TESTI CANZONI NAPOLETANE 3

TESTI CANZONI NAPOLETANE 3

CANZONI NAPOLETANE 1   CANZONI NAPOLETANE 4 

HOME PAGE

POESIE HOME

HOME TESTI CANZONI

CANTANTI VECCHI

TESTI CANZONI CANTANTI ATTUALI

NA SERA 'E MAGGIO

(Pisano, Cioffi – 1938)

 

Quanno vien'a 'appuntamento

guarde 'o mare, guard' 'e ffronne,

si te parlo nun rispunne,

staje distratta comm'a che.

Io te tengo dint' 'o core,

sóngo sempe 'nnammurato

ma tu, invece, pienze a n'ato

e te staje scurdanno 'e me.

 

Quanno se dice "Sì"

tiènelo a mente.

Nun s'ha da fá murì

nu core amante.

Tu mme diciste "Sì" na sera 'e maggio

e mo tiene 'o curaggio 'e mme lassà?

 

St'uocchie tuoje nun só' sincere

comm'a quanno mme 'ncuntraste,

comm'a quanno mme diciste:

"Voglio bene sulo a te".

E tremmanno mme giuraste,

cu na mano 'ncopp' 'o core:

"Nun se scorda 'o primmo ammore".

Mo te staje scurdanno 'e me.

 

Quanno se dice "Sì"

………………………

 

 

 

CATARI'

(Di Giacomo, Costa – 1892)

 

Marzo, nu poco chiove

e n'atu ppoco stracqua.

Torna a chiovere, schiove,

ride 'o sole cu ll'acqua.

 

Mo nu cielo celeste,

mo n'aria cupa e nera.

Mo, d' 'o vierno, 'e ttempeste,

mo, n'aria 'e primmavera.

 

N'auciello freddigliuso,

aspetta ch'esce 'o sole.

'Ncopp' 'o tturreno 'nfuso,

suspirano 'e vviole.

 

Catarí', che vuó' cchiù?

'Ntiénneme core mio.

Marzo, tu 'o ssaje, si' tu

e st'auciello, songh'io.

 

 

 

DOVE STA ZAZA'?

(Cutolo, Cioffi – 1944)

 

Era la festa di San Gennaro,

quanta folla per la via,

con Zazá, compagna mia,

me ne andai a passeggiá.

 

C'era la banda di Pignataro1

che suonava il "Parsifallo"

e il maestro, sul piedistallo,

ci faceva deliziá.

 

Nel momento culminante

del finale travolgente,

'mmiez'a tutta chella gente,

se fumarono a Zazá.

 

Dove sta Zazá?

Uh, Madonna mia.

Come fa Zazá,

senza Isaia?

Pare, pare, Zazá,

che t'ho perduta, ahimé.

Chi ha truvato a Zazá

ca mm' 'a purtasse a me.

Jámmola a truvá,

sù, facciamo presto.

Jámmola a incontrá

con la banda in testa.

Uh, Zazá.

Uh, Zazá.

Uh, Zazá.

Tuttuquante aîmm' 'a strillá:

Zazá, Zazá,

Isaia sta ccá.

Isaia sta ccá.

Isaia sta ccá.

 

Zazá, Zazá,

za-za-za-za.

Comm'aggi 'a fá pe' te truvá?

I', senza te, nun pozzo stá.

Zazá, Zazá,

za-za-za-za.

 

Za-za-za-za-za-za-zá.

 

Era la festa di San Gennaro,

ll'anno appresso cante e suone,

bancarelle e prucessione,

chi se pò dimenticá?

 

C'era la banda di Pignataro,

centinaia di bancarelle

di torrone e di nocelle

che facevano 'ncantá.

 

Come allora, quel viavai

ritornò per quella via.

Ritornò pure Isaia,

sempre in cerca di Zazá.

 

Dove sta Zazá?

Uh, Madonna mia.

Come fa Zazá,

senza Isaia?

Pare, pare, Zazá,

che t'ho perduta, ahimé.

Chi ha truvato a Zazá,

ca mm' 'a purtasse a me.

Se non troverò

lei, ch'è tanto bella,

mm'accontenterò

'e trová 'a sorella.

T'amerò,

t'amerò,

t'amerò,

pure a lei glielo dirò

che t'amerò.

T'amerò, Zazá.

T'amerò, Zazá.

T'amerò, Zazá.

Zazá, Zazá,

za-za-za-za

che t'amerò ll'aggi' 'a cuntá.

Con tua sorella aggi' 'a sfugá.

Zazá, Zazá,

za-za-za-za.

 

Zazá, Zazá,

za-za-za-za.

Comm'aggi' 'a fá pe' te truvá?

I', senza te, nun pòzzo stá.

Zazá, Zazá,

za-za-za-za-za.

Za-za-za-za-za-za-zá.

 

 

 

 

Malafemmina

Versi di Antonio De Curtis

 

Si avisse fatto a n'ato

chello ch'e fatto a mme

st'ommo t'avesse acciso,

tu vuò sapé pecché?

 

Pecché 'ncopp'a sta terra

femmene comme a te

non ce hanna sta pé n'ommo

onesto comme a me!...

 

Femmena

Tu si na malafemmena

Chist'uocchie 'e fatto chiagnere..

Lacreme e 'nfamità.

 

Femmena,

Si tu peggio 'e na vipera,

m'e 'ntussecata l'anema,

nun pozzo cchiù campà.

 

Femmena

Si ddoce comme 'o zucchero

però sta faccia d'angelo

te serve pe 'ngannà...

 

Femmena,

tu si 'a cchiù bella femmena,

te voglio bene e t'odio

nun te pozzo scurdà...

 

Te voglio ancora bene

Ma tu nun saie pecchè

pecchè l'unico ammore

si stata tu pe me...

 

E tu pe nu capriccio

tutto 'e distrutto,ojnè,

Ma Dio nun t'o perdone

chello ch'e fatto a mme!...

 

 

 

CARME' CARME'

Versi di Antonio De Curtis

 

Pure st'anno 'a primmavera,

me trasuto dint'o core

cu na smania'e fa l'ammore

cu nu fuoco 'e giuventu',

quanno veco a na figliola,

me va o sango dint'a ll'uocchie

po' me tremmano 'e denocchie

e nun garro niente cchiu'?

 

CARME'CARME',

Tu sola nun ma basta,

me ce ne vonno tre,

CARME'CARME',

i' songo 'e bona pasta

V'accuntento a' tutte' e ttre.

CARME'CARME',

Io nun'o faccia apposta,

e tu chesta ll'he 'a sapè,

CARME'CARME',

lo tengo a capa tosta,

tosta, tosta

comma 'a chè.

 

Per ogni uomo, tre mugliere

steva scritto, int'o giurnale

mo na legge speciale

faciarranno 'e ssaie pecchè,

pecchè l'uommene so' poche,

mentre a donna e in abbondanza

me ne voglio fa na panza,

n'ti ddoie a fore 'e te.

 

CARME'CARME',

Tu sola nun ma basta,

me ce ne vonno tre,

CARME'CARME',

i' songo 'e bona pasta

v'accuntento 'a tutte 'e ttre;

CARME'CARME',

i' nun 'o faccia apposta,

e tu chesta ll'he 'a sapè,

CARME'CARME',

lo tengo a capa tosta,

tosta, tosta comm'a chè.

 

 

 

 

Miss, mia cara miss

Versi e musica di Antonio De Curtis

 

La incontrai per caso a Messina,

proveniva da Canicattì

prese posto sulla littorina,

che partiva gremita quel di

Al mio sguardo, ben chiaro e palese,

sorridendo rispose di sì

Allora io, col mio nobile inglese,

sottovoce le dissi così:

 

Miss, mia cara Miss,

io faccio il fesso

ma fesso non so'

Miss, mia dolce Miss

son genuflesso ai tuoi piedi però

Insisto e cantoti

quel canto che sai tu

il cantico dei cantici

"Nel blù dipinto di blù"

Miss, mia cara Miss,

faccio a scummessa

che tu sai già cos'è

Miss, mia cara Miss,

tu l'hai capito

io che voglio da te

 

Miss, mia cara Miss,

nu cuoppo allesse

io divento pe' te

Miss, mia dolce Miss,

scaveme a fossa

ca io moro pe tte

Perdonami se cantoti

quel canto che sai tu

il cantico dei cantici

"Nel blù dipinto di blù"

Miss, mia cara Miss,

faccio a scummessa

ca io mi sposo a tte

Miss, mia dolce Miss,

io voglio il bis e,

tu già sai di che.

 

La baciai, mi baciò; ci baciammo,

stretti stretti abbracciati così

per un'ora e tre quarti filammo

tutt'assieme sparò mezzodì

Or mi scrive una lettera al mese

e mi dice: «Mio caro mimì,

io rispondo al tuo nobile inglese

ma però nun riesco a capi'

 

 

 

 

Stamme a sentì

di Antonio De Curtis - Falcomata'

 

C'aggia fà,

si 'o core mio vò bbene a te.

C'aggia dì,

si 'o core tuio me fa suffri'.

Chist'ammore me struie, m'accide

e tu saie pecchè,

sto luntano 'a te,

penzo sempe a te,

dormo e sonno a te.

C'aggia fà,

facimmo pace siente a mme.

C'aggia dì,

si mo me faie muri'.

N'ata vota int' 'e braccia te voglio

abbracciata cu me,

C'aggia fà,

c'aggia di'.

io voglio a te.

 

Vaco parlanno sulo

c' 'o fele dint' 'o core

e penzo che st'ammore

nun pò fernì accussi'.

Mo è già passato n'anno

che stammo appiccicato,

maie pace aggiu truvato

perciò stamme a senti'.

 

C'aggia fà,

si 'o core mio vò bbene a te.

C'aggia dì,

si 'o core tuio me fa suffri'.

Chist'ammore me struie, m'accide

e tu saie pecchè,

sto luntano 'a te,

penzo sempe a te,

dormo e sonno a te.

C'aggia fà,

facimmo pace siente a mme.

C'aggia dì,

si mo me faie muri'.

N'ata vota int' 'e braccia te voglio

abbracciata cu me,

C'aggia fà,

c'aggia di'.

io voglio a te.

 

TORNA A CANZONI NAPOLETANE 1    CANZONI 4
CANZONI CANTANTI GIOVANI
CANZONI CANTANTI VECCHI