MITO :Il rapimento di Proserpina

 

Il rapimento di Proserpina


HOME PAGE      DIDATTICA SCUOLA     POESIE RAGAZZI      COMMENTI POESIE FAMOSE     MITI E LEGGENDE


 

           

Il rapimento di Proserpina

(mito greco)

Una volta sulla terra c’era sempre il sole, i prati erano sempre verdi  pieni di fiori e nei campi cresceva ogni ben di Dio.

Era  la Dea  Cerere che seminava, innaffiava le piante e faceva sì che gli alberi fiorissero mettendo sempre frutti. La  figlia Proserpina giocava, invece, nei  boschi  e la sera tornavano a casa insieme intonando canzoni. 

Tra gli Dei, però, c’era  Plutone,  Dio dei morti, il quale regnava sotto terra, al freddo e al buio.

Plutone viveva solo: nessuna donna ,infatti, avrebbe voluto diventare regina delle oscurità.

Un bel dì Plutone scorse Proserpina nei boschi. Se ne innamorò e  decise di rapirla.

Plutone volle lusingarla chiamandola regina,  mentre sulla terra era sceso il tramonto .Cerere , per il dolore ,  lasciò appassire i fiori e tutto smise di crescere.

 

Proserpina cedette per la fame davanti a rossi e succosi chicchi di melograno, che Plutone, furbamente, le aveva messo nella mano. Mangiandoli non sarebbe più ritornata sulla terra.

Proserpina, vista la trappola, fu presa dalla rabbia e Plutone , che ne era innamorato, le confessò il movente.  Così Giove per compassione  decise che Proserpina,  avrebbe vissuto nel regno dei morti  per sei  mesi all'anno ed  per gli altri sei mesi sarebbe ritornata  sulla terra insieme alla madre Cerere facendo ritornare i fiori ed i frutti.

Questo secondo gli antichi spiegava l’alternarsi delle stagioni.

 

 



Cynegi Network

Classifica di siti - Iscrivete il vostro!