HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

POESIE IN VERNACOLO
DI BALDO BRUNO

 
FILASTROCCHE NAPOLETANE
N.4

FILASTROCCHE PAG. 12  -  3  -  4

 

Chiove e male tiempo fa

E case e l'ate è male a stà

 Io me ne vaco e nun me ne curo

Ma tu ca pizza te cotto o culo.

 

 

 

Sciocca e binoccae

o pane chi ciò porta?

Ciò porta Gesù

vatte cocca e statte zitto tu.

 

 

 

Tuon' e lamp' fatte a rassa

chesta è a casa e santu Iasse,

santu Iasse e santu Salvatore

chesta è a casa e nostro Signore,

nostro Signore ieva pe' li campi

Padre, Figliuolo e Spiritu Sante

 

 

 

Quaraesima secca secca

s'è mangiat e fica secca

eggiu ritto: "Rammenne una"

e m'e date nu cavucio n'culo

eggiu ritto: "Rammenne n'ata"

e m'e dat n'a zucculata.

 

 

 

 

Carneval c'ò muss' surunt

quanno è a Pascqua ce facimmo e cunti

quanno a reto me sent e chiammà:

"A putturina m'à vuò pavà?"

 

 

 

 

LUNNERI' LUNNERA'

 

Martedi' nu filaie

miercuri' perdette o fuso

goivedi' o trubaie

viernari' levaie a faccia

sabato me pettinaie

dummeneca jette a messa

 

 

 

 

 

Allì uno

alli doie

alli tre cancelle

'a mammma e 'a figlia

'e zì Giuvannella

conta conta ca durece songhe.

 

 

                       

 

 

Maria 'a mariola

porta a bevere 'e galline

'e galline fanne ll'ova

e maria 'a mariola.

 

Micia micella,

gatta, gattella,

che t’è arrubato?

‘O pane e ‘o caso,

fristallà, fristallà.

 

Maruzza, maruzzella

caccia 'e corna a mammmarella

si nun è bbuò caccià

maruzzè puozze schiattà.

 

Fonzo fonzecchio

tirame sta recchia

tirame stu pere

e Fonzo cu' 'a mugliera.

 

 

 

 

Ogge è festa,

magnammece ‘a menesta.

‘A menesta nun è cotta,

e magnammece ‘a ricotta:

‘a ricotta nun è fresca,

e magnammece ‘a ventresca:

‘a ventresca nun è fellata,

e magnammece ‘a ‘nzalata:

‘a nzalata è senza l’uoglio,

e chiamammo mastu ‘Mbruoglio.

Mastu ‘Mbruoglio è ghiuto ‘a messa

e cu quatto principesse,

e cu quatto cavallucce,

musso ‘e vacca e musso ‘e ciucce.

 

 

 

 

Papà, papà, papà,

tieneme stritto e nun me lassà.

Pè ‘na paura d’auciello grifone

frateme è stato nu traditore:

m’ha acciso e m’ha scannato,

sotto a n ‘arbero m’ha lasciato.

 

 

 

E Maria dint’‘o ciardino

steve a coglie ‘o petrusino.

Petrusino nun ce ne steva

e Maria se ne jeva.

 

 

 

 

Ogge è festa,

e ‘o sorece sta ‘nfesta,

‘a gatta cucina,

e ‘o sorece mette ‘o vino

mette ‘o vino a carafelle

e ‘o ppane a felle a felle

                         

 

 

             

 

 

 

Carulina vascia vascia

mette 'o culo int'a rancascia

se n'addona 'o parrucchiano

Carulina cu' 'o culo mmane.

 

                         

 

 

             

 

 

 

 

Fila fila Catarina

si nun file

te rompo 'e rine.

 

 

 

Tre stelline 'e tutte e sere

e 'nu cestine chino 'e pere,

'nu cuniglio ca zompa dint' 'o prato

e 'nu sciore ca mo' è sbocciato

nu criaturo mo' 'o coglie

cu 'o streppone e cu' 'e foglie

e so porta chiano chiano

stritto stritto dinta 'a mano.

 

 

                         

 

 

 

Chiccolino addò staiei?

Sotto terra, nun 'o ssaie?

E là sotto nun faie niente?

Dormo perciò nun me siente.

Duorme sempe, ma pecché?

Voglio crescere cumme te!

E si assaie crescerrai

Chiccolino che farrai?

Tanti chicchi t'aggia da

e pane frisco a volontà.

 

 

 

 

Io so' gennaio,

songhe 'o primmo arrivato:

cu' me l'anno nuovo

è accumminciato.

Tenghe 'e stelle ca so' agghiacciate

dinto 'o mantiello sto arravugliate;

'e neve tenghe chino pure 'o cappiello.

V'accummiglio ca' nebbia,

ve gelo cu' 'o viento.

 

 

 

             

 

 

 

Salvatore

salvame a me

sette riavule

'ncuorpe a te.

 

 

Peppe 'a scoppetta

'o rasulo e 'a machinetta

spara 'o cannone

e Peppe 'o maccarone.

 

 

 

Mariantò, Mariantò

t'ho ddico tosto tosto

che 'a robba mmane a te

nun 'a voglio chhiù tenè.

 

 

 

 

Lucia Luciella

tene 'o culo a tianella

Lucia, Lucione

tene 'o culo

comme 'nu purtone.

 

 

 

 

 

 

 

Pizzi pizzi trangulapizzi pizzi trangula,

la morte di Santrangula

san trangula e pipì

 Serrafino faceva 'o pane

tutt' 'e mosche s' 'o magnavano

s'o magnavano a poca a vota

parlerò, parlerò

chi è cchiù bella jesce fore

jesce fore â int' 'o ciardino

pizza doce e tagliulino! 

Tagliulino a me,

tagliulino a te

chella vecchia mariola

s'arrubbaje a don Nicola

 don Nicola aizaje 'o bastone

'o bastone se rumpette,

pigliaje 'a scuppetta

a scuppetta nun sparaje

uno, roje, tre e quatte

 

 

 

Sennuzzo

Sennuzzo, va `o puzzo

va a mare

va add'a cummare

vide che te dice

e vienamello `a dicere.

 

 

 



 


PER VISITATORI E POETI