IL MITO DI GIGE (PLATONE)

 

IL MITO DI GIGE


HOME PAGE      DIDATTICA SCUOLA     POESIE RAGAZZI      COMMENTI POESIE FAMOSE     MITI E LEGGENDE


 

           

IL MITO DI GIGE

IL MITO DI GIGE

 

Nella  mitologia di Platone  trova spazio anche il mito di Gige  . A raccontare questo mito é l' aristocratico Glaucone .Costui  con il mito di Gige vuole  dimostrare questo : si é giusti solo per timore di essere scoperti  ; non solo , ma chi é ingiusto conduce una vita molto più felice rispetto al giusto . Gige era un pastore alle dipendenze del re di Lidia e per via di un nubifragio e una scossa tellurica la terra si squarciò producendo una voragina dove lui pascolava l' armento . A quella vista , pieno di stupore , Gige scese nella voragine e tra le tante meraviglie trovò un cavallo bronzeo , cavo e provvisto di aperture . Vi si affacciò e vide nel suo interno un cadavere di grosse proporzioni , senza nulla addosso , se non un anello d' oro alla mano . Gige glielo sfilò e se ne tornò sopra . Quando poi si fece la riunione dei pastori si presentò anche lui , con l' anello al dito . Mentre se ne stava nel crocchio dei pastori per caso voltò il castone verso di sè e con quell' atto divenne invisibile a tutti quelli che gli stavano accanto , che parlavano come se lui non ci fosse più . Gige rimase a bocca aperta e quando rigirò il castone tornò nuovamente visibile . Dopodichè fece altre prove per vedere le effettive capacità dell' anello : non c'era dubbio : ogni volta che girava il castone verso di sè spariva , quando lo girava verso l' esterno ricompariva . Che cosa fece Gige a questo punto ? Si fece passare per messo del re , ne sedusse la moglie e con il suo aiuto ammazzò il re in persona , diventando lui stesso il sovrano . Concludendo , quale é il significato di questo mito ? Supponiamo che ci siano due di questi anelli portentosi e che uno finisca in mano ad un giusto e l' altro ad un ingiusto : in questo caso il giusto e l' ingiusto si comporterebbero allo stesso modo : nessuno sarebbe infatti così stolto da non toccare la roba d' altri con l' ausilio dell' anello , e tanto il giusto quanto l' ingiusto ruberebbero , ucciderebbero e si unirebbero con le donne altrui . Ma perchè ? Perchè in fondo nessuno in cuor suo considera un bene la giustizia , ma anzi ciascuno , dove crede di poterlo fare , commette ingiustizia . Tutti quanti preferiamo l' ingiustizia alla giustizia , spiega Glaucone , e il mito di Gige ne é  l’esempio lampante ; se c'é gente che non commette ingiustizia non lo fa perchè ama la giustizia , ma perchè ha paura di essere scoperto ! Non solo , ma se avendo a disposizione l' anello di Gige uno non toccase la roba altrui e perseguisse la giustizia passerebbe per idiota presso tutti quanti venissero a saperlo .

 

 

 

 



Cynegi Network

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!