HOME PAGE

 

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

 

POESIE IN VERNACOLO


 

DIALETTO  SARDO




FRANCO MACCIONI

Pensamentu

In d’unu giardinu ‘e oro dia cherrer passare
sos annos mios d’etzesa
po ch’istet custu coro
preservadu da ‘ogni male
fintzas a sa die
chi su mundu mi che det leare sa lughe
Cun sa vida attesu
da su logu meu...solu e istimadu.
Attesu,
in paghe santa,
da su mundu malu e ingannadore
po poder intender e godire,
in cussos ultimos alientos mios,
su sabore druche
‘e sa soledade.
E bier dogn’ora
cust’armoniosa dansa  ‘e su Criadore,
su corpus meu
dia cherrer biere
perdidu in su silenziu profundu
fintzas a cando
dogni suspiru si che sied’andadu
e, paris cun issu,
sa malintissione ‘e sos omines
e-i sa vinditta mala ‘e custu mundu.
FRANCO MACCIONI

Segnalazione di merito al Concorso Letterario 
Arborense  di Selezione Editoriale Nazionale
Sezione Poesia Sarda Inedita – XI^ 
  Edizione - Anno 1999   




SOS POETAS

Dae sos cantos chi toccant su coro
e  sos ammentos  de sa pizzinnia,
cheria  intender  poetas de oro
de  s'Elicona  tanta melodia.

Cheria  iscultare da insoro,
bonas  rimas, chi faghent s'allegria,
po  ammentare a nois  su  decoro,
sas isperas, bramas e armonia.

E  semper, cun d'una oghe  prus  bella,
dant  puru  in  prosa  sas  poesias
a  medas  coros tristos  tant'amore,

cun   grande veridade e onore,
dande  a  sas peraulas  fantasias
e un'eterna lughe a dogni  istella.

( Traduzione) 
I  poeti
Dai   canti   che   toccano  il cuore / e i 
ricordi della  fanciullezza, / vorrei  
sentire  i migliori  poeti /dell' Elicona  
tanta melodia. / Vorrei ascoltare da  loro /
buone  rime, che  fanno l'allegria, / per
 ricordare  a  noi il decoro, /le speranze, 
desideri e armonia. /E sempre, con una
voce piů bella, / danno pure le poesie 
in prosa /a molti cuori tristi tanto amore,/
 con grande veritŕ  e  onore, /dando alle 
parole fantasie / e un'eterna luce ad ogni 
stella.
FRANCO MACCIONI




Un  alientu... ( Un alito)

Boghes e lampos custu  sero...
e pizzěnnos  ismarridos  e  lamentos
cun  lůghes  de  ghčrra  e  de  morte!
Iscultade  omines  de  custu  seculu,
in sa terra lassade  sa  vida
cun  lůghes  de  amore...
Non  si   salvat  su  mundu odiande
ed  ass’ora a  sos  giovanos 
lassamos  un'eredidade
po  essere  semper  presente
s'impěgnu,  s'amore  e  sa  virtůde!
Fŕghimos  in  su  mundu  ancora unu ‘entu
chi  sia puru   unu  alientu  a   portar  attčsu
perŕulas,  prinzipěos  e  sentimčntos  bňnos!
Gŕi, abbaidŕnde una  mama  in  pena,
ischimos prŕnghere...po semper
de  aberu... cun  lambrigas !

FRANCO MACCIONI




S'ŮRTIMA  BINNENNA

Madurana a su soli
budroni  d'ŕxinas nobilis
aspettandi su bingiateri
su dii propiziu
a  s 'attesa binnenna.
Si tenner prontas sas tinas 
po arriciri s'axina
mentris s'aria mandara
su fragu de su mustu
in unu profůmu inebrianti.
S'itendiri in s'aria
de primu mangiŕnu
is cantus de giovanas feminas
de pipios che girana allegrusu
tra sos filaris ormai prěvoso
de budronis appena segŕdos.
Un'allegria po tottu sa bidda,
aundi  'oxese de  atrus  tempus
arregordana binnenas
cun festas, cantos e ballos.
A  s'orizzňnti lůxis de fogu
mentris su mustu in sas tinas
sighiri a indondŕi 
meravigliosos  profůmos.
Non esti abbarrau ničnti!
Su fogu a destruěu tottu;
matas de annos, erbas odorňrosas,
pobčras domus raras
cun sas běngias prčnas de vida
e cippus generosňs
a pustis sa binnenna.
S'urtima binnenna
po su  pňberu bingiatčri,
issu puru ormai destruěu,
sighěu da sa disisperaziňni,
sa conca abbascia in su pčttus
in unu zčrriu d'inchietůdini e de morti!
Cun su tempus su mustu ara cambiai
et insara su binu nočdddu in su cŕlixi
ada saludŕre s'ůrtima binnenna.


(Traduzione)
L’ULTIMA  VENDEMMIA         

Maturano al sole
grappoli d’uve nobili
aspettando il contadino
il giorno propizio 
all’attesa vendemmia.
Si preparano i tini
per accogliere l’uve
mentre l’aria trasmette
l’odore  del mosto
in un profumo inebriante.
S’odono nell’aria
di primo mattino 
i  canti di giovani donne,
di bimbi che girano festanti
tra i filari ormai disadorni
di grappoli appena recisi.
Una gioia per tutto il paese,
dove voci d’altri tempi,
fanno immaginare  vendemmie
con feste, canti e balli.
All’orizzonte bagliori di luce,
mentre il mosto nei tini
continua   a inondare
inebrianti   profumi.
Non č rimasto niente!
Il fuoco  ha distrutto tutto;
alberi secolari, cespugli  odorosi
e le umili case  sparse 
con  le vigne piene di vita
e  ceppi generosi  
dopo la  vendemmia.
L’ultima vendemmia
per il povero contadino,
anch’egli  ormai distrutto, 
raggiunto dalla disperazione,
il capo reclina sul petto 
in  un grido di rabbia e di morte! 
Col tempo il mosto cambierŕ
ed il vino novello sui calici
saluterŕ  l'ultima  vendemmia!
FRANCO MACCIONI




SU SERO 

Su sero da 'e Iscanu, cando su sole 
in su mare iscumparet, 
su coro meu si strighe de tristura.. 
Su chelu est de unu ruggiu 'e sognu 
abbaidande attesu su mare.
In custa die ormai andada 
su coro meu chilcat ancora 
unu momentu po biere e iscultare; 
biere buscos de chelcu, 
animales arestes chi curren liberos 
in sa campagna ilde e florida
iscultare ancora prima chi sa die finede 
su riu chi calat da su monte 
e poi, in su silenziu da 'e s'animu meu 
istringher sos 'oggios e narrer una preghiera.

(TRADUZIONE)
 LA SERA 
 La sera da Scano, quando il sole 
 sul mare scompare, 
 il mio cuore si stringe di tristezza. 
 Il cielo e di un rosso di sogno 
guardando lontano il mare. 
 In questo giorno ormai finito 
 il mio cuore cerca ancora 
 un momento per vedere e ascoltare; 
 vedere boschi di quercia, 
 animali selvatici che corrono liberi 
 nella campagna verde e fiorita, 
 ascoltare ancora prima che il giorno finisca 
 il fiume che scende dal monte 
e poi, nel silenzio dell'animo mio 
stringere gli occhi e dire una preghiera. 
FRANCO MACCIONI




PER VISITATORI E POETI