CARLO GOLDONI

HOME PAGE RACCONTI E POESIE RAGAZZI POESIE INTROSPETTIVE DI B.BRUNO NARRATIVA AFORISMI
 

 LA LOCANDIERA

INTERO TESTO

La Locandiera DI Carlo Goldoni

Personaggi importanti :Il Cavaliere di Ripafratta: ricco Cavaliere che disprezza le donne.
Il Marchese di Forlipopoli: nobile di nascita, le sue ricchezze sono state dissipate da lui e dal padre.
Il Conte d'Albafiorita: ricco borghese che si è comprato una carica nobiliare.
Mirandolina, la locandiera: di umili condizioni, ma col suo fascino fa innamorare tutti gli uomini che incontra.
Fabrizio, cameriere della locanda: il padre di Mirandolina ha espresso il desiderio che sua figlia si sposasse con lui.


Lo stile dell'opera
Lo stile e' semplice e scorrevole, l'opera e' in dialetto fiorentino, in quanto la commedia e' ambientata a Firenze. Si tratta di una commedia in prosa.

I temi della locandiera
Nella commedia non ci sono riferimenti al di fuori del mondo reale e sensibile. I temi sono quelli della seduzione, dell'amore inteso come sentimento umano ed ingannevole.

Luogo e Tempo
La commedia e' ambientata a Firenze in una locanda. Il tempo e' contemporaneo a quello in cui scrive l'autore, che per la sua nuova commedia si rifa' alla vita di tutti i giorni. Il 1700 e' il secolo dell'illuminismo in cui ogni riferimento al di fuori del mondo reale non e' considerato, così come non vi sono accenni alla religione. In questo periodo la nobilta' in quanto tale perde d'importanza, mentre è fondamentale il potere economico dei nobili, specie al di fuori dei loro territori. La commedia infatti si riferisce al mondo della borghesia che incomincia ad avere in questo secolo grande importanza e che costituiva il pubblico delle commedie di Goldoni.

Riassunto

Si parla di Mirandolina, una bella e intelligente giovane donna che gestisce a Firenze ,con l'aiuto del suo cameriere Fabrizio, una locanda ereditata dal padre. Lei viene corteggiata da ogni uomo che frequenta la locanda, e soprattutto dal marchese di Forlipopoli, un aristocratico decaduto, e dal conte d'Albafiorita, un mercante che, arricchitosi, ha comprato il titolo di nobiltà. Il marchese, avvalendosi esclusivamente del suo onore , è convinto che basti elargire la sua protezione per conquistare il cuore della bella. Al contrario, il conte, crede che così come ha comperato il blasonato titolo, possa procurarsi l'amore di Mirandolina acquistandole numerosi regali.
Ma la locandiera non si concede a nessuno dei due, lasciando intatta l'illusione di una possibile conquista. I nobili clienti, invaghiti, tardano a lasciare l'osteria, e così facendo contribuiscono alla crescita del profitto e della rinomanza della locanda. L'arrivo del Cavaliere di Riprafratta, un aristocratico altezzoso , sconvolge il fragile equilibrio instauratosi nella locanda. Il Cavaliere, ancorato alle sue origini di sangue blu, lamentandosi del servizio scadente della locanda, rimprovera il conte ed il marchese di essersi abbassati a corteggiare una popolana. Mirandolina, ferita e dispiaciuta per quelle parole, si promette di far sì che il cavaliere s'innamori di lei. In breve tempo, riesce nel suo intento: il Cavaliere cede, e tutto il sentimento d'odio che provava si tramuta in un appassionato amore . Il marchese ed il conte, notando le speciali attenzioni di Mirandolina per il cavaliere, bruciano di gelosia e vogliono vendicarsi del rivale . Il cavaliere dall’altra parte ed è disposto tutto. Mirandolina, con un abile stratagemma riappacifica i nobili riuscendo ad uscire dal gomitolo di passioni ammettendo di aver fatto uno stupido scherzo, si sposa con il cameriere Fabrizio, che l'aveva sempre amata e che mirava a lei anche per diventare il padrone della locanda, e si ripromette di non giocare più con il cuore degli uomini.

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!