sorridi@pellacanimarco.com
MARCO PELLACANI


Parla con i poeti

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

IL SUO LIBRO
"Echi di poesia"
raccolta di poesie - opera bilingue
f.to 14x20 cm - pp.74
Edizioni il Poetavagabondo
Euro 10,00
CONTATTI


Cynegi Network

POESIE DI MARCO PELLACANI


Marco Pellacani nasce a Modena il 10 marzo 1969,
disabile dalla nascita.Scrive poesie dall'anno 1992 
Diffonde le sue poesie in rete ed è disponibile 
a conoscere i suoi ammiratori.Marco vive a Modena,
è sposato ed ha una bella bambina di nome Maribel. 
Propone e vende le sue opere a tutti quelli
che gliene faranno richiesta.



Resta con me
 
Resta ancora con me
mia cara,
non mi lasciare
e assieme aspetteremo la
primavera
fra il soave profumo dei fiori
appena sbocciati.
 
Resta con me 
mia cara,
non mi lasciare!




NOI,CON UN PIZZICO DI ORGOGLIO
 
Non possiamo correre,
ma abbiamo un cuor che batte forte,
più di mille all'ora.
 
I nostri pensieri vanno sempre più in là,
oltre ad ogni tempo
sguardo e sorriso,
certo,
siamo legati alla sedia, 
e per questo sappiamo aspettare,
vedere lontano
per meglio capire
il tempo che verrà!
 
Dalla sofferenza nasce un sorriso
perchè oramai troppe ne abbiamo passate,
e crediamo sempre di farcela,
proprio noi, 
quando  dai nostri occhi 
una lacrima scende,
ma che importa...
fra mille smorfie 
catturiamo i colori dell'arcobaleno
che viene a visitarci 
dopo mille tempeste!



 
Non possiamo essere uguali 
 
Non voglio essere troppo diverso da te,
lasciami una possibilità
e cammineremo insieme,
credimi,
tu sarai i miei passi e le mie parole,
sarai le mie mani,
ed i miei occhi,
proprio per questo non possiamo essere 
uguali,
ma preziosi nelle nostre diversità
 




Mamma

il tuo figlio nel giovane grembo porti,
un maestoso inchino
ora devo davanti a te 
che  sei tempio e spazio 
creante della vita
perchè donarla saprai
con tanta gioia ed immensa 
meraviglia!





ARRESA
 
Le mie spalle 
sono sul muro,
le mie mani
sono legate.

I miei sogni
corrono ancora 
fra le pozze infangate
della mia felicità,
ma sorrido
prima dell'ultima stupida arresa, 
poi morirò,
non importa.
 





BAMBINA E DONNA    

Nel groviglio dei tuoi capelli
pensieri fanciulli nascondi.
Un giorno come tanti,
per te,
oggi!

Forse sei sorpresa,
del tuo corpo che cambia,
non te l’aspettavi.

Ti guardi allo specchio,
sei  subito dal silenzio avvolta,
confusa e rapita
dai tuoi nuovi desideri.

I tuoi pensieri sono
ancora leggeri,
come quelli di ieri.





CARNEVALE

Carnevale
dai mille colori,
fra le grida e scherzi dei bambini
gioiosi,
là dove il mondo fugace 
si nasconde 
dietro ad una maschera,
ma che importa...
oggi si scherza e si balla,
si gioca
fra i tanti sparsi  coriandoli,
assieme a milioni di
sorrisi soddisfatti
e burloni.





Troppo Tardi
 
Oggi ti ho cercata  
nell'infinito mare delle 
mie solitudini,
ti ho trovata nella piccola goccia d'acqua
che scendeva sul mio viso
e troppo tardi ho capito che
era una lacrima!




Mia bella 
 
Fammi ballare
mia bella
al ritmo della tua musica,
ti prego con tutto 
l'amore che posso
perchè io sono solo quello
e nulla oltre a te
possiedo!




 
COME TI VORREI
 
Al muoversi del mare in
burrasca
cerco le tue mani,
mentre avido vorrei
in poco tempo possederti
per sentirti mia,
e di nessun altro ancor.





 
Desiderio libero
 
Al profumo d' una rosa 
ti penso in questo 
freddo inverno,
mentre sei ancor
lontana da me,
troppo,
ed  il mio cuor piange
goccie di rugiada
al fresco mattino
ancora assonnato.






SARA' GIA' DOMANI
 
Fra un fiore ed un sorriso
cercherò la mia melodia,
proprio là oltre a quelle nuvole basse
cercherò il tuo sorriso,
proprio là oltre a quei giochi di bambino
nasceranno nuove speranze...
e sarà già domani.





Ricordi della nonna
 
La nonna m'aspettava
da sempre attenta sulla porta 
con i suoi occhi felici,
poi m'abbracciava,
e mi raccontava le favole,
dal sapore dei giorni passati,
mentre le mani sfregava sul suo grembiule,
una carezza mi donava quando il pasto 
era pronto,
poi mi chiamava.
 
La nonna canticchiava le 
vecchie canzoni
ed io m'addormentavo
sul suo petto,
al muoversi del ventaglio
dietro le persiane,
al calar della sera,
e pian piano chiudeva la porta,
stava attenta a non svegliarmi,
con delicatezza si muoveva a 
piccoli passi!





PENSIERI DISPERSI
 
sono vicini a mille suoni d'assonnati ricordi,
dove la fitta nebbia leggera
si posa
sulle acque del fiume,
fino ad accarezzare le alte vette del monte.

Il vento sulla pelle,
il frusciare delle acque a cascata
quando i sassi pare accarezzare
mi hanno fatto capire che…
sono ancora vivo.





SPETTATORI INERMI

Spettatori inermi 
siamo noi 
Fermi è meglio restare 
tutto ci scorrerà davanti. 
Il silenzio si romperà troveremo il significato 
di tutto ciò che esiste e capita. 




AL CIELO

Sai mio cielo, 
ho bisogno di te
prendimi con te,
dalla tua immensità
ridonami la pace.

 


E IL MATTINO
 
E il mattino 
è bello averti accanto a me
al mio risveglio,
sapere che ci sei 
in questo giorno.
 
E il mattino 
è bello vedere il tuo sguardo
sempre nuovo
che mi accarezza come quell'aria 
che fuori è briosa
e leggera.
 
E il mattino
è bello sapere che ogni creatura
dal sonno si desta
e riprende vita
per lodare il suo Immenso Padre
Creatore.



LA VERITA'
 
Urlalo forte cara amica,
dimmi che non m'ami.
Spogliati dai tuoi vestiti 
e strappa quei vecchi stracci,
Voglio vedere il tuo viso delicato.
togli la maschera e dimmi 
che non m'ami,
che male c'è?
solo così m'ameai di più!


 
Stupido carnevale
 
Facili sorrisi
d'ipocriti amici
hanno occupato i miei giorni
fino a ieri.
Facili abbracci
per capire solo ora la mia
solitudine,
mentre una lacrima scende
dietro la maschera
d'un cuore bisognoso d'amore
in questo stupido carnevale.




Incertezza d'amore

La stanza è vuota, 
il vento saluta alla finestra ogni mio pensiero,
il tempo pare fermo, 
io faccio finta che tutto vada per il meglio
fra di noi
ma la mia pace trema… .
Resto solo senza te,
e tutto si scuote,
muove ed agita il mio cuore.
Il tempo scriverà la mia vita
accanto a te, 
che ora non ci sei
 




NATALE

Cantano le stelle in cielo
ed a noi dolci vengono a
portarci la vera Luce.
Ecco il lieto evento,
nasce il Bambinello
che porta in se il tempo
eterno,
col suo grande amore
ci avvolge felice.

Oggi è Natale!



***

Padre,
da sempre mi hai nutrito 
con il tuo amore
di uomo, 
con la tua  forza, 
dal tuo azzardo mi hai dato,
regalato la vita,
dal tuo giovane albero 
sono nato
meravigliandoti.
Padre,
in te ritrovo le
mie forti radici e mai e poi mai
potrai allontanarti da me,
perchè
sei parte di me.
___
 
Padre mio,
sol tu mi conosci,
perchè da sempre mi hai 
custodito.
Padre mio,
sono per te  quel tesoro
geloso
che sol tu vuoi possedere.
Padre mio,
sono quello che sono,
mentre tu continui a guardarti allo specchio
io presto mi riconosco
già uomo.
Oggi mi riscopro
Padre,
e da te Padre mio la vita 
si è rigenerata
in tutta la sua bellezza




SEI

Sei forse nel vento,
mio dolce infinito
mentre l'aria m'accarezza
ed i miei capelli spettina?
 
Sei forse nel pianto
mio dolce infinto
mentre il grido cerca la speranza
per un domani migliore?
 
Sei un Uomo,
mio dolce infinito Dio,
questo lo so,
resta con me.
 





VITA
( Tratta dal libro " Frammenti"
 scritto assieme a Mary Bertino)

Vita
scappi,
te ne vai.
Dei tuoi figli non te ne curi,
lasci la fame,
la dov'è.
In altri luoghi regna l'indifferenza,
l'abbondanza,
l'ozio,
la ricchezza sfacciata,
il consumismo.

L'uomo agisce con disprezzo,
e tutti pagano il dazio
in qualche modo.

Tu ora sorridi
vita,a passi pesanti ti allontani da tutti
fino a renderci mortali,
a raggiunger quel bambino,
quel fanciullo,
ragazzo che.
ancor non ti riconosce!




Piccoli sorrisi
 
Piccoli sorrisi
importanti come i quattro stracci
che formano il vestito
di mille colori
che porti addosso.
Piccoli sorrisi
per farne un arcobaleno
dopo la più forte tempesta.
Piccoli sorrisi
per un raggio di sole
che la speranza dona,
come la voce amica
dopo la giornata di solitudine
d’un compleanno
passato da solo
vicino al tuo oggi
verso un nuovo domani.



      Musa

      Oh splendida musa
      lasciami respirare,
      da te presto rapito,
      di poesia in versi.

      Oh mia musa,
      amica e compagna
      della mia nostalgia.
      Presto ti conosco
      allo scandire del giorno
      sempre ritorni.

      Oh musa,
      ti saluto,
      amica di sempre,
      tra le righe dei miei pensieri,
      di una poesia!




      Amo

      Amo per esistere,
      in un cuore vagabondo.
      Amo,
      con tutto me stesso,
      credimi.

      Amo per essere amato,
      altrimenti
      potrei morire, presto!

      Amo tutti,
      anche se spesso doloroso
      mi spoglio,
      come un albero
      in autunno.

      Amo,
      sempre più
      e rido felice, pazzo!






      Cambio pelle

      Oggi
      non posso nascondermi,
      i miei sentimenti
      sono lieti.

      Oggi
      voglio sorridere
      al cielo.

      Cambio
      pelle
      e mi tuffo nel sole
      più bello,
      quello di chi vola,
      quello della mia primavera


 

POESIE TRATTE DAL LIBRO "ECHI DI POESIA"

LA MANO DELL'UOMO

La sua mano guarda,
l'uomo silenzioso:
alcune rughe e calli.
Ecco,
il duro lavoro.
Son curve e tremano le sue dita.
Piange,
al petto la mano appoggia.
 La dolcezza di una carezza,
non ricorda.
Ha fatto tutto,
ma...
mai amato ha!
Bussano alla porta,
è la morte...
l'accoglie l'uomo con gioia,
il viso gl'accarezza .
Or felice,
la sua mano guarda,
cambiata,
 trasformata.
Una letizia nel suo cuor sente,
una pace,
spazio si fa in una lenta danza.
Gli occhi stanchi chiude....
e muore.    


LIBERI D'AMARE

Siamo liberi d'amare
perché la giustizia ed il bene
sconfiggano il male
trionfino sempre.
La strada
la conosciamo,
dobbiamo sceglierla,
desiderarla,
anche se è la più erta e sassosa,
in salita.
Un Uomo è morto per noi,
dal dolore è nata la salvezza,
 noi la possiamo conoscere,
gustare
perché assomigliamo veramente a Lui.
La strada è in salita,
la via è stretta,
ma potremo camminare tenendoci
la mano,
lottare per un mondo migliore
sotto un cielo più azzurro
con i mille colori dell'arcobaleno
infinite colors of the rainbow
 più densi e vivi.

******
ALTRE POESIE


SALIRO'

La scala è scivolosa piena
di ghiaccio,
è l'icona dell'inverno e
della fatica dell'uomo.

O mio Signore,
salirò quella scala
nel cammino della vita,
dammi la forza
per non scivolare,
non farmi
voltare indietro,
i miei ricordi
potrebbero essere troppo
pericolosi,
non voglio fermare
il mio cammino,
aiutami!

O mio Signore,
voglio avvicinarmi
al sole che scalda,
ho tanto freddo,
ma salirò quella scala,
sino ad arrivare a Te.

O mio Signore,
Aprimi la porta del cielo
ed allora  t'abbraccerò.



BACIAMI DIETRO LA MASCHERA

Baciami dietro la maschera,
provaci,
solo allora capirai chi sono,
potrai accettarmi,
con le mie ansie,
paure e brutture.

Baciami dietro la maschera,
chissà se potrai amarmi
e vedere il mio viso?
Forse ti piacerà d'avvero,
credimi.

Baciami dietro la maschera,
scenderà una lacrima
e capirai che sono un uomo
che piange e sorride,
non sapendo neppure il perché.