TESTI CANZONI NAPOLETANE 1

CANZ. NAPOL. 2   CANZ. NAPOL.3   CANZ.NAPOL.4 

HOME PAGE

POESIE HOME

HOME TESTI CANZONI

CANTANTI VECCHI

TESTI CANZONI CANTANTI ATTUALI

'A Cittá 'e Pullecenella

 

T'accumpagno vico vico,

sulo a te ca si' n'amico

e te porto p' 'e Quartiere,

addó' 'o sole nun se vére,

ma se vére tutt''o riesto

e s'arápono 'e ffeneste…

e capisce comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella!

Ti accompagno vicolo per vicolo

solo a te che sei un amico

e ti porto per i quartieri

dove il sole non si vede,

ma si vede tutto il resto

e si aprono le finestre…

e capisci com'è bella

la città di Pulcinella!

 

Comm'è bella, comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella.

Comm'è bella, comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella.

Com'è bella, com'è bella,

la città di Pulcinella.

Com'è bella, com'è bella,

la città di Pulcinella.

 

Mme dispiace sulamente

ca ll'orgoglio 'e chesta gente,

se murtifica, ogne ghiuorno,

pe' na máneca 'e fetiente

che nun tènono cuscienza,

che nun tènono rispetto…

comme fanno a pigliá suonno,

quann'è 'a sera, dint' 'o lietto?

Mi dispiace solamente

che l'orgoglio di questa gente

si mortifica ogni giorno,

a causa di un manipolo di delinquenti

che non hanno coscienza,

che non hanno rispetto…

come fanno a prendere sonno,

quando è sera, nel letto?

 

Dint' 'o lietto, dint' 'o lietto,

quann'è 'a sera, dint' 'o lietto.

Dint' 'o lietto, dint' 'o lietto,

quann'è 'a sera, dint' 'o lietto.

Dentro al letto, dentro al letto,

quando è sera, dentro al letto.

Dentro al letto, dentro al letto,

quando è sera, dentro al letto.

 

Mo te porto a Margellina,

sempe ca nun tiene fretta,

verso 'e ccinche d' 'a matina,

quann''o traffico 'o ppermette.

Ccá è permesso tutte cosa,

no' pecché tiene 'o diritto,

ma pecché s'è sempe fatto

o è sultanto pe' dispietto.

            Ora ti porto a Mergellina

sempre che tu non abbia fretta,

verso le cinque del mattino

quando il traffico lo permette.

Qui è permesso tutto

non perchè se ne hai il diritto

ma perchè si è sempre fatto

o è soltanto per dispetto.

 

Pe' dispietto, pe' dispietto,

o è sultanto pe' dispietto.

Pe' dispietto, pe' dispietto,

o è sultanto pe' dispietto.

Per dispetto, per dispetto

o è soltanto per dispetto.

Per dispetto, per dispetto

o è soltanto per dispetto.

 

Mme dispiace sulamente

ca ll'orgoglio 'e chesta gente,

se murtifica ogne ghiuorno

e nuje ce mettimmo scuorno.

Ma nisciuno pò fá niente,

ce 'a zucammo 'a caramella…

comm'è doce e comme e bella,

'a cittá 'e Pullecenella.

Mi dispiace solamente

che l'orgoglio di questa gente

si mortifica ogni giorno,

e noi abbiamo vergogna.

Ma nessuno può far niente

ci succhiamo la caramella…

come è dolce e come è bella

la città di Pulcinella.

 

Comm'è doce, comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella.

Comm'è doce, comm'è bella,

'a cittá 'e Pulecenella…

Com'è dolce e com'è bella

la città di Pulcinella…

Com'è dolce e com'è bella

la città di Pulcinella…

 

Ah!…Ah!…Ah!… (coro)

Ah!…Ah!…Ah!… (coro)

Ah!…Ah!…Ah!… (coro)

Ah!…Ah!…Ah!… (coro)

………………………………

 

Comm'è doce, comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella.

Comm'è doce, comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella.

            Com'è dolce e com'è bella

la città di Pulcinella…

Com'è dolce e com'è bella

la città di Pulcinella.

 

I' che sóngo musicante

e mme sento furtunato,

canto e sòno, sòno e canto,

chesta bella serenata.

E pecché só' 'nnammurato,

pecché forse ce só' nato,

ma vedite comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella!

            Io che sono musicista

e mi sento fortunato

canto e suono, suono e canto

questa bella serenata.

E perchè sono innamorato,

perchè forse ci sono nato,

ma vedete com'è bella,

la città di Pulcinella!

 

Comm'è bella, comm'è bella

'a cittá 'e Pullecenella.

Comm'è bella, comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella.

Comm'è bella, comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella.

Comm'è bella, comm'è bella,

'a cittá 'e Pullecenella…

            Com'è bella, com'è bella

la città di Pulcinella.

com'è bella, com'è bella

la città di Pulcinella.

Com'è bella, com'è bella

la città di Pulcinella.

Com'è bella, com'è bella

la città di Pulcinella…

 

Ah!…Ah!…Ah!… (coro)

Ah!…Ah!…Ah!… (coro)

………………………………          

Ah!…Ah!…Ah!… (coro)

………………………………

 

 

 

 

 

 

'A NUVENA

 

(Di Giacomo, De Leva – 1887)

 

Nu zampugnaro 'e nu paese 'e fora,

lassaje quase 'nfiglianza la mugliera.

Se partette pe' Napule 'e bon' ora

sunanno, allero allero: ullèro, ullèro.

Uno zampognaro di un paese di fuori,

lasciò la moglie quasi partoriente.

Partì per Napoli di buon ora

suonando, allegro allegro: ullèro, ullèro.

 

E ullèro, ullèro.

Ma nun era overo:

'o zampugnaro,

penzava â mugliera

e suspirava

e 'a zampogna, 'e suspire s'abbuffava.

 

 

Ah…ah…

 

Cuccato 'ncopp' 'a paglia, 'o Bammeniello,

senza manco 'a miseria 'e na cuperta,

durmeva, 'mmiez'â vacca e ô ciucciariello,

cu ll'uocchie 'nchiuse e cu 'a vucchella aperta.

            Sdraiato sulla paglia, il Bambinello,

senza neanche lo straccio di una coperta,

dormiva, tra il bue e l'asinello,

con gli occhi chiusi e con la bocca aperta.

 

E ullèro, ullèro

che bella faccella,

che bella resélla,

faceva Giesù

quanno 'a Madonna

cantava: "Core mio, fa' nonna nonna".

 

 

Ah…ah…

 

Mmerz' 'e vintuno, 'e vintiduje d' 'o mese,

na lettera lle dettero â lucanna.

'Sta lettera veneva da 'o pagghiese

e sotto era firmata: Marianna.

Verso il ventuno, ventidue del mese,

gli diedero una lettera alla locanda.

questa lettera arrivava dal paese

e sotto era firmata: Marianna.

 

"E ullèro, ullèro.

Sto bene in salute

e cosí spero

sentire di te:

sono sgravata

e duje figlie aggio fatto, una figliata".

 

Ah…ah…

 

Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,

e nuje pigliammo 'e guaje cchiù alleramente.

Tasse, case cadute, freddo e gelo,

figlie a zeffunno, e pure nun fa niente.

Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,

e noi prendiamo i guai più allegramente.

Tasse, case cadute, freddo e gelo,

figli a iosa, eppure non fa niente.

 

Ullèro, ullèro.

Sunate e cantate.

Sparate, sparate

ch'è nato Giesù!

Giesù Bambino.

E 'a Vergine Maria s' 'o tene 'nzino.

 

Ah…ah…        Ullèro, ullèro.

Suonate e cantate

Sparate, sparate

che è nato Gesù!

Gesù Bambino.

E la Vergine Maria lo tiene in grembo.

 

Ah…ah…

 

 

 

 

 

'A sunnambula

 

Carmela è na bambola,

e fa 'ammore cu me.

Ma 'a mamma è terribile,

nun mm' 'a vò' fá vedé.

           

Allora aggio truvato

nu bellu ritrovato:

Carmela fa 'a sunnambula

pe' mme vení a truvá.

 

E fa scema a mammá.

           

 

E cu 'a scusa ch'è na sunnambula,

chesta bambola, nèh, che fa?

Tutt' 'e ssere, pe' copp'a ll'ásteco,

vène a ll'ùnnece a passiggiá.

           

 

'Ncopp'a ll'ásteco ce stóngh'io

e lle dico: "Stó' ccá pe' te".

            Sopra al terrazzo ci sono io

e le dico: "Sono qua per te".

 

E 'a sunnambula,

ch'è na bambola,

fa 'a sunnambula

'mbracci'a me!

           

 

'O pate, 'On Arcangelo,

pe' dispietto nun vò'.

Lle sóngo antipatico

e mm'ha ditto ca no.

           

 

Ma a me che mme ne 'mporta?

Io tengo aperta 'a porta.

Carmela, comm' 'o ssolito,

mme vène a cunzulá.

 

E inganna il papà.

 E cu 'a scusa ch'è na sunnambula...

 

 

 

 

 

 

'A tazza 'e cafè

 

Vurría sapé pecché si mme vedite,

facite sempe 'a faccia amariggiata.

Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite,

cchiù bella, a ll'uocchie mieje, v'appresentate.

I' mo nun saccio si ve n'accurgite.

 

Ma cu sti mode, oje Bríggeta,

tazza 'e café parite:

sotto tenite 'o zzuccaro,

e 'ncoppa, amara site.

Ma i' tanto ch'aggi' 'a vutá,

e tanto ch'aggi' 'a girá,

ca 'o ddoce 'e sott' 'a tazza,

fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá.

 

Cchiù tiempo passa e cchiù v'arrefreddate,

'mvéce 'e ve riscaldá, "caffè squisito".

'O bbello è ca, si pure ve gelate,

site 'a delizia d' 'o ccafé granito,

facenno cuncurrenza â limunata.

 

Ma cu sti mode, oje Bríggeta,

………………………………….

 

Vuje site 'a mamma d' 'e rrepassatore?

E i', bellezza mia, figlio 'e cartaro.

Si vuje ve divertite a cagná core,

i' faccio 'e ccarte pe' senza denare.

Bella pareglia fóssemo a fá 'ammore.

Ma cu sti mode, oje Bríggeta...

 

 

 

A MARECHIARO

 

Quanno spónta la luna a Marechiaro,

pure li pisce nce fanno a ll'ammore.

Se revòtano ll'onne de lu mare,

pe' la priézza cágnano culore.

 

Quanno sponta la luna a Marechiaro.

 

A Marechiaro ce sta na fenesta:

la passiona mia ce tuzzuléa.

Nu garofano addora 'int'a na testa,

passa ll'acqua pe' sotto e murmuléa.

 

A Marechiaro ce sta na fenesta.

 

Chi dice ca li stelle só lucente,

nun sape st'uocchie ca tu tiene 'nfronte.

Sti ddoje stelle li ssaccio i' sulamente,

dint'a lu core ne tengo li ppónte.

 

Chi dice ca li stelle só lucente?

 

Scétate, Carulí, ca ll'aria è doce.

Quanno maje tantu tiempo aggi'aspettato?

P'accumpagná li suone cu la voce,

stasera na chitarra aggio purtato.

Scétate, Carulí, ca ll'aria è doce.

 

 

 

A MARGELLINA

 

Quanno fa notte, 'nterra Margellina,

se sceta 'o mare e canta chianu chiano.

Se fa cchiù doce ll'aria d' 'a marina.

Pure 'e ssirene cantano 'a luntano,

quanno è scurata notte a Margellina.

 

E cu 'sta luna, dint' 'e ssere 'e 'state,

io vularría durmí ma nun è cosa:

mme scetano da 'o suonno sti sserate,

'o mare 'e Margellina e ll'uocchie 'e Rosa.

 

E cu 'sta luna, dint' 'e ssere 'e 'state,

……………………………………………

 

Stelle ch'ascite 'ncielo tutt' 'e ssere,

ca ll'aria doce fa mená suspire.

Io ne cunosco doje e sóngo nere;

e só' lucente; e só' duje uocchie nire.

stelle ca state 'ncielo tutt' 'e ssere…

 

E cu 'sta luna, dint' 'e ssere 'e 'state,

……………………………………………

A Margellina, addó' se danno 'e vase,

ce corre 'o core e ce ha pigliato ll'uso:

se scetano 'e ffigliole dint' 'e ccase

e, da luntano, corrono annascuso

a Margellina addó' só' doce 'e vase.

 cu 'sta luna, dint' 'e ssere 'e 'state,

……………………………………………

 

 

 

ACCAREZZAME

 

Stasera, core e core, 'mmiez'ô ggrano,

addó' ce vede sulamente 'a luna,

io cchiù t'astrégno e cchiù te faje vicino,

io cchiù te vaso e cchiù te faje vasá.

Te vaso, e 'o riturnello 'e na canzone,

tra ll'arbere 'e cerase vola e va.

 Accarézzame.

Sento 'a fronte ca mme brucia.

Ma pecché nun mme dá pace

stu desiderio 'e te?

Accarézzame.

Cu sti mmane vellutate,

faje scurdá tutt' 'e peccate.

Strígneme 'mbracci'a te.

Sott'a stu cielo trapuntato 'e stelle,

mme faje sentí sti ddete 'int' 'e capille.

Voglio sunná guardanno st'uocchie belle,

voglio sunná cu'tté.

Accarézzame.

Sento 'a fronte ca mme brucia.

Ma pecché nun mme dá pace

stu desiderio 'e te?

E nu rilorgio lentamente sona,

ma 'o tiempo s'è fermato 'nziem'â luna.

Io mme vurría addurmí 'mmiez'a stu ggrano

tutta na vita, pe' ll'eternitá.

E tu mm'accarezzasse chianu chiano

e mme vasasse, senza mme scetá.

 Accarezzame...

 

 

 

 

Agata!

 

Io mme metto 'o steccadente in bocca

pe' nun fumá.

Nun ce veco e nun mm'accatto 'e llente

pe' sparagná.

Vivo solo col mensile

d'impiegato comunale,

spacco 'a lira, spacco 'o soldo,

spacco pure 'o "duje centè'".

E tu invece te la intendi

col padrone di un caffè.

Agata!

Tu mi capisci.

Agata!

Tu mi tradisci.

Agata!

Guarda, stupisci!

Ch'è ridotto quest'uomo per te.

Mm'accattaje nu cappelluccio tuosto

tre anne fa.

E, 'a tre anne, 'o tengo sempe 'ncapa.

Nun c'è che fá.

Stu vestito grigio scuro,

s'è cambiato di colore,

mo s'è fatto verde chiaro.

Era n'abito 'e papá.

E mm'ha ditto 'o cusetore:

"Nun 'o pòzzo arrevutá,

ll'aggio troppo arrevutato.

Ve cunziglio d' 'o jettá".

 

Agata!

Tu mi capisci.

 

Ho ridotto il pasto giornaliero,

sempre per te.

'A matina, nu bicchiere d'acqua,

senza cafè.

Vèngo â casa e nun te trovo,

'o purtiere tene 'a chiave:

"Dov'è andata?".

"A' sala 'e ballo".

Mi commuovo e penzo che

te facive 'a partetella,

tutt' 'e ssere, 'nziem'a me.

Mo mme faccio 'o sulitario,

guardo in cielo e penzo a te.

……………………

Agata!

Tu mi capisci.

 

 

 

DICITENCELLO VUJE

 

Dicitencello a 'sta cumpagna vosta

ch'aggio perduto 'o suonno e 'a fantasia,

ch' 'a penzo sempe,

ch'è tutt' 'a vita mia.

I' nce 'o vvulesse dicere,

ma nun ce 'o ssaccio dí.

'A voglio bene,

'a voglio bene assaje.

Dicitencello vuje

ca nun mm' 'a scordo maje.

E' na passione,

cchiù forte 'e na catena,

ca mme turmenta ll'anema

e nun mme fa campá.

Dicitencello ch'è na rosa 'e maggio,

ch'è assaje cchiù bella 'e na jurnata 'e sole.

Da 'a vocca soja,

cchiù fresca d' 'e vviole,

i' giá vulesse sèntere

ch'è 'nnammurata 'e me.

 

'A voglio bene,

…………………

 

Na lácrema lucente v'è caduta,

dicíteme nu poco, a che penzate?

Cu st'uocchie doce,

vuje sola mme guardate.

Levámmoce 'sta maschera,

dicimmo 'a veritá.

Te voglio bene,

te voglio bene assaje.

Si' ttu chesta catena

ca nun se spezza maje.

Suonno gentile,

suspiro mio carnale,

te cerco comm'a ll'aria,

te voglio pe' campá.

 

 

 

'E SPINGULE FRANCESE

 

Nu juorno mme ne jètte da la casa,

jènno vennenno spíngule francese.

Nu juorno mme ne jètte da la casa,

jènno vennnenno spíngule francese.

Mme chiamma na figliola: "Trase, trase,

quanta spíngule daje pe' nu turnese1?"

Mme chiamma na figliola: "Trase, trase,

quanta spíngule daje pe' nu turnese?

 

Quanta spíngule daje pe' nu turnese?"

Io, che sóngo nu poco veziuso,

sùbbeto mme 'mmuccaje dint'a 'sta casa.

"Ah, chi vò' belli spingule francese.

Ah, chi vò' belli spingule, ah, chi vò'?

 

Ah, chi vò' belli spingule francese.

Ah, chi vò' belli spingule ah, chi vò'?"

 

Dich'io: "Si tu mme daje tre o quatto vase,

te dóngo tutt' 'e spíngule francese.

Dich'io: "Si tu mme daje tre o quatto vase,

te dóngo tutt' 'e spíngule francese.

 

Pízzeche e vase nun fanno purtóse

e puo' ghiénchere 'e spíngule 'o paese.

Pízzeche e vase nun fanno purtóse

e puo' ghiénchere 'e spíngule 'o paese.

 

E puó' ghiénchere 'e spíngule 'o paese.

 

Sentite a me ca, pure 'nParaviso,

'e vase vanno a cinche nu turnese.

"Ah, Chi vò' belli spíngule francese.

Ah, Chi vò' belli spíngule, ah, chi vò'?

 

Ah, chi vò' belli spíngule francese.

Ah, chi vò' belli spíngule, ah, chi vò'?"

 

Dicette: "Bellu mio, chist'è 'o paese,

ca, si te prore 'o naso, muore acciso".

Dicette: "Bellu mio, chist'è 'o paese,

ca, si te prore 'o naso, muore acciso".

 

E i' rispunnette: "Agge pacienza, scusa,

'a tengo 'a 'nnammurata e sta ô paese".

E i' rispunnette: "Agge pacienza, scusa,

'a tengo 'a 'nnammurata e sta ô paese."

 

'A tengo 'a 'nnammurata e sta ô paese.

E tene 'a faccia comm' 'e ffronne 'e rosa,

e tene 'a vocca comm'a na cerasa.

Ah, chi vò' belli spîngule francese.

Ah, chi vò' belli spíngule, ah, chi vò'?

 

Ah, chi vò' belli spíngule francese.

Ah, chi vò' belli spíngule, ah, chi vò'?"

CANZONI NAPOLETANE 2    PAG.3 

 
CANZONI CANTANTI GIOVANI
CANZONI CANTANTI VECCHI