colline che degradano sino ad abbracciare le sabbie dorate e vedere pescherecci avvicinarsi ai moli delle baie; lì in mezzo al mare l’acqua mi tonifica e lo sguardo è catturato dalle meraviglie dei fondali, avvolto da quel richiamo che dà ai miei occhi un senso di mistero un po’ simile alla nostra vita che non conosce il futuro; e la sera rilassarmi in un orizzonte pieno di luna, una gran dama per la quale le onde fanno a gara a corteggiarla in una scia grigia sino alla riva. INGRANDISCI LA POESIA RIMPIANTI Nelle onde tumultuose del mar io guardo me stesso disilluso. Ne ascolto gli echi come lusinghe di sirene e in un rimpianto mando un bacio alla giovinezza ammutolita. Poi lontano rasenta le onde un gabbiano che, volando in un cielo di vetro, mi scuote con un gaio verso. AL CALAR DELLA SERA Già al calar della sera negli occhi degli alberi è la luna, abbraccia la valle ed il perduto è ritrovato, sotto il riflesso argenteo degli ulivi il vocio della gente ancor trascorre. Io silente, da una torre scarlatta ascolto attento il bussare del vento in un arco di chiesa come foriero d’un sogno per capovolgere la mia clessidra.