HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

POESIE IN VERNACOLO
DI BALDO BRUNO

 
FILASTROCCHE NAPOLETANE N.3

FILASTROCCHE PAG. 12  -  3  -  4

 

 

Luna, luna,e ‘nu piatto ‘e maccarune;

si nun ce miette ‘o caso

je te rompo ‘a rattacaso.

 

 

 

 

Cicci Bacco‘

ncopp’ ‘a votta,

chi ‘o tira e chi ‘o votta;

chi ‘o votta ‘int’ ‘a cantina,

Cicci Bacco beve ‘o vino

 

 

 

Caccia e bicaccia

 

papa' e ghiute a caccia

'e ccise la bicaccia

 

 

 

Gesu' bambino

Gesù Bambino col tuo ditino

 miette nu sciore nel mio cuoricino:

 o sciore azzurro della bontà

e benedici a mamma e papà

 

 

 

E' Natale

E' Natale, è Natale,

 chi sta buono e chi sta male

: c'è chi mangia e chi sta diune ,

 Gesu' fa sta bbuono a ognuno

 

 

 

Dimane è festa

 

Dimane è festa,

mangiammo 'a menesta

'a menesta non è cotta,

e ce mangiamme a ricotta.

 

Tiramme a funicella,

esce fora Pullecenella

co o piatte e maccarune ,

e se mangia a uno a uno

 

 

 

 

O NFINFERO

 

Venitelo a vedé,

mo passa ‘o nfinfero

cu ‘o cuollo ‘mpusumato

e ‘a capa a gliommero.

E se dà ll’aria ‘e ll’ommo ammartenato…,

ma nun è overo i’ ll’aggiu canusciuto:

è ‘nu bbuono guaglione,

veramente ch’è bbuono,

forze è ttre vvote bbuono,

troppo bbuono, troppo bbuono

pe chella llà!

 

 

 

Ciccio Cicciotto

a carne s'é cotta

'o curtiello nun taglia

e Ciccio 'o battaglia

 

 

 

Comm’è bello stu criaturo

va cuglienno rose e sciure,

chi ne coglie ‘nu panariello

e chi ne coglie ‘nu canestriello.

E purtamme ‘o bammeniello.

O bammeniello se scetaie

e vuleva ‘nu poco ‘e pane,

dicetta a mamma ‘nun ‘nce n’è

e va vire dinto ‘o canestriello

là ‘nce truove e passetielli.

Gesù Cristo nun ‘nce truvaie,

a Madonna s’addunicchiaie,

ddunicchiammoce tutte quante,

ca mo venene li Re magi

cu zampogne e armonia

jammo cantanno l’Ave Maria.

 

 

 

     A PAPA'

Papà, te voglio bbene

ma proprio bbene aasaje,

nu bbene accussì gruosso

ca nun fernesce maje.

Si 'e vvote faccio 'o triste

arrassumiglie a te'.

 

Si tiene assaje penziere

nun te ne' 'ncaricà

astregneme forte 'mpietto

te sacce cunzulà.

 

Sempe vicino a tè

stò figlio tuoio vo' stà

 

Mammà, pe' mmè è 'a reggina

... ma 'o rè, sì tù Papà

 

 

 

A festa e papa'

 

Se dinto o' core tuo

io putesse trasì

truvarria certamente

o' bene ca dico io.

Nu bbene appassiunato

ca nun se vede da fora,

chillo me fa sentì

sicuro e forte ancòra.

Oggi che è a festa toia

te voglio dì papà:

chello ca 'mpietto palpita

te pote cunsulà.

Tu brill nmiezzo a o' mare

e io son a varchetella

ca s'adda arreparà.

Riest alluminato sempre

faro da vita mia.

Sulo accussì sto core

a via non perdarrà.

 

 

 

(Per sfottere i compagni di scuola)

 

E' secca comme a n'alice

ma campa assaie felice

e' sempe assaie cuntenta

e nu capisce o rieste e niente!

 

 

Tene e recchie a parafango

e nomme se chiamma Franco

tene o naso a franfellicco

e ghi'è pur sicco sicco

tanto sicco che pare nu muorto

e quanne cammina va tutte stuorto

 

 

Teresa tutta a notte a tene appesa

Maddalena tene a mamma sempe prena

Pascarella tene a sora assaie bella

Custanza tene o serpe sotto a panza

Luisa va 'mmaneca e 'n cammisa

Salvatore vo' fa a fforza o prufessore

Peppeniello porta e reta nu scartiello

Nicola fa o pireto inta a scola

Vicienzo o caca 'ncienzo

cacaie 'ncoppa a 'na preta

ah Vicienzo e comme fete!

 

 

 

 

O chiatto

perde sempe tutte cose

e tene a capa comme e rosa

ca se sfronna ogni matina

aiere ha perzo o 'mbrello

oggi a chiave do cancello

mo' perde pure o dito

ma nu perde maie l'appetito

mangia sempe in abbondanza

e tene nu quintale e mieze e panza

 

 

                       

 

 

             

 

O gatte e zia Maria

Nù poco chiagne e nù poco ride

Quanno chiagne vo' ò casillo

E quanno ride vo' ò pizzillo

 

 

Quanno n' omme s'era nzurà à mamma ce riceva:

se tà pigli troppo bella cià mettere à sentinella

chi a guarda, chi a zennea, chi và ‘ncoppa e sa ciancea;

se tà pigli troppo brutta tò sienti dicere da tutti:

"che cazzo eri cecato chistu sgorbio s'è pigliate!"

 

 

 

Pe l'annate malamente se diceva:

avuanna è male avuanna; cu ‘ste triste e mal'annate

stamme tutti disperati nun avimme che magnà;

ma nun simme sulo nuie so pure li signuri

ch'e siente e lamenta'

uh! Che sienti la mattina: la mamma cu li figli

ca ‘nu sordo e verdumiglia nun so ponno accatta'

 



 


PER VISITATORI E POETI