PER VISITATORI


POESIE DI MASSIMO PAUDICE

NOTIZIE FORUM DIRECTORY RICERCA NEL SITO POESIA CHAT

massipau@gmail.com



Da "UNA DIETRO L'ALTRA ed. Spring 2010

FRESCA E PURA

Fresca e pura
come acqua piovana,
hai spento il fuoco
della mia anima urlante.


SEMPRE UGUALE

Non si rimarginerà la ferita
finchè avrò vita.
La vedrò sanguinare.
Nei giorni di pioggia e nei giorni di sole
sarà sempre uguale.
Non potrò dimenticare.



A NUOVA VITA

Nel profondo del tuo corpo
ogni volta muoio,
poi rinasco a nuova vita
di bellezza infinita.


***


POESIE TRATTE DAL LIBRO
"LA LUNA TRA LE DITA"

Blues per me

I miei anni passati
li ritrovo tutti
riflessi nello specchio.
Malinconico li osservo,
uno per ogni ruga sul volto,
tutti per ogni ruga nell’anima.
Gli occhi non sanno celare.






Su un sogno 

Far saltare la logica
liberando il cuore,
che corra a rischio di scoppiare.
Lasciar che sbagli,
che si contorca 
sulle sue scelte errate.

Incrocerò i tuoi occhi
fra mille anime aliene,
mi saluterai abbassandoli
su un sogno appena iniziato.

 




Silenzio alla deriva

Raccontami della luna e del sole,
delle piume avvizzite nel sorriso
di come la notte ritrova i suoi colori
brancolando in quel vuoto
di parole abbandonate ad una eternità
che l’oscurità stritola inesorabilmente.
Non c’è verso di arrivare alle stelle,
non c’è modo di emergere dal buio.
Come astri incandescenti
le speranze si infrangono
sui muri trasparenti delle illusioni
che, dopo avere incendiato
un ultimo sogno,
si lasciano andare 
ad una deriva del silenzio
che non ha mai fine,
regalandoti l’amarezza
di un vuoto che non hai potuto stringere,
prima di precipitare nella sua voce
sventrata da un’eco senza luce.






’Mpont’ ’o munno

Addò fernesc’ ’o mare?
Forz’ addò accumencia ’o cielo,
chi ’o sape.
Lla basc’ so’ comme na cosa sola.
’A luntano pare 
ca chi va pe’ mare
sta vulanno.
Mmità pesce
mmità auciello,
libero ’e passà
da na parte a n’ata,
d’ ’o mare ’o cielo,
dall’acqua all’aria,
d’ ’a vita a vita,
nascenn’ ogni vvota
senza maje murì.






’A via ’e ll’uocchie

Nun trovo maje ’e parole
pe’ dicere chell’ ca sent’.
Pare facile,
ma se fermano ‘mpont’ ’a lengua,
trovano comme nu muro
ca nun sann’ zumpà.
E allora tornano ’a ret’
e piglian’ ’a via ’e ll’uocchie p’ascì.





Parole spase

Parole ’a poco, ’e mmie.
Stasera nun teneno significato,
girano attuorno,
comme na giostra ‘mpazzuta.
Vonn’ ascì,
ma nun sanno ’e niente.
Parole vacant’,
comme nu sacco
cu niente ’a rint’.
Parole ca nun teneno direzione,
comme nu cane senza padrone,
ca vann’ e vanno...
’a nisciuna parte.

So’ sulo carte e cartuscelle sti parole,

’o vient’ ’e spanne tuorn’ tuorn’

e nun teneno senso.







Vient’

Vient’ scioscia forte

io lascio aperta ’a porta,

puortame ’e voce ’e ll’alleria,

io t’aspetto

nun te perdere p’ ’a via.



-----------------

da "UNA DIETRO L'ALTRA ed. Spring 2010 


FELICITA’ PASSATA

Seguo la strada,
quella che hanno scelto i miei piedi.
Distratto da ciò che mi circonda,
mi ritrovo sui luoghi della mia felicità passata,
quelli in cui sono stato con te.




 

SE TU VOLESSI

Se tu volessi,
sarebbe come uscire dal buio,
sarebbe come la fine della siccità,
sarebbe come guarire da una lunga malattia.
Se tu volessi, 
stavolta,
non ti lascerei andare via.
 





TI CERCO

Io ti cerco
oltre i tuoi occhi,
ti cerco
oltre il tuo corpo,
al di là delle convenzioni,
oltre l'immaginazione,
al di là di queste mura,
oltre la paura.
Io ti cerco
oltre ogni censura,
oltre ogni misura,
al di là di ogni cosa.