FAVOLE  DI ESOPO


HOME PAGE NARRATIVA RACCONTI FIABE

IL CERVO E IL LEONE

IL CERVO  E IL LEONE

 

Spinto dalla sete, un cervo se ne andò ad una fonte; bevve, e  poi rimase ad osservare la sua immagine riflessa nell’acqua. Delle corna, di cui ammirava la grandezza  e il ricco disegno, si sentiva tutto orgoglioso, ma delle gambe non era soddisfatto, perché gli parevano scarne e fragili. Mentre ancora stava riflettendo, ecco un leone che si mette ad inseguirlo. Il cervo si dà alla fuga e riesce per un bel pezzo a tenerlo a distanza, perché la forza dei cervi risiede nelle gambe, come quella dei leoni nel cuore. Finché il piano gli si stese dinanzi spoglio di alberi, egli trovò dunque scampo nella sua maggiore quando giunse in una plaga boscosa, accadde che gli si impigliarono le corna nei rami, non poté più correre e  fu preso. Allora, mentre stava per morire, disse a se stesso: “Me disgraziato! quelle gambe che dovevano tradirmi  mi offrivano la salvezza, e mi tocca invece morire proprio per colpa di quello in cui riponevo tutta la  mia fiducia!”.

  Così molte volte, tra i pericoli, la salvezza ci viene da amici che parevano sospetti, mentre altri in cui avevamo piena fiducia ci tradiscono.



 



Cynegi Network


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!