GOVONI : LE COSE CHE FANNO LA DOMENICA

HOME PAGE    DIDATTICA SCUOLA    ANTOLOGIA POETICA   COMMENTI POESIE FAMOSE    LETTERATURA

 


-LE COSE CHE FANNO LA DOMENICA-

 

Poesia di Corrado Govoni -
 

Le cose che fanno la domenica

 

L’odore caldo del pane che si cuoce dentro il forno.

Il canto del gallo nel pollaio.

Il gorgheggio dei canarini alle finestre.

L’urto dei secchi contro il pozzo e il cigolìo della puleggia.

La biancheria distesa nel prato.

Il sole sulle soglie.

La tovaglia nuova nella tavola.

Gli specchi nelle camere.

I fiori nei bicchieri.

Il girovago che fa piangere la sua armonica.

Il grido dello spazzacamino.

L’elemosina.

La neve.

Il canale gelato.

Il suono delle campane.

Le donne vestite di nero.

Le comunicanti.

Il suono bianco e nero del pianoforte.

Le suore bianche bendate come ferite.

I preti neri.

I ricoverati grigi.

L’azzurro del cielo sereno.

Le passeggiate degli amanti.

Le passeggiate dei malati.

Lo stormire degli alberi.

I gatti bianchi contro i vetri.

Il prillare delle rosse ventarole.

Lo sbattere delle finestre e delle porte.

Le bucce d’oro degli aranci sul selciato.

I bambini che giuocano nei viali al cerchio.

Le fontane aperte nei giardini.

Gli aquiloni librati sulle case.

I soldati che fanno la manovra azzurra.

I cavalli che scalpitano sulle pietre.

Le fanciulle che vendono le viole.

Il pavone che apre la ruota sopra la scalèa rossa.

Le colombe che tubano sul tetto.

I mandorli fioriti nel convento.

Gli oleandri rosei nei vestibuli.

Le tendine bianche che si muovono al vento.

 

 

 

Le domeniche sono fatte di immagini, profumi,

 emozioni, sensazioni, ricordi… Ognuno di noi ha un proprio

scrigno interiore in cui conserva le cose che fanno la domenica.

 

Corrado Govoni (1884-1965) ritrae una domenica che non c’è più,

 con la biancheria distesa nel prato e il sole sulle soglie.

O forse esiste ancora, per chi vive lontano dalla città,

o per chi passa il fine settimana di riposo nelle campagne italiane,

 dove forse, a distanza di anni, le atmosfere sono le stesse di sempre.

Questa poesia presenta un catalogo delle cose che si fanno la domenica.

E’ un testo tutto fondato sull’enumerazione: ogni verso ferma un’immagine,

dice un suono, rappresenta un qualsiasi movimento. Il colore conferisce evidenza

ai vari elementi del quadro, le stagioni sono mescolate , la neve coesiste

con le viole e i mandorli fioriti. La poesia di Covoni, se vogliamo tentare

un paragone con la pittura, richiama uno stile un pò naif , volutamente ingenuo,

che con la giustapposizione di elementi semplici riesce a dare una visione

 magicamente suggestiva della vita di campagna.

 



Classifica di siti - Iscrivete il vostro!