FIABE DI OSCAR WILDE


HOME PAGE NARRATIVA RACCONTI FIABE

IL RAZZO ECCEZIONALE

 

IL RAZZO ECCEZIONALE  DI OSCAR WILDE

Durante la festa di nozze del figlio del re, dopo il banchetto, le danze e gli intrattenimenti vari, era previsto uno spettacolo pirotecnico al quale avrebbe preso parte un razzo molto particolare. Nell’attesa di essere sparati, i fuochi artificiali amavano parlare tra di loro. Il razzo eccezionale invece preferiva vantarsi delle sue grandi qualità, e credeva di essere il pezzo forte della serata. Tuttavia, per ostentare le proprie virtù e la propria sensibilità, si mise a piangere davanti agli "esplosivi" compagni. Fu così che il razzo fu il solo a non prendere fuoco, era così umido che non si accese.
Il giorno dopo fu buttato in un laghetto, e qui venne raccolto da due ragazzini che lo scambiarono per un semplicissimo bastone, mentre il razzo continuava a pensare che stessero aspettando l'occasione più solenne per spiegarne tutta la pirotecnica magnificenza. I ragazzi decisero di metterlo al fuoco e, aspettando che la fiamma prendesse vita, si addormentarono. Siccome era ancora molto umido il razzo non partì subito e ci volle del tempo prima che bruciasse. Quando prese fuoco partì e diede vita ad un incredibile spettacolo pirotecnico, che nessuno riuscì a vedere.




di Oscar Wilde



Classifica di siti - Iscrivete il vostro!