PER VISITATORI

 

 

IN RICORDO DELL'AVV.
SALVI SABINO

SUE POESIE  PAG.2


IO CI PROVO

Dopo aver provato sulla propria pelle
che nessuno ti da' niente per niente,
è difficile credere ancora nell'amore.
Quella vita che non sempre è poesia,
un giorno, all'improvviso,
quando non te l'aspetti più,
ti presenta il miracolo :
sei arrivata tu.
Più ti guardo e più capisco di amarti.
Quando c'è l'argento nei tuoi capelli
e sul viso, una ruga che non c'era,
quell'amore diventa poesia.
E' come ritrovare la vita.
Sarebbe un dolore troppo grande
perderla di nuovo.
Ma è dolore anche  vivere così.
Ecco, allora, diventa arduo
il coraggio di tentare
la forza di sopportare
l'umiltà di accettare quanto è possibile.
Mi si dirà: questo è eroismo!
E' vero, soffrire non è facile,
ma provare ad essere felici non è da meno.
Io ci provo
e intanto porto i tuoi baci con me;
puoi crederci, mai ti dimenticherò!




SENSI

Non ha bacinio di colori
ma smorte misture grigiastre,
il mare gessoso
dal quale son preso.
Le sue onde
ampie, quasi immobili,
son morbide tuttavia.




IL TUO RICORDO SCORRE IN ME

Come i miei pensieri nuvole nere
riempiono di silenzio la mia voce stanca,
mentre il tempo dipana la sua rete,
 tu sempre più lontana sei da me.
Scorre nelle mie vene il tuo ricordo,
spazio e tempo non son più infiniti,
e mi ritorna una musica gradita:
"Tu sempre mia sarrai",
perchè la vita
è sempre e solo
la mia terra e tu.




SOLITUDINE

Insegnatemi
a far tacere
i mille grilli
che stridono in me
la loro melopea.
Voglio risentire
il suono del mio cuore,
la voce di me
che inascoltato parlo.
Senza udirmi.





TI RIVEDO

Ti rivedo ridente di piacere
tremante di passione a me abbracciata,
mentre negli occhi tuoi brillanti di colori
si legge l’amor che avevi per me.



IN VERNACOLO NAPOLETANO :


Aggio scritto 'na canzone
comma a tantu tiempe fa
ce sta ammore e a passione
ma o chiù mmeglio chi t'o dda?
Sai che manca?
O sentimento!!! E pe forze, rimme tu.




CORE 'E STU CORE

Core 'e stu core
e guardame
dimme ca 'e pazziate
'o vvì, me scappa a chiagnere
nu 'ncarro cchiù  a parlà.
Core 'e stu core
overo aggio campato r'ammore
'a quanno me diciste 'o primme sì.




NUN PARLA'

Nun parlà
viene a sentì
chistu core mio
ca tene famme
'e 'na passione antica.
Nun parlà
viene a guardà
chist'uocchie mieje,
comme se perdono
dint'a l'uocchie tuoje.
Io sto cca,
'ncantato a te guardà,
tu ca si l'ammore
'o chiu bello c'aggio avuto.
Nu parlà
viene da chistu core
ca tiene 'o ffuoco a dinto
e te po' fa campà
e te po' fa murì.
Nun parlà,
sienteme :
chesta vita nun è vita senza te.





ACCAREZZAME

Accarezzame,
strigneme 'ncoppo 'o core,
famme sentì
'o bbene ca me vuò.
Me piglio tutte 'e mumento
'a smanie 'e te tenè astritte
mentre io vase a te
mentre tu vase a me.
Accarezzame,
strigneme dint 'a sti braccia toje,
me pare ca accussì
nun esite cchiù niente
sulamente io e te
'o sole e 'a luna
'a vita e 'a morte.