STORIA CONTEMPORANEA(1935-AD OGGI) GUERRA MONDIALE PRIMA PARTE

STORIA CONTEMPORANEA


HOME PAGE NARRATIVA STORIA FIABE

PRIMA PARTE 1935 - AD OGGI

 

TRA LE DUE GUERRE

Diplomazia

La Società delle Nazioni risulta incapace di evitare i conflitti sul piano diplomatico  si crea quella instabilità che consentirà a Hitler di destabilizzare l’ordine mondiale.

Società

Biennio Rosso (1919-1920): nasce il conflitto capitale-lavoro che si risolverà in modo diverso nei vari paesi Germania (vittoria del padronato  Repubblica di Weimar); Italia (avvento del fascismo); USA (New Deal); Russia (abolizione del capitale).

RUSSIA

LA RUSSIA PRIMA DELLA RIVOLUZIONE

Alessandro II introduce alcuni elementi di liberalismo per risanare lo stato di deficit in cui versa il paese Alessandro III conduce la politica russa verso una profonda involuzione  Nicola II risulta incapace di gestire le sorti del paese 1898: nasce il Partito Socialista, fondato da Lenin e Trockij.

LA RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO

Economia: in seguito all’intervento russo nella giuerra, l'industria pesante si era sviluppata a discapito della piccola azienda, provocando una forte concentrazione produttiva.

Politica: gli arresti e le deportazione avevano sgominato i partiti socialisti.

Il potenziale rivoluzionario del proletariato è molto forte  la rivoluzione di febbraio si sviluppa in modo spontaneo, senza direttivi politiche  caduta la dinastia dei Romanov  vuoto di potere: può essere colmato da: conservatori (vogliono solo la costituzione); Menscevichi (vogliono che la guerra continui); Bolscevichi (vogliono che la guerra cessi)  si stabilisce un doppio potere: il governo provvisorio (successore legale del potere zarista) e il soviet dei deputati degli operai (rappresentante del popolo)  i Menscevichi ottengono la maggioranza nel soviet  i Bolscevichi si trovano in grande difficoltà per l'assenza di un gruppo dirigente  Lenin torna a Pietrogrado: fa conoscere le sue idee con le Tesi d'aprile e rifiuta ogni patteggiamento col governo provvisorio  i Bolscevichi iniziano a guadagnare il consenso del popolo  ottengono la maggioranza del soviet e Trockij ne assume la presidenza.

LA RIVOLUZIONE D'OTTOBRE

Ottobre: il congresso proclama il passaggio di potere nelle mani del Soviet, che fonda il suo programma sulla risoluzione del problema della pace  Trockij viene mandata a Brest-Litovsk per discutere con la Germania le condizioni della pace  riesce ad ottenere una momentanea sospensione delle trattative  Lenin ritiene che sia necessario accettare il diktat  Trockij ritiene invece che non si debba accettare il diktat tedesco  torna a Brest-Litovsk e dichiara cessato lo stato di guerra, senza tuttavia firmare la pace  i tedeschi comunicano che avrebbero ripreso le ostilità  Lenin impone la propria volontà (pace di Brest-Litovsk)  Novembre: elezioni dell'Assemblea Costituente  Lenin scorge in essa il pericolo di una restaurazione di istituti ormai superati  i bolscevichi approfittano di una spaccatura in seno alla maggioranza dell’assemblea (socialisti rivoluzionari) denunciano la non rappresentatività della costituente e ne chiedono lo scioglimento  Gennaio: scioglimento della Costituente.

DALLA GUERRA CIVILE ALLA NEP

Dopo lo scioglimento della costituente i conservatori organizzano una campagna contro il nuovo governo guerra civile  i Bolscevichi ricorrono ad una sanguinosa repressione: l'esercito viene ribattezzato col nome di Armata Rossa e Trockij ne assume il comando  colpo mortale alla già stremata economia sovietica: la piccola proprietà fondiaria si fa predominante e fallisce ogni tentativo di organizzare unità agricole di vaste proporzioni per accrescere la produttività  il governo inizia una nuova politica economica (NEP): 1. Viene data ai contadini la possibilità di vendere liberamente il loro raccolto, dopo aver dato un contributo in natura; 2. Le aziende industriali si assumono la piena responsabilità del mantenimento degli operai alle loro dipendenze e ottengono l'autorizzazione di partecipare al libero mercato.

LE DATE IMPORTANTI

1917

Movimento rivoluzionario spontaneo  duplice potere (Governo Provvisorio-Soviet)  ritorna Lenin  potere al Soviet (Bolscevichi ottengono la maggioranza e Trockij diventa presidente).

Armistizio di Brest-Litovsk.

1918

Pace di Brest-Litovsk (febbraio).

Lenin scioglie arbitrariamente l'Assemblea Costituente e prende il potere.

1919

Guerra civile  costituzione della NEP.

GRAN BRETAGNA

ECONOMIA

Per ottenere una sterlina forte si restituisce alla moneta la sua controvertibilità in oro  il livello di stabilizzazione risulta troppo alto e toglie competività ai prodotti inglesi  crollo della esportazioni  il governo rinuncia alla controvertibilità della sterlina  svalutazione  ripresa della esportazioni (i prodotti inglesi si vendevano a prezzi molto bassi)  rientro dei capitali  le banche sono in grado di concedere ampi prestiti alle aziende in difficoltà.

SOCIETA'

Le vicende economiche condussero a conflittualità sociali, senza che però venissero mai messi in discussione i presupposti del sistema socio-politico inglese.

POLITICA INTERNA

Il Partito Laburista, appoggiato dai sindacati subentra al Partito Liberale: l'egemonia resta però ai conservatori, appoggiati dall'aristocrazia e dalle classi medie.

POLITICA ESTERA

Conservatori e laburisti seguono una linea di distensione, basata sul disarmo e su una sicurezza collettiva, garantita dalla Società delle Nazioni.

LA QUESTIONE IRLANDESE

Numerosi scontri sanguinosi tra l'IRA (Irish Republican Army) e le truppe britanniche  George raggiunge un compromesso: l'Irlanda rurale e la popolazione cattolica si sarebbe costituita come Stato libero d'Irlanda con larghe autonomie, mentre il nord del paese, industrializzato e di popolazione inglese, avrebbe continuato a far parte dell'Inghilterra  i nazionalismi radicali non sono soddisfatti e iniziano una guerra fratricida contro il governo di Dublino  1938: l’Irlanda ottiene l’indipendenza completa.

SPAGNA

La guerra civile che insanguinò il paese tra il 1936 e il 1939 assunse il carattere di primo grande scontro armato tra il fascismo e l'antifascismo a livello internazionale.

Spagna: paese ancora in larga misura contadino e con un’agricoltura di tipo semifeudale  grande dislivello tra il ristretto ceto dei grandi proprietari parassitari e il resto della popolazione rurale  incapacità dello Stato, dominato dagli interessi delle classi privilegiate, di seguire una politica di ammodernamento posto al servizio della comunità incapacità della Monarchia di far fronte alla situazione  il generale Miguel Primo De Rivera instaura un regime dittatoriale  1931: elezioni vinte dal Partito Repubblicano (proclamazione della Repubblica; promulgatazione di una nuova Costituzione democratica)  1933: elezioni vinte dalle forze conservatrici (biennio nero: il governo conservatore smantella le riforme precedentemente avviate)  1936: elezioni vinte dal Fronte Popolare Antifascista (PS-PC-Movimento anarchico).

LA GUERRA CIVILE

Numerosi reparti dell'esercito, guidati dal Generalissimo Franco si sollevarono in tutto il territorio  i repubblicani riorganizzano il loro esercito sotto un comando unico  ottengono alcuni importanti successi, ma col tempo la lotta divenne sempre più impari (il fronte era indebolito dai contrasti interni  1939: resa dei Repubblicani  inizia la quasi quarantennale dittatura di Franco, fondata sull’appoggio di esercito, Chiesa e potere economico.

STATI UNITI

I RUGGENTI ANNI '20

Dopoguerra: periodo di grande prosperità economica  il benessere materiale rimane tuttavia negato a consistenti minoranze della popolazione (immigrati, lavoratori non qualificati, negri).

L'AMERICANISMO

Red Scare: i timori per le simpatie sovietiche di una parte del movimento socialista americano, provocano un'ondata reazionaria, che si concluderà solo alla fine del 1920, quando ci si renderà conto che sugli USA non incombeva nessuna rivoluzione bolscevica  profondo risentimento contro Wilson e il suo desiderio di assegnare agli USA il ruolo di garante di pace e democrazia nel mondo  isolazionismo.

ROOSEVELT E IL NEW DEAL

Roosvelt: entra in carica nel 1932 e si rivela presto un personaggio dalla volontà di ferro e dalla forte carica umana  utilizza con grande abilità i mezzi di comunicazione di massa per entrare in sintonia con il paese  New Deal: piano economico  1. blocco di misure miranti ad arrestare la spirale della repressione con un risoluto intervento dello Stato nella vita economica e sociale del paese (contro la teoria liberista del laissez-faire)  2. blocco di misure miranti ad accelerare i tempi della ripresa economica e caratterizzato da un ampio sistema di sicurezza sociale (pensioni di invalidità e di vecchiaia e sussidi di disoccupazione).

BILANCIO DEL NEW DEAL

Economia: risultati modesti (nel 1939 gli USA avevano un livello economico inferiore al 1929).

Società: risultati eccellenti (svaniscono le tracce di intolleranza).

Politica interna: risultati buoni (la democrazia e il potere presidenziale si rafforzano).

Politica internazionale: risultati buoni (politica del disimpegno diplomatico).

 

ITALIA

Situazione prima dell'avvento del fascismo:

- debolezza dello Stato;

- sfacelo della classe liberale;

- incapacità dei socialisti di prendere il potere;

IL FASCISMO

Il fascismo si sviluppò secondo delle fasi ben precise:

Fase movimentista (1919-1922)

Mussolini costituisce a Milano i fasci di combattimento (1919).

Fase istituzionale (1922-1925).

Marcia su Roma (1922): Mussolini si autoinveste del potere politico  il ministero Facta, dimostrando la debolezza del liberalismo, dichiara lo stato d'assedio e si dimette  il Re da a Mussolini e Giolitti l'incarico di riformarlo.

Fase del regime (1925-1933)

Stato e fascismo sono, di fatto, la stessa cosa  Leggi fascistissime: sopprimono le libertà personali, eliminano ogni opposizione con arresti e persecuzioni e instaurano definitivamente la dittatura fascista.

LE DATE IMPORTANTI

1919

Mussolini costituisce a Milano i Fasci di combattimento contro le sinistre.

1922

Marcia su Roma

1923

Legge Acerbo (legge elettorale che doveva facilitare la vittoria del Partito Fascista).

1924

Elezioni governative  il segretario del PSI, Giacomo Matteotti, denuncia i brogli e dopo alcuni giorni viene trovato morto  Politica dell'Aventino.

1925

Leggi Fascistissime (soppressione di tutte le libertà costituzionali) e Patto di Palazzo Vidoni (eliminazione delle opposizioni sindacali).

1929

Patti Lateranensi (abolizione del non-expedit).

GERMANIA

Principale forza politica: Socialdemocratici  divisione interna: USPD (correnti minoritarie) e SPD (maggioranza dei lavoratori)  1919: settimana sanguinosa: insurrezione guidata dagli spatrachisti e soffocata dai Freinkorps (squadre speciali formate da volontari).

LA REPUBBLICA DI WEIMAR

1919: elezioni della Costituente  il Partito Democratico e le forze di centro formano una coalizione Costituzione di compromesso tra esercito, burocrazia e padronato  rafforzamento dei poteri dell'esecutivo; terrore bianco (Freinkorps diventano lo strumento principale della lotta politica); risanamento finanziario e monetario; impegno diplomatico di Stresemann (ottiene l'eliminazione di molte restrizioni imposte alla Germania a Versailles).

HITLER E IL NAZIONALSOCIALISMO

Hitler: approfitta del clima teso sorto in seguito alla depressione economica del ’29  critica violenta contro socialisti e comunisti (traditori della Patria); impegno di restituire alla Germania la sua grandezza; forte carica antiebraica  consenso delle classi medie.

1932: Hindemburg (conservatore) vince le elezioni  1933: Hitler ottiene la cancelleria del Reich e inizia una serie di manovre (GE STA PO; Corte Superiore dei Tradimenti, scioglimento dei partiti)  1934: Hindenburg muore e Hitler si dichiara Fuhrer della Germania  1938: annessione dell'Austria e del territorio dei Sudeti  1939: conquista e spartizione della Cecoslovacchia  Francia e Inghilterra dichiarano guerra alla Germania.

LE DATE IMPORTANTI

1919

Viene proclamata la Repubblica di Waimer (democrazia ricattata).

1920

Hitler fonda il Partito Nazionalsocialista.

1932

Elezioni vinte dal conservatore Hindemburg.

1933

Hitler ottiene la cancelleria del Reich e inizia la sua scalata al potere.

1934

Hindemburg muore e Hitler si dichiara Furer.

1935

Leggi di Norimberga: gli ebrei sono esclusi dalla vita politica del Paese.

1938

Notte dei cristalli: i beni dei negozi degli ebrei vengono confiscati.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

Anni trenta: il sistema di relazioni internazionali stabilito a Versailles inizia a disgregarsi  instaurazione di regimi autoritari e totalitari e ripiegamento dei singoli paesi sui propri problemi interni  la Germania nazista trova le condizioni favorevoli per una politica estera aggressiva: creazione di una Grande Germania sulla base della supremazia razziale.

Dichiarazione di guerra  Francia e Inghilterra avviano contatti con l'URSS per allargare il fronte antinazista  la Russia impegnata a sostenere militarmente la Repubblica di Mongolia contro gli attacchi sloveni e, temendo di affrontare una guerra su due fronti, avvia negoziati con la Germania  patto Molotov-Ribbentrop di non aggressione tra Germania e URSS.

LE OPERAZIONI DI GUERRA

1940

Questa fase:

- interessò Europa e Africa;

- non coinvolse l'URSS e gli USA.

Fronte orientale

Guerra lampo in Polonia (raggruppamento di grandi unità di carrarmati con un massiccio apporto di aerei da bombardamento)  la Polonia viene è cancellata dalle carte geografiche

Inizia la strana guerra (gli eserciti franco-inglesi e tedesco rimangono inermi): i tedeschi rimandarono i loro piani offensivi per le condizioni atmosferiche avverse; gli anglo-francesi pensavano ad una lunga guerra senza eccessivi rischi  Hitler rilanciò la guerra lampo conquistando Belgio, Olanda e Lussemburgo.

Fronte occidentale

Francia:

le truppe tedesche occuparono Parigi: la Francia appare al nord occupata dai tedeschi e al sud libera, ma controllata dalla Germania (Vichy: nuova capitale).

Italia:

dichiara lo stato di non belligeranza  10 giugno: dichiara guerra alla Francia e all'Inghilterra, forte delle strepitose vittorie conseguite dai tedeschi  inizia la guerra parallela (non subordinata agli interessi politici e strategici di Hitler, ma indirizzata a dare all'Italia una posizione egemonica nel Mediterraneo e sui Balcani)  sconfitte in Africa intervento della Germania: occupazione tedesca dell’Africa , sconfitte in Grecia  intervento della Germania: occupazione della Grecia e smembramento della Iugoslavia in numerosi stati-fantoccio  l'Italia diventa un satellite della Germania  crescente distacco tra Paese e regime.

Inghilterra:

Hitler tenta di giungere ad una pace di compromesso con l'Inghilterra, per poter concludere il suo disegno attaccando l'URSS  Churchill rifiuta la pace  battaglia d'Inghilterra (massiccia incursione dell'aeronautica tedesca messa a dura prova da quella inglese e costretta a riconoscere la propria sconfitta)  Hitler blocca i rifornimenti all’Inghilterra  legge affitti e prestiti: gli USA cede in affitto a lunga scadenza materiale militare agli Stati la cui difesa sia considerata di vitale importanza per l'America  rifornimenti all’Inghilterra  sconfitta della Germania

1941

La seconda fase:

- allargò il conflitto all'URSS, agli USA e al Giappone;

- rovesciò le sorti della guerra a favore degli anglo-americani e dell'URSS

Fronte orientale

URSS:

nei piani di Hitler: l'Armata Rossa sarebbe stata liquidata in non più di quattro mesi; l'Inghilterra si sarebbe arresa; gli USA non sarebbero intervenuti  1941: invasione della Russia  eclatante sconfitta delle armate sovietiche l'Armata Rossa, grazie ai rigidi inverni russi e ai continui rifornimenti di armi, riesce a riorganizzarsi e a scongiurare la presa di Mosca  l'indifferenza dimostrata dalle potenze democratiche nei confronti della questione sovietica spinge Stalin a condurre la guerra secondo i propri fini.

Giappone:

politica espansionistica  stato di guerra tra Giappone e USA  in virtù del Patto Tripartito, Italia e Germania dichiarano guerra agli USA  si fondono in un conflitto planetario le due guerre parallele in corso tra Germania, Francia e Inghilterra e tra Giappone e USA.

Fronte occidentale

USA:

l'opinione pubblica americana si sposta a favore dell'intervento: gli USA diventano “arsenale della democrazia” 1941: Roosevelt e Churchill firmano la Carta Atlantica (distruzione finale della tirannia nazista; collaborazione economica tra le Nazioni)

Giappone:

la decisione dei circoli decisionali giapponesi di proseguire nella loro politica espansionistica causò lo stato di guerra tra Giappone e USA.

In virtù del Patto Tripartito, Italia e Germania dichiararono guerra agli USA: si fondevano così in un conflitto planetario le due guerre parallele in corso tra Germania, Francia e Inghilterra e tra Giappone e USA.

Prima metà del 1942

Fronte orientale

Germania:

riapre l'offensiva in Russia, penetrando fino a Sebastopoli e Stalingrado.

Giappone:

dilaga nel Pacifico e nel sud-est asiatico: gli scopi della guerra del Giappone non prevedono l'annientamento dell'avversario principale (USA), ma il riconoscimento da quest'ultimo della grande area di interessi giapponesi.

Fronte occidentale

Hitler costituisce in Europa un sistema di stati-satellite, gravitanti intorno alla Germania nazista e ad essa subordinati  saccheggio delle risorse industriali e agricole dell’Europa  economia di guerra  spietata repressione contro gli oppositori  deportazione degli ebrei: uomini e donne di ogni nazionalità vengono rinchiusi in campi di concentramento  soluzione finale della questione ebraica (totale eliminazione di quel popolo).

Seconda metà del 1942

Nonostante le differenze e la distanza ideologica tra gli anglo-americani e i sovietici, Roosevelt, Churchill e Stalin decidono di concentrare i loro sforzi contro la Germania, considerata il nemico più pericoloso.

Fronte orientale

URSS:

dopo la controffensiva russa nell'inverno 1941-1942 intorno a Mosca, Hitler concentra tutte le sue forze in una offensiva nel Caucaso  Stalingrado resiste e inizia una vigorosa controffensiva  l’esercito tedesco è costretto a ritirarsi.

Fronte occidentale

Pacifico:

sconfitta dei giapponesi nella battaglia di Midway  il Giappone deve rinunciare alla conquista totale della Nuova Guinea.

1943

All'inizio del 1943 la guerra si era trasformata in un conflitto totale, il cui esito dipendeva sempre più dal potenziale economico e dalla resistenza psicologica dei belligeranti.

Fronte orientale

L'Armata Rossa avanza verso la liberazione di tutto il territorio sovietico, l'occupazione dei Paesi Baltici e di quasi tutta la Polonia, fino alla penetrazione nel cuore dell'Europa balcanica  finisce il sistema di alleanze tra la Germania e i suoi paesi-satellite (Romania, Finlandia e Bulgaria), i quali firmarono l'armistizio.

Occidente

Inghilterra:

strategia delle azioni indirette (attacchi periferici attraverso la Norvegia e i Balcani per colpire la Germania nel ventre molle dell'Europa meridionale e assicurarsi così il controllo della Penisola Balcanica prima dell'arrivo dei sovietici).

USA:

Roosevelt vuole concludere al più presto la guerra in occidente per poter liquidare poi il Giappone e attuare in Italia un'azione diversiva per aprire un secondo fronte attraverso uno sbarco sulle coste atlantiche della Francia  gli anglo-americani sbarcano in Sicilia e in poco tempo occupano tutta l'isola  impotenza del fascismo, che aveva portato il Paese non solo alla sconfitta, ma anche alla fame.

Italia:

la monarchia prepara una manovra di sganciamento da Mussolini per chiedere una pace separata  Mussolini, convocato dal Re, viene arrestato e portato nell'isola di Ponza (il regime cade non per una sollevazione di popolo, ma per la sua intima debolezza)  il maresciallo Badoglio si presenta con un nuovo ministero con pieni poteri e intende continuare la guerra al fianco della Germania  Badoglio apre le trattative di pace con gli alleati e i tedeschi fanno affluire nuove divisioni in Italia assumendone il controllo  armistizio di Cassibale (resa incondizionata delle forze armate italiane)  i tedeschi occupano tutti i territori non liberati dagli anglo-americani: si conclude così una delle pagine più buie della classe dirigente italiana e della storia del nostro Paese, parzialmente riscattata da nobili episodi che videro protagonista la Resistenza.

LA FINE DELLA GUERRA

1944: sbarco in Normandia  liberazione di Parigi  1945: Berlino cade (Hitler si era suicidato pochi giorni prima).

Giappone: i circoli dirigenti sono disposti a porre fine alla guerra purché i vincitori assicurino la continuità dell'istituto imperiale e garantiscano la persona dell'Imperatore  Truman, il presidente succeduto a Roosevelt dopo la sua morte, autorizza l'impiego delle bombe atomiche e due ordigni nucleari vengono sganciati su Hiroshima e Nagasaki  1945: l'URSS scende in campo contro il Giappone che si arrende.

Italia: dopo l’armistizio l'Italia è divisa in due:

Sud: Badoglio, ancora al potere nel sud, dichiara guerra alla Germania, nella speranza di ottenere migliori condizioni di pace e lo stato di cobelligeranza  le forze antifasciste rifiutano però di collaborare con il Governo e chiedono l'allontanamento dei Savoia  1944: Palmiro Togliatti, segretario del PC, torna dalla Russia dopo un lungo esilio e convince le forze antifasciste a rimandare a dopo la guerra la soluzione della questione istituzionale  si forma un nuovo Governo Badoglio e i poteri reali passano dalle mani di Vittorio Emanuele III° in quelle del figlio Umberto.

Nord: Mussolini, liberato dal suo esilio, costituisce il Partito Fascista Repubblicano e stabilisce il suo governo a Salò: il PFR non riesce tuttavia a crearsi nè un consenso, nè una base di massa  25 aprile 1945: insurrezione generale dell'Italia del nord  capitolazione delle forze tedesche e fasciste.

LE DATE IMPORTANTI

1935

La Germania si riarma.

1938

Hitler inizia le annessioni aperte: Austria, Cecoslovacchia e Territorio dei Sudeti.

1939

Patto Molotov-Ribbentrop (patto di non-aggressione tra Germania e URSS).

1940

L’Italia dichiara guerra a Francia e Inghilterra. Parigi viene occupata e la Francia divisa.

1941

Hitler inizia l'invasione dell'URSS.

1943

Sbarco degli alleati in Sicilia  Armistizio di Cassibale.

1944

Sbarco in Normandia  liberazione di Parigi.

1945

Il Giappone dichiara la resa.



Classifica di siti - Iscrivete il vostro!