Scambio Banner

 

 

POESIE A TEMA

POESIE SULLA POVERTA'


POESIE SULLA POVERTA'


Un povero è povero
Ma è un povero e basta
Per lui non c’è posto.
Il povero guarda, ma nessuno lo vede.
Perché non è nessuno.
Il povero vede il ricco
Circondarsi di persone perbene.
E piange.
Ma nessuno lo vede.
Sente il benestante
fare discorsi  futili.
E lui oggi cosa mangerà?
Il povero è inutile
Perché non ha i soldi
Per pagare la tua amicizia.
Il povero china il suo capo
Quando è umiliato.
Da chi pensa
Di esser migliore.
Il povero è povero.
Ma non è più
Un povero e basta;
può dare il suo amore
a chi come lui
non può pagare
per avere il un sorriso

Antonella  Fadda





solitudine

una solitudini da incubo
non vi squilla mai il telefono
mai vi cercano
un popolo di uomini soli
vagano nella mente della povertà
vagono dove eri importante
in kosovo,
una solitudine da incubo
mi sveglio solo
mi passano affianco
ma li vedo gli egoisti del duemila
indifferenti hai problemi dei mondo
inpotenti sulla poverta umana
troppo veloci, troppo presi
troppo poco pazienti
ti rispondiamo male hai messaggi d'aiuto
solitudine nella pelle
solitudine nella vostra pelle





 La povertà
(Neruda)

Ahi, non vuoi,
ti spaventa
la povertà,
non vuoi
andare con scarpe rotte al mercato
e tornare col vecchio vestito.
Amore, non amiamo,
come vogliono i ricchi,
la miseria. Noi
la estirperemo come dente maligno
che finora ha morso il cuore dell'uomo.
Ma non voglio
che tu la tema.
Se per mia colpa arriva alla tua casa,
se la povertà scaccia
le tue scarpe dorate,
che non scacci il tuo sorriso 
che é il pane della mia vita
Se non puoi pagare l'affitto
esci al lavoro con passo orgoglioso,
e pensa, amore, che ti sto guardando
e uniti siamo la maggior ricchezza
che mai s'è riunita sulla terra.





La peggiore malattia

La peggiore malattia oggi 
e' il non sentirsi desiderati 
ne' amati, il sentirsi abbandonati.
Vi sono molte persone al mondo 
che muoiono di fame, 
ma un numero ancora maggiore 
muore per mancanza d'amore.
Ognuno ha bisogno di amore. 
Ognuno deve sapere 
di essere desiderato, di essere amato, 
e di essere importante per Dio.
Vi e' fame d'amore, 
e vi e' fame di Dio.

Madre Teresa di calcutta





Come sarebbe bello
Se nel buio della notte potessi uscire
e il silenzio delle stelle
sentire. Dopo le parole dette
a casaccio, ho proprio bisogno
che qualcuno nel silenzio sotto
le stelle mi parli
d’amore, di pace, di pazienza,
di buona volontà, di mitezza,
di dominio di sé.
E non di voci come pietre, senza
sussulti. Giudizi come clave,
senza remissione, che i volti della gente
mascherano quando la luce
all’improvviso manca. Di sentirmi
e di vedermi   come mi sente
e mi vede Iddio. Un Dio che scruta
nel mio cuore e la libertà d’essere
me stesso mi desse! Che bello sarebbe!
Ma è solo un desiderio di un vecchio
rincitrullito!

Pasquale Zolla




E quando la fame
ha gli occhi di un bimbo
vorrei chiudere la bocca
per non mangiare
e aprire il cuore 
per poter urlare
quanto è ingiusto il mondo
il mondo
non Dio
...perchè forse
l'unico responsabile
di questo...
sono io

You Don't Knov Me