HOME PAGE       POESIE

 
 

ALLA MARINA

 

Dalle scale che portano alla marina

si sente del mar l’urlo turchino

misto al profumo dei limoneti sparsi

nelle villette a picco sul litorale;

giù, verso la spiaggia, c’è il sapore della salsedine

mischiato con la pelle protesa alla tintarella

sotto un sole che non ha voglia dell’orizzonte

ma fruga, brancola e palpa per tutti gli ombrelloni;

lo sguardo intanto è preso da iridescenti luci

che danno sfumature variegate

fra le grida giocose dei bambini;

il mio desiderio è stare lì,

sedermi alla riva ove s’apre l’azzurro,

lì  sento volare i miei sogni come i gabbiani

di color cenere che non conoscono il futuro.

BALDO BRUNO







 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!