GIANNI SAPERE HOME PAGE

gianni.76@inwind.it


HOME PAGE

BIOGRAFIA

ALTRE POESIE DI G.SAPERE

HOME PAGE AUTORI



DAMMI UN COMMENTO   LEGGI I COMMENTI

POESIE ANCHE IN LINGUA INGLESE E SPAGNOLA

 


PER VISITATORI E POETI

A TE Nasce e muore ancora il sole nella nostra baia e la rugiada insegue sempre i sogni di una libellula nel roveto dietro casa. Ma è breve come un battito d’ali rifugiarsi tra le nuvole o nel becco di una gazza impertinente. Nasce e muore ancora il giorno sui binari dei ricordi e sei lontana, e l’eco della stessa melodia risuona dolce nella testa… eppure, non riscalda questo inverno che non finge, guardo il cielo e so che piove quando piangi. ED E’ GIA’ MATTINA E scriverò di te sotto un mantello bianco. E scriverò di foglie, neve e fango. Ci affonderò le mani e graffierò la terra, e lì divorerò fogli, inchiostro e penna. •••••••••••••••••••••••••••••••••• Affronterò le insidie del tuo sguardo, e sarà il vento a spingermi lontano mentre la marea confusa restituirà il mio relitto al mondo, perché nel mare dei tuoi occhi io sto ancora naufragando. Scioglierai i tuoi pugni chiusi in tasca, e rincorrendoci nel misterioso gioco del “perderci e cercarci”, sarà la tua mano nella mia a sporcarne ancora il bianco riscrivendo i versi di un perverso canto. Io e te, ed è già mattina. SCIE Non è il buio ad oscurare il cielo ma questo amore irrisolto che non vuoi “sentire” mentre ti lasci trasportare dalle nuvole. “Ascoltalo” respirare piano e ricordagli come mi hai salvato da me stesso. Se questa vita scioglierà le sue reti per non trattenerlo allora sarò lì a custodire ogni silenzio per non lasciarti andare via. Sfiora le mie labbra e lascia precipitare questa luna, se le fiamme squarceranno il cielo stanotte, non voltarti - scompari pure - la tua scia sarà il mio rifugio. IL VENTO (2011) Trovai l'ispirazione in un salice piangente, mi rivolsi al sole ed asciugai le sue lacrime. MISTERO PROFONDO È lo stupore di un momento che raccoglie in se tutti gli attimi di una emozione… È il brivido che ti solca la schiena mentre indaghi sul perché di tanta bellezza… È il calore che ti brucia il petto ed il ghiaccio che ti toglie il fiato… È il suo sguardo, mistero profondo ed estasi. LA PIANTAGIONE Nel mio piccolo giardino di gigli e rose cresce possente la tua piantagione di menzogne, innaffiala bene e concimala con cura, presto o tardi anche tu sentirai il gusto amaro dei suoi frutti. INSEGUENDO L’ESTATE Ed è ancora il tuo respiro dentro il mio a soffocare il dolore del giorno e ad affrancare la notte. Ed ancora i tuoi occhi riflessi nei miei a cancellarne le ombre. Non aver paura di inseguire l’estate… Resta vicino a me, nessuno saprà che stiamo cercando il giorno in un altro sogno. GIOCO PERVERSO Se il sole avesse avuto il coraggio di gridare alla luna il suo amore, sarebbe sempre giorno, e se la luna avesse trattenuto i suoi raggi, la notte non avrebbe avuto fine. Ma l'Amore è un gioco perverso di buio e luce, condizione temporanea fatta di albe e tramonti. Un altro cielo Per quanto provo a comprendere mi schianto su un muro di indifferenza eretto in una notte di passione e follia. Oggi brilla un altro sole… Nei tuoi pensieri distanti occhi di rugiada si inseguono in un lago di pianto. Svelami il tuo mistero, donna di pace o donna di guerra, amazzone orgogliosa, cavalchi le mie ossessioni e strazi il mio petto. Lasciami qui, in piedi sotto questo cielo di piombo: amo bagnarmi di pioggia mentre tu cerchi riparo.