DANTE:"O voi, che per la via d'Amor passate"

DANTE  :  

"O voi, che per la via d'Amor passate"

HOME PAGE
POESIA E NARRATIVA
COMMENTI POESIE SCONOSCIUTE
COMMENTI POESIE SCONOSCIUTE
COMMENTI
POESIE POETI FAMOSI

"O voi, che per la via d'Amor passate"



O voi, che per la via d'Amor passate,

attendete e guardate

s'elli è dolore alcun, quanto 'l mio, grave;

e prego sol ch'audir mi sofferiate,

e poi imaginate

s'io son d'ogni tormento ostale e chiave.

Amor, non già per mia poca bontate,

ma per sua nobiltate,

mi pose in vita sì dolce e soave,

ch'io mi sentia dir dietro spesse fiate:

«Deo, per qual dignitate

così leggiadro questi lo core have?»

Or ho perduta tutta mia baldanza,

che si movea d'amoroso tesoro;

ond'io pover dimoro,

in guisa che di dir mi ven dottanza.

Sì che volendo far come coloro

che per vergogna celan lor mancanza,

di fuor mostro allegranza,

e dentro dallo core struggo e ploro.


 METRICA: sonetto doppio , formato dall’inserimento di un verso settenario dopo ogni verso dispari delle quartine e dopo ogni verso pari delle terzine, per cui lo schema risultante è AaBAaB AaBAaB CDdC DCcD.

- PARAFRASI - Oh voi che passate attraverso la via di Amore, fermatevi e guardate se esiste un dolore pesante quanto il mio, e vi prego unicamente di sopportare di ascoltarmi e che poi immaginiate se io non sono forse albergo e custodia di ogni tormento. - Amore, non certo per il mio scarso valore, ma per via della sua generosità, mi ha posto in uno stato di tale dolcezza e beatitudine che io mi sentivo spesso dir dietro: “Deh, per quale merito costui ha il cuore così lieto?”. - Ora ho perduto tutta la mia sicurezza, che proveniva dalla mia ricchezza d’amore , per cui rimango povero al punto che ho timore anche solo di dirlo. - Cosicché, volendo fare come coloro che per la vergogna nascondono i difetti, fuori ho allegria mentre dentro mi struggo e pianto.
 

 

 

 

 




Classifica di siti - Iscrivete il vostro!