HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 

POESIE IN VERNACOLO


 

DIALETTO  CALABRESE



di Giuseppina Amodei

 

Calabresi

Dinnu ca simu i figghi furtunati

'ndavimu u suli pe' pani profumatu

e u mari duci pe' stutari a siti

 

Dinnu ca stu profumu gersuminu

chi s'imbrischia cu rrangia e cu limuna

fu 'mpastatu cu nostru stessu cori

 

'Ndi dissiru co turcu e lu normannu

u grecu l'armenu e u bizantinu

ficiru razza pura da bastarda

e ca li nostri 'ntinni du penseru

'ndannu u poteri i sgrancinannu a luna

 

Ma nugghu 'ndi 'nformau ca simu stati

da sempre ttraversati e 'ntrappulati

da vortici da timpa e da tempesta

ca simu  criaturi scarsi e nudi

e 'ndi sfrattaru da lu nostru tajiu

da li casi di rocca e di sdirrupu

 

E ccussì  suli suli 'ndi 'ndi jimmu

intra a rrughi di strani - nui straneri -

chi nostri testi all'aria e a nostra voria

e sperti e muti sempri in cerca in cerca

i chigh'urtimu mmorzu i poesia

chi nnughu mai lu potti 'mpastoiari 

chi nnugghu stuta e nnugghu po' llordari

mancu li vuci chi s'incappucciaru

 

Ora 'mpastammu a nostra crita duci 

ca crita carda du rrestu du mundu

ora potimu diri ca sapimu

quandu cocchiunu parra du doluri

ma non volimu fari na bandera

ma non volimu fare na bandera.

 

 

Traduzione

Calabresi

Ci dissero che siamo i fortunati figli

che hanno il sole per pane

ed il mare per spegnere la sete

 

Ci dissero che il profumo 

di arancio e gelsomino

sono stati impastati con la pelle

del nostro interno sentire

 

Ci dissero perfino che l'arabo il normanno

il greco il bizantino

fecero razza pura da bastarda

che i nostri filamenti di pensiero

hanno il potere di graffiare il cielo

 

Ma nessuno informò 

che siamo da sempre attraversati

da Vortice e Tempesta

creature dalle vesti stracciate 

sfrattate dalle case di roccia e di dirupo

 

Così siamo andati

nei vicoli stranieri

con teste altere 

portando il nostro orgoglio

di vagabondi silenziosi

cercatori insaziabili dell'unico

spicchio di poesia

non ancora ingabbiato 

non ancora sporcato

dalle squallide lingue incappucciate

 

Adesso che abbiamo impastato

la nostra creta con la creta del Mondo

potremo dire di essere

tra coloro che comprendono il dolore

senza farne bandiera.

GIUSEPPINA AMODEI





PER VISITATORI E POETI