L’Ironia manzoniana 

L’Ironia manzoniana

 


HOME PAGE      DIDATTICA SCUOLA     AGGIORNAMENTI LETTERARI     COMMENTI POESIE FAMOSE


L’Ironia manzoniana

 

        L’ironia è sempre presente nei “Promessi Sposi”  ridicolozzando personaggi e situazioni, ma nello stesso tempo Manzoni ci permette di compatirne la sorte . Lo scrittore ha toni di condanna soprattutto per personaggi d’autorità, sia politiche che religiose , fa scaturire, invece, un sorriso di comprensione quando  la situazione comica interessa persone socialmente più umili, soprattutto don Abbondio .

L’ironia nei Promessi sposi  è molto spesso implicita nel linguaggio espressivo che il Manzoni dà ai suoi eroi : un esempio è nel 1º capitolo quando  descrive la guarnigione spagnola parlando dei  soldati  che “insegnavan la modestia alle fanciulle e alle donne del paese”, o  “ accarezzavan di tempo in tempo le spalle a qualche marito, a qualche padre”. Queste espressioni scatenano poi la riflessione sugli abusi subiti dalle persone umili .

Manzoni, per finire, quando sussistono cambiamenti di situazioni, produce nel personaggio un cambio del registro linguistico :  il capitano di giustizia  usa parole pacate per calmare la folla inferocita ,poi le si scaglia contro chiamandola  “ canaglia”, dopo aver ricevuto un sassolino in testa.

 

 

 

 



 


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!