HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 

POESIE IN VERNACOLO


 

DIALETTO  SICILIANO




SALVATORE EQUIZZI

FOCU  D’ESTATI  
di Salvatore Equizzi



TURMENTU
Di Salvatore Equizzi

E' notti, iu vigghiu

nni lu me lettu di rosi e di spini

cu l'immagini tò sempri davanti

chi mi stramma la  vita.

 

E la frevi mi  coci,

e lu chiantu m'annia

pi un disidderiu granni,

pi na gran siti ca 'un si po astutari!

 

E lu me cori angustiatu e stancu

supra lu campanaru di l'amuri,

tira la corda e la campana granni

batti li tocchi di mè agunia.

 

E tu prisenti cu li tò b iddizzi

chi mi grapi li celi,

chi mi scavi l'abissi,

chi m'asciuchi lu chiantu,

chi m'incatini cu li toi catini

e mi strascini versu la fuddia.



TORMENTO

E' notte, io veglio

nel mio letto di rose e di spine

con l'immagine tua sempre davanti

che mi sconvolge la vita.

 

E la febbre mi cuoce,

e il pianto mi annega

per un desiderio grande,

per una gran sete che non riesco a spegnere !

 

E il mio cuore, angustiato e stanco

sopra il campanile dell'amore,

tira la corda e la campana grande

batte i tocchi della mia agonia.

 

E tu presente con la tua bellezza

che mi squarci i cieli,

che mi scavi gli abissi

che mi asciughi il pianto,

che mi incateni con le tue catene

e mi trascini verso la follia.
Salvatore Equizzi




IGNAZIO BUTTITTA
NUN SUGNU PUETA


Non pozzu chiànciri 
ca l'occhi mei su sicchi 
e lu me cori 
comu un balatuni. 

La vita m'arriddussi 
asciuttu e mazziatu 
comu na carrittata di pirciali.
Non sugnu pueta; 
odiu lu rusignolu e li cicali, 
lu vinticeddu chi accarizza l'erbi
e li fogghi chi cadinu cu l'ali;
amu li furturati,
li venti chi strammíanu li negghi
ed annèttanu l'aria e lu celu. 

Non sugnu pueta;
e mancu un pisci greviu
d'acqua duci;
sugnu un pisci mistinu
abituatu a li mari funnuti:
Non sugnu pueta
si puisia significa
la luna a pinnuluni
c'aggiarnia li facci di li ziti;
a mia, la menzaluna,
mi piaci quannu luci
dintra lu biancu di l'occhi a lu voj.

Non sugnu pueta
ma siddu è puisia 
affunnari li manu
ntra lu cori di l'omini patuti
pi spremiri lu chiantu e lu scunfortu;
ma siddu è puisia
sciògghiri u chiacciu e nfurcati,
gràpiri l'occhi a l'orbi,
dari la ntisa e surdi
rumpiri catini lazzi e gruppa:
(un mumentu ca scattu!)...

Ma siddu è puisia
chiamari ntra li tani e nta li grutti 
cu mancia picca e vilena agghiutti;
chiamari li zappatura
aggubbati supra la terra
chi suca sangu e suduri;
e scippari 
du funnu di surfari
la carni cristiana
chi coci nto nfernu:
(un mumentu ca scattu!)... 

Ma siddu è puisia
vuliri milli
centumila fazzuletti bianchi
p'asciucari occhi abbuttati di chiantu;
vuliri letti moddi
e cuscina di sita
pi l'ossa sturtigghiati
di cu travagghia;
e vuliri la terra
un tappitu di pampini e di ciuri
p'arrifriscari nta lu sò caminu
li pedi nudi di li puvireddi:
(un mumentu ca scattu!)

Ma siddu è puisia
farisi milli cori
e milli vrazza
pi strinciri poviri matri
inariditi di lu tempu e di lu patiri
senza latti nta li minni
e cu lu bamminu nvrazzu:
quattru ossa stritti
a lu pettu assitatu d'amuri:
(un mumentu ca scattu!)...

datimi na vuci putenti
pirchi mi sentu pueta:
datimi nu stindardu di focu
e mi segunu li schiavi di la terra,
na ciumana di vuci e di canzuni:
li sfarda a l'aria
li sfarda a l'aria
nzuppati di chiantu e di sangu.

TRADUZIONE

Non posso piangere,
ho gli occhi secchi,
e il mio cuore
è una pietra pesante.

La vita m'ha ridotto
arido e spezzato
come una carrettata di brecciame.

Non sono poeta;
odio l'usignolo e le cicale,
il venticello che carezza l'erba
e le foglie che cadono con l'ali;
amo le bufere,
i venti che disperdono le nuvole
e puliscono l'aria e il cielo.

Non sono poeta,
ma nemmeno un insipido pesce
d'acqua dolce;
sono un pesce selvatico
abituato ai mari profondi.
Non sono poeta
se poesia significa
la luna che pende
e impallidisce le facce dei fidanzati;
la mezzaluna
mi piace quando splende
dentro il bianco dell'occhio del bue.

Non sono poeta;
ma se è poesia
affondare le mani
nel cuore degli uomini che soffrono
per spremerne il pianto e lo sconforto;
ma se è poesia
sciogliere il cappio agli impiccati,
aprire gli occhi ai ciechi,
dare l'udito ai sordi,
rompere catene e lacci e nodi:
(un momento che scoppio)...

Ma se è poesia
chiamare nelle tane e nelle grotte
chi mangia poco e veleno inghiotte;
chiamare gli zappatori
curvati sulla terra
che succhia sangue e sudore;
e strappare
dal fondo delle zolfare
la carne cristiana
che cuoce nell'inferno:
(un momento che scoppio!) ...

Ma se è poesia
volere mille
centomila fazzoletti bianchi
per asciugare occhi gonfi di pianto;
volere letti morbidi
e cuscini di seta
per le ossa storcigliate
di chi lavora;
e volere la terra
un tappeto di foglie e fiori
che rinfreschi lungo il cammino
i piedi nudi dei poveri:
(un momento che scoppio!..)

Ma se è poesia
farsi mille cuori
e mille braccia
per stringere povere madri
inaridite dal tempo e dalla sofferenza
senza latte alle mammelle
e col bambino in braccio:
quattro ossa strette
al petto assetato d'amore:
(un momento che scoppio!...)

Datemi una voce potente
perché mi sento poeta:
datemi uno stendardo di fuoco
e mi seguano gli schiavi della terra,
una fiumana di voci e di canzoni:
gli stracci all'aria
gli stracci all'aria
inzuppati di pianto e di sangue.
IGNAZIO BUTTITTA

****


Versi di SALVATORE MIGLIORE


L'AMURI E LA PASSIONI 

Ccì dissi un vecchiù a un picciriddù : 
“si nun ci fussi l’amuri a passioni nun esistessi“ 

E u picciriddu arrispunniù : 
“ma senza passioni l’amuri a cchì servissi” 

E l’amore rispose: 
“e solu ccù mia cà l’omu arrinnesci a campari 
E sulu ccù mia cà po’ moriri tranquillu” 

E la passioni rispunniù 
“ ma è sulu ccù mia cà l’omu cianci e ridi, 
e sulu ccù mia ca la vita avi sensu, 
Senza di mia l’omu s’ammazzassi.” 

E u vecchiù allura ciancennu : 
“ ma nun fussi megghiù 
e si stassi cchiù tranquilli 
e si murissi in paci 
si nu ci fussiru cchiù 
ne l’amuri e ne la passioni ?” 

E u Picciriddu cà ciancia puru iddu : 
“ma iù allura nun putissi cchiù, 
senza l’amuri e la passioni, 
addivintari vecchiù picchì 
murissi o m’ammazzassi prima.” 
traduzione 


L'AMORE E LA PASSIONE 

Ci disse un vecchio a un bambino 
Se non ci fosse l’amore la passione
 non potrebbe esistere 
E il bambino rispose 
Ma senza la passione l’amore a che servirebbe 
E l’amore rispose 
E solo con me che l’uomo riesce a vivere 
E solo con me che può morire tranquillo 
E la passione rispose 
Ma è solo con me che l’uomo piange e ride 
E solo con me che la vita ha un senso 
Senza di me l’uomo si ammazzerebbe 
E il vecchio allora piangendo 
Ma non sarebbe meglio 
E si starebbe più tranquilli 
E si morirebbe in pace 
Se non ci fossero più 
Ne l’amore ne la passione 
E il bambino che piangeva pure lui 
Ma io allora non potrei più 
Senza l’amore e senza la passione 
Diventare vecchio perchè 
Morirei o mi ammazzerei prima.