Scambio Banner

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 

 

POESIE A TEMA

POESIE SULLA FELICITA'


POESIE SULLA FELICITA'

Poesia di Giovanni Pascoli 
La felicità 

Quando, all'alba, dall'ombra s'affaccia,
discende le lucide scale
e vanisce; ecco dietro la traccia
d'un fievole sibilo d'ale,

io la inseguo per monti, per piani,
nel mare, nel cielo: già in cuore
io la vedo, già tendo le mani,
già tengo la gloria e l'amore.

Ahi! ma solo al tramonto m'appare,
su l'orlo dell'ombra lontano,
e mi sembra in silenzio accennare
lontano, lontano, lontano.

La via fatta, il trascorso dolore,
m'accenna col tacito dito:
improvvisa, con lieve stridore,
discende al silenzio infinito.





Ode al giorno felice – Neruda

Questa volta lasciate che sia felice,
non è successo nulla a nessuno,
non sono da nessuna parte,
succede solo che sono felice
fino all’ultimo profondo angolino del cuore.

Camminando, dormendo o scrivendo,
che posso farci, sono felice.
Sono più sterminato dell’erba nelle praterie,
sento la pelle come un albero raggrinzito,
e l’acqua sotto, gli uccelli in cima,
il mare come un anello intorno alla mia vita,
fatta di pane e pietra la terra
l’aria canta come una chitarra.

Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,
tu canti e sei canto.
Il mondo è oggi la mia anima
canto e sabbia, il mondo oggi è la tua bocca,
lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia
essere felice,
essere felice perché sì,
perché respiro e perché respiri,
essere felice perché tocco il tuo ginocchio
ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo
e la sua freschezza.
Oggi lasciate che sia felice, io e basta,
con o senza tutti, essere felice con l’erba
e la sabbia essere felice con l’aria e la terra,
essere felice con te, con la tua bocca,
essere felice.






LA FELICITA' (TRILUSSA)

C’è un’ape che se posa

su un bottone de rosa:

lo succhia e se ne va…

Tutto sommato, la felicità

è una piccola cosa.






SONETTO SULLA FELICITA'

Amor che sul finir del giorno 
appari stanca le tue ali malconce
dietro la schiena ti trascini 
l’aura splende ed illumini 
lo spirito del tempo 
Si schiude l’animo alle tue meraviglie 
un abbraccio fuggir con te per altri lidi 
Tu vetusta madre figlia prodigiosa miracolo di natura
colori con il tuo umore il mare i monti gli alberi 
gli uccelli ridenti volano verso oriente 
cinguettando annunciano novi amori 
L’inanimato si desta al tuo passaggio 
illuminato il bene che infondi nel cuore degli ultimi
poiché tu sei di tutti non hai padroni ne prezzo 
il vile denaro per quanto utile non potrà
mai dire d’ averti fatta sua. 
Un scintillio di luci di te chiuso in un sacchetto 
il bimbo felice si porta con sé
 a casa un tuo breve sorriso 
Il giorno, la notte, aspetti del tuo essere
si ricorrono nel conquistare le tue grazie 
in ogni cosa vivi magica e tacita 
attendi d’essere chiamata per nome 
invocata sussurrata nel silenzio d’ognuno
doni serenità e pace Felicità .
Domenico De Ferraro




LA FELICITA'
Luis Borges

Chi abbraccia una donna è Adamo. La donna è Eva.
Tutto accade per la prima volta.
Ho visto una cosa bianca in cielo. Mi dicono che è la luna, ma
Che posso fare con una parola e con una mitologia?

Gli alberi mi fanno un poco paura. Sono così belli.
I tranquilli animali si avvicinano perché io gli dica il loro nome.
I libri della biblioteca sono senza lettere. Se li apro appaiono.
Sfogliando l’Atlante progetto la forma di Sumatra.

Chi accende un fiammifero al buio sta inventando il fuoco.
Nello specchio c’è un altro che spia.
Chi guarda il mare vede l’Inghilterra.
Chi pronuncia un verso di Liliencron partecipa alla battaglia.

Ho sognato Cartagine e le legioni che desolarono Cartagine.
Ho sognato la spada e la bilancia.
Sia lodato l’amore che non ha né possessore né posseduta,
 ma entrambi si donano.
Sia lodato l’incubo che ci rivela che possiamo creare l’Inferno.

Chi si bagna in un fiume si bagna nel Gange.
Chi guarda una clessidra vede la dissoluzione di un impero.
Chi maneggia un pugnale prevede la morte di Cesare.
Chi dorme è tutti gli uomini.

Ho visto nel deserto la giovane Sfinge appena scolpita.
Non c’è nulla di antico sotto il sole.
Tutto accade per la prima volta, ma in un modo eterno.
Chi legge le mie parole sta inventandole.




FELICITA'
Albano e Romina


LUI: Felicità 
è tenersi per mano andare lontano 
la felicità 
è il tuo sguardo innocente in mezzo alla gente 
la felicità 
è restare vicini come bambini la felicità, 
felicità
LEI: Felicità 
è un cuscino di piume, l'acqua del fiume 
che passa e che va 
è la pioggia che scende dietro le tende 
la felicità 
è abbassare la luce per fare pace 
la felicità, 
felicità

LUI: Felicità 
è un bicchiere di vino con un panino 
la felicità 
è lasciarti un biglietto dentro al cassetto 
la felicità 
è cantare a due voci quanto mi piaci 
la felicità, felicità

INSIEME: Senti nell'aria c'è già 
la nostra canzone d'amore che va 
come un pensiero che sa di felicità 
Senti nell'aria c'è già 
un raggio di sole più caldo che va 
come un sorriso che sa di felicità

LEI: Felicità 
è una sera a sorpresa la luna accesa 
e la radio che va 
E' un biglietto d'auguri pieno di cuori 
la felicità 
è una telefonata non aspettata 
la felicità, 
felicità

LUI: Felicità 
è una spiaggia di notte, l'onda che batte 
la felicità 
è una mano sul cuore piena d'amore 
la felicità 
è aspettare l'aurora per farlo ancora 
la felicità, felicità

INSIEME: Senti nell'aria c'è già 
la nostra canzone d'amore che va 
come un pensiero che sa di felicità 
Senti nell'aria c'è già 
un raggio di sole più caldo che va 
come un sorriso che sa di felicità

Senti nell'aria c'è già 
la nostra canzone d'amore che va 
come un pensiero che sa di felicità 
Senti nell'aria c'è già 
un raggio di sole più caldo che va 
come un sorriso che sa di felicità.