PETRARCA : Fiamma dal ciel su le tue treccie piova

PETRARCA : Fiamma dal ciel su le tue treccie piova

HOME PAGE    DIDATTICA SCUOLA    ANTOLOGIA POETICA   COMMENTI POESIE FAMOSE    LETTERATURA

 

 

Fiamma dal ciel su le tue treccie piova

Fiamma dal ciel su le tue treccie piova,
malvagia, che dal fiume et da le ghiande
per l’altrui impoverir se’ ricca et grande,
poi che di mal oprar tanto ti giova;

5nido di tradimenti, in cui si cova
quanto mal per lo mondo oggi si spande,
de vin serva, di lecti et di vivande,
in cui Luxuria fa l’ultima prova.

Per le camere tue fanciulle et vecchi
10vanno trescando, et Belzebub in mezzo
co’ mantici et col foco et co li specchi.

Già non fustú nudrita in piume al rezzo,
ma nuda al vento, et scalza fra gli stecchi:
or vivi sí ch’a Dio ne venga il lezzo.

 

 

Una pioggia di fuoco scenda su di te [la Chiesa], o malvagia, che da povera e semplice che eri, facendo impoverire gli altri sei diventata ricca e potente poiché ti piace compiere azioni malvagie; nido di tradimenti, in cui si cova tutto il male che si diffonde oggi nel mondo: schiava del vino, del letto, delle vivande, vizi nei quali la lussuria dà la massima prova di sé. Nelle tue stanze vecchi e fanciulle consumano le loro tresche, e in mezzo a loro sta Belzebù coi mantici, il fuoco e gli specchi [strumenti di aiuto al loro piacere]. Tu non crescesti tra gli agi  ma fosti esposta alle intemperie e alla durezza della natura: ora vivi in un modo tale che c'è da augurarsi che ne giunga la puzza a Dio.

 

 

Questo sonetto usa il linguaggio fortemente «realistico» e metaforico secondo i modi della satira e dell'invettiva politica propri della tradizione comica. Vi spicca l'immagine allegorica della Chiesa, prima rappresentata, a indicare la situazione attuale, come meretrice e poi rappresentata come una povera anacoreta nel deserto. Accanto a essa si formano altre immagini e personificazioni: il nido dei tradimenti, l'alcova di lussuria, il palazzo delle feste orgiastiche di Belzebù. Le metafore sono fitte e rilevate (nido, piume, rezzo, vento, stecchi) e così le metonimie (fiamma, trecce, fiume, ghiande, vino, letti).

RETORICA

verso 2 "fiume e ghiande"(metonimia);
verso 3 "impoverir se ricca e grande"(antitesi tra pover e ricca);
verso 5 "nido di tradimenti" (metafora);
verso 7 "letti"(metonimia);
verso 8 "lussuria"(personificazione);
verso 9 "camere"(metonimia), "fanciulle e vecchi"(antitesi);
verso 10 "Belzebub"(epiteto);
verso 12 "piume"(metonimia);
verso 13 "nuda al vento" "stecchi" (metafore).



Classifica di siti - Iscrivete il vostro!