PSICOLOGIA :BULLISMO E AUTODIFESA
PSICOLOGIA :  BULLISMO E AUTODIFESA 

HOME PAGE    PSICOLOGIA    POESIE CATARTICHE

 

                                                      

BULLISMO E AUTODIFESA  

 

 

 

 

PROBLEMI PSICOLOGICI

 IL BULLISMO

PERCHE’ SI DIVENTA BULLI  E COME DIFENDERSI ?

 Dal web

 

Il bullismo non comporta solo maltrattamenti fisici. Può includere quanto segue.

 

Violenza verbale: insulti e provocazioni.

Isolamento sociale. Portare all’isolamento o all’esclusione.

Cyberbullismo: rientrano anche l’invio di foto o SMS imbarazzanti usando il telefonino.

 

 Perché alcuni fanno i bulli?

 

Sono stati a loro volta vittime di bullismo. Uno diventa stufo di subire le prepotenze dei  compagni, e così si mette a fare il bullo  per piacere agli altri.

Hanno cattivi maestri a cui ispirarsi. Molte volte i giovani bulli trattano gli altri nel modo in cui genitori, fratelli maggiori o altri familiari trattano il prossimo.

È un modo per apparire superiori nonostante le insicurezze. I ragazzi che fanno i prepotenti assumono un’aria di superiorità che è spesso un modo per mascherare una profonda inquietudine e un profondo senso di inadeguatezza.

 

 Chi ha più possibilità di finire nel mirino di un bullo?

 

I tipi solitari. Certi ragazzi che fanno fatica a relazionarsi si isolano e diventano facili bersagli dei bulli.

 

I ragazzi che vengono considerati diversi. Certi ragazzi sono presi di mira a motivo dell’aspetto, della razza o della religione, o anche perché hanno una disabilità: qualunque cosa a cui un bullo possa aggrapparsi.

Gli insicuri. I bulli si accorgono se una persona ha una bassa opinione di sé. Spesso sono i bersagli preferiti, dato che con tutta probabilità non faranno resistenza.

 

 Cosa puoi fare se sei vittima di bullismo?

 

Non reagire. “I bulli vogliono vedere se riescono a farti stare male”, dice una ragazza. “Se non gli dai soddisfazione, perdono interesse”.

 

Non vendicarti. La vendetta non risolve nulla; peggiora solo le cose.

Non metterti nei pasticci. Nei limiti del possibile, evita le persone e le situazioni che potrebbero rappresentare un pericolo .

Rispondi al bullo come lui non si aspetta .

Usa il senso dell’umorismo. Per esempio se il bullo ti dice che sei sovrappeso, potresti semplicemente scrollare le spalle e dire: “Beh, in effetti qualche chilo potrei anche perderlo!”

Dimostra di avere un certo autocontrollo, cosa che il bullo non ha.

Cerca di acquistare più sicurezza. “I bulli si accorgono se sei teso” e potrebbero sfruttare questo fatto per annientare quel po’ di sicurezza che hai.

Dillo a qualcuno. Secondo un sondaggio, oltre la metà delle vittime di bullismo online non denuncia l’accaduto, forse per vergogna  o per paura di ritorsioni. Ma ricorda: i bulli si sentono forti finché si muovono nell’ombra. Parlarne può essere il primo passo per mettere fine all’incubo.

 

 

 

 
 
 
 

 

 


 


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!